vediamo se qualcuno mi sa rspondere:
Nel 2011 un'impresa di costruzioni acquista un immobile(magazzino), da cui ricavare una dozzina di appartamenti e garage. Per l'acquisto dà una parte in denaro ed una parte si accorda con i proprietari per una permuta di uno degli appartamenti in costruzione. Al momento dell'atto d'acquisto in contemporanea il notaio fa anche l'atto di permuta, per cui quell'appartamento non ancora esistente è stato però a tutti gli effetti già venduto.
In bilancio ho annotato il costo di acquisto totale (compresa la parte in permuta) e nei ricavi ho annotato il ricavo pari al valore della permuta scontata dal prezzo di acquisto (per intenderci costo totale d'acquisto 500.000 euro nei costi, valore della permuta 225.000 nei ricavi).
A fine anno ho messo a rimanenze tutti i costi d'esercizio relativi alla costruzione che ovviamente non è ancora ultimata, queste rimanenze dovrebbero però essere ridotte della parte relativa all'appartamento in permuta per cui ho annotato il ricavo,
posso calcolare in base ai metri quadri totali quanto diquei costi è relativo all'appartamento e stornare così le rimanenze, ma mi rimane un dubbio...
Quell'appartamento non è ancora finito per cui nel 2012 ci saranno altri costi, ma se il ricavo l'ho già tassato ora come faccio poi ad imputare il costo correttamente negli anni successivi?
in pratica ho il ricavo in un anno ed una parte di costo in un altro e non posso sapere a priori quanto sarà quel costo.
Spero di essere stata abbastanza chiara...