Pagina 3 di 3 PrimaPrima 1 2 3
Risultati da 21 a 23 di 23

Discussione: IVA dovuta su fatture emesse in regime dei minimi ma incassate in regime ordinario

  1. #21
    michelin è offline Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    204

    Predefinito

    Riporto come ho letto da una rivista:

    Come precisato dalla circ. Agenzia delle Entrate n. 73 (§ 3.1.2) del 21 dicembre 2007, i contribuenti minimi hanno l’obbligo di certificazione dei corrispettivi; sulle fatture emesse ai sensi dell’art. 21 del DPR 633/72, deve annotarsi che trattasi di “operazione effettuata ai sensi dell’art. 1, comma 100, della legge finanziaria per il 2008”.
    Da ciò emerge che, anche per tali soggetti, la fatturazione è regolata dall’art. 21 citato il quale, quanto all’emissione del documento, fa riferimento al momento di effettuazione dell’operazione, secondo i criteri dell’art. 6 del medesimo DPR, coincidente con:- il pagamento del corrispettivo, se si tratta di una prestazione di servizi;- la stipulazione del contratto o la consegna del bene, se si tratta di cessione di beni;- la data di emissione della fattura, in caso di fatturazione precedente al verificarsi di uno degli eventi sopra indicati o indipendentemente da essi.
    Tenendo conto di quanto sopra, nel caso in cui il contribuente minimo abbia emesso fatture senza IVA per operazioni effettuate (secondo i criteri sopra indicati) nel 2011, si ritiene che lo stesso nulla debba fare a seguito della fuoriuscita dal regime in esame dal 2012, in quanto gli obblighi ai fini IVA sono stati correttamente adempiuti seguendo le regole sopra indicate. A tal fine, non rileva che le fatture emesse nel 2011 verranno pagate nel 2012.
    Conta il momento in cui l’operazione si considera effettuata ai fini IVA
    Si ipotizzi un professionista che, nel 2011, abbia emesso una fattura per la prestazione resa prima del pagamento del corrispettivo.In tal caso, ai fini IVA, l’operazione si considera effettuata al momento dell’emissione della fattura senza che rilevi il momento in cui avverrà materialmente il pagamento. Quindi, qualora il pagamento sia effettuato nel corso del 2012, il soggetto nulla dovrà fare rispetto alla fattura in questione, poiché l’operazione, nel momento in cui è stata effettuata, era soggetta al regime agevolato. Resta fermo che, secondo quanto sopra indicato, il compenso concorrerà alla formazione del reddito del 2012.
    Quanto sopra indicato vale in tutti i casi in cui il soggetto sia volontariamente fuoriuscito dal regime, oppure escluso dall’anno successivo (ad esempio, dal 2012) a quello in cui sono venuti meno i requisiti di accesso. Diverso trattamento, invece, va applicato in caso di conseguimento, nel corso del periodo d’imposta, di ricavi o compensi superiori a 45.000 euro, ipotesi in cui l’esclusione dal regime opera nell’anno stesso in cui è stato raggiunto tale limite. In tal caso, come precisato dall’Agenzia delle Entrate, è dovuta l’IVA relativa ai corrispettivi delle operazioni imponibili effettuate nell’intero anno solare, determinata, per le fatture emesse nella frazione d’anno antecedente il superamento del predetto limite, mediante scorporo dal corrispettivo indicato in fattura.

  2. #22
    varano80 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    29

    Predefinito

    Riapro la discussione per avere il parare sulla situazione opposta, vale a dire nel caso in cui da regime ordinario si passa al nuovo regime dei minimi (sempre che non ci siano sorprese nell'approvazione della legge di stabilità a fine anno). In questo caso infatti ho emesso fatture per lavori fatti quest'anno che probabilmente (certamente) verranno pagate l'anno prossimo. Tali fatture sono state fatte con iva e ritenuta d'acconto. Mi sembra chiaro che per il discorso iva non ci son problemi, in quanto quella va comunque versata allo stato, anche se non incassata, prima della fine dell'anno. Mi sorgono dubbi invece nel caso della ritenuta d'acconto: visto che poi l'incasso sarà effettuato l'anno prossimo, in regime di minimi e quindi senza ritenuta d'acconto, come ci si comporta? Devo dare comunicazione al mio cliente che essendo variato il regime deve versarmi anche la ritenuta d'acconto (e quindi incasso fattura piena come se l'avessi fatto ad un privato)?

  3. #23
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito IVA dovuta su fatture emesse in regime dei minimi ma incassate in regime ordinario

    Esattamente.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 1 2 3

Discussioni Simili

  1. Regime minimi ed inoltro modello unico per regime ordinario
    Di micmarche nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-09-12, 11:59 AM
  2. Nota di accredito su fatture regime minimi 2011 non incassate
    Di cocram nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-02-12, 07:13 PM
  3. Regime dei minimi o regime ordinario?
    Di Bryan_Fury nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 01-09-11, 06:07 PM
  4. Iva nel Passaggio da Regime dei Minimi a Regime Ordinario
    Di Griffistore nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-02-10, 02:39 PM
  5. Fatture emesse da un professionista nel Regime agevolato 2008
    Di micc52 nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 21-06-08, 07:02 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15