Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: acconto su fornitura in contabilità semplificata

  1. #1
    pipelly è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,569

    Predefinito acconto su fornitura in contabilità semplificata

    Ricevo una fattura per acconto di fornitura bene strumentale. Ora la ditta è in semplificata, come registro tale credito per l'acconto pagato visto che in semplificata non esiste lo stato patrimoniale con crediti e debiti?

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Come credito, non certo come costo.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    pipelly è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,569

    Predefinito

    Ovviamente come credito!!!!
    Ma in semplificata il credito dove lo vedi se non c'è lo stato patrimoniale?
    A fine anno chiude il bilancino e quando riapri il credito non c'è più.
    Lo devi fare manualmente ricordandoti?

  4. #4
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Non so se è corretto, ma io lo registrerei come cespite non ancora in uso. Integri il tutto appena il cespite viene acquistato (se non è acquistato fiscalmente non hai dedotto niente).
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  5. #5
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    9,064

    Predefinito

    In semplificata l'annotazione delle fatture per acconto di beni strumenti le registro utilizzando il conto patrimoniale "acconto su immobilizzazioni di beni strumentali" che non influisce sul reddito del semplificato. Il credito non figurerà (proprio perché non esiste situazione patrimoniale per il semplificato) nei conti dell'anno successivo quando, ad esempio, si riceverà la fattura per il saldo. Solo in quel momento, registreremo dal un punto di vista IVA, il saldo al netto dell'acconto; mentre nel registro dei beni ammortizzabili, in relazione al campo costo storico d'acquisto, registreremo il costo al lordo dell'acconto. D'altronde, non possiamo, stando al 102 del TUIR, registrare nei beni ammortizzabili, prima l'acconto come prima parte del costo d'ammortizzare e poi il saldo come variazione del "costo iniziale", almeno che il software non consenta in pendenza dell'entrata in funzione del bene (fatto che non accade con la corresponsione dell'acconto) di escludere questi beni dal calcolo degli ammortamenti.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,090

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pipelly Visualizza Messaggio
    Ovviamente come credito!!!!
    Ma in semplificata il credito dove lo vedi se non c'è lo stato patrimoniale?
    A fine anno chiude il bilancino e quando riapri il credito non c'è più.
    Lo devi fare manualmente ricordandoti?
    Certo è che non lo puoi registrare come costo.
    Dunque come credito e poi quando il cespite entra in funzione lo metti in ammortamento.
    Concordo con Enrico.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  7. #7
    FrancescoG78 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    24

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    D'altronde, non possiamo, stando al 102 del TUIR, registrare nei beni ammortizzabili, prima l'acconto come prima parte del costo d'ammortizzare e poi il saldo come variazione del "costo iniziale...
    A me è recentemente capitata una cosa del genere.
    Parliamo di acquisto cespiti in corso d'anno per una società di persone in contabilità semplificata.
    I due cespiti sono stati consegnati nel Marzo del 2012 (ed entrati in funzione il 31.03.2012) e, in luogo della fattura che si sarebbe dovuta emettere per il suo intero ammontare all'atto della consegna del bene mobile, sono state emesse fatture di acconto (che ovviamente acconto non è) ogni volta che il committente pagava il commissionario: nello specifico, datate 2012, ci sono 4 fatture di acconto per complessivi €10.000,00 + IVA 21%.

    Oltre a violare il dettato dell'art.6 DPR 633/1972, questa non corretta fatturazione del cespite mi crea dubbi circa gli ammortamenti dei beni mobili strumentali che, carta alla mano, sono stati iscritti ad un costo storico pari alla prima fattura di acconto e, dunque, nettamente inferiore al suo costo reale ed effettivo: incrementare il costo storico di iscrizione di volta in volta che il fornitore emette fattura di acconto, non mi sembra affatto una prassi corretta dal momento che non si sta apportando alcuna miglioria al cespite.

    Voi che fareste?! Un paio di idee le ho ma se qualcuno le ha più chiare di me...ben venga!

  8. #8
    Niccolò è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Firenze
    Messaggi
    7,510

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FrancescoG78 Visualizza Messaggio
    ...Voi che fareste?! Un paio di idee le ho ma se qualcuno le ha più chiare di me...ben venga!
    Utilizzerei il conto "Fatture da ricevere" e il bene entrato in azienda a Marzo 2012.
    Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Nagib Mahfuz)
    Se le cose fiscali fossero semplici, chi avrebbe bisogno del Commercialista? (..)
    Niccolò

  9. #9
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    9,064

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FrancescoG78 Visualizza Messaggio
    A me è recentemente capitata una cosa del genere.
    Parliamo di acquisto cespiti in corso d'anno per una società di persone in contabilità semplificata.
    I due cespiti sono stati consegnati nel Marzo del 2012 (ed entrati in funzione il 31.03.2012) e, in luogo della fattura che si sarebbe dovuta emettere per il suo intero ammontare all'atto della consegna del bene mobile, sono state emesse fatture di acconto (che ovviamente acconto non è) ogni volta che il committente pagava il commissionario: nello specifico, datate 2012, ci sono 4 fatture di acconto per complessivi €10.000,00 + IVA 21%.

    Oltre a violare il dettato dell'art.6 DPR 633/1972, questa non corretta fatturazione del cespite mi crea dubbi circa gli ammortamenti dei beni mobili strumentali che, carta alla mano, sono stati iscritti ad un costo storico pari alla prima fattura di acconto e, dunque, nettamente inferiore al suo costo reale ed effettivo: incrementare il costo storico di iscrizione di volta in volta che il fornitore emette fattura di acconto, non mi sembra affatto una prassi corretta dal momento che non si sta apportando alcuna miglioria al cespite.

    Voi che fareste?! Un paio di idee le ho ma se qualcuno le ha più chiare di me...ben venga!
    Le informazioni non sono tante e il bene entrato in funzione va ammortizzato. Se è entrato in funzione vuol dire che l'ultima fattura, salva l'ipotesi di dover operare un collaudo finale obbligatorio, è una fattura di saldo, per cui tutti gli acconti andrebbero redditualizzati, operazione che un CO.GE. significa girocontati da acconti di immobilizzazioni a cespite, fatto che si attua nella contabilità semplificata con una registrazione iva fuori campo e documento interno auto emesso che riepiloga gli acconti.

    Nello stesso tempo si iscrive nel registro cespiti il costo del bene ammortizzabile pari alle fatture d'acconto, anche manualmente.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  10. #10
    FrancescoG78 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    24

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Le informazioni non sono tante e il bene entrato in funzione va ammortizzato. Se è entrato in funzione vuol dire che l'ultima fattura, salva l'ipotesi di dover operare un collaudo finale obbligatorio, è una fattura di saldo, per cui tutti gli acconti andrebbero redditualizzati, operazione che un CO.GE. significa girocontati da acconti di immobilizzazioni a cespite, fatto che si attua nella contabilità semplificata con una registrazione iva fuori campo e documento interno auto emesso che riepiloga gli acconti.

    Nello stesso tempo si iscrive nel registro cespiti il costo del bene ammortizzabile pari alle fatture d'acconto, anche manualmente.
    Cronologicamente abbiamo:

    24.03.2012 - Consegna ed entrata in funzione dei cespiti;
    24.04.2012 - Prima fattura di acconto (€1.666,66 + IVA 21%) --> valore iscritto nel Registro Cespiti
    01.09.2012 - Secondo e Terzo acconto (€3.333,32 + IVA 21%)
    02.12.2012 - Quarto acconto (€1.666,66 + IVA 21%)
    02.02.2013 - Quinto acconto (€1.666,66 + IVA 21%)

    Ribadendo che di acconti non si tratta (poiché gli acconti si corrispondono ex ante e non ex post), potrei capitalizzare le fatture del secondo, terzo, quarto e quinto acconto SOLAMENTE se stessi apportando migliorie al cespite oppure rivalutandolo: ma entrambi i casi non rappresentano la mia fattispecie.

    La data alla quale iscrivere i cespiti al loro costo storico effettivo nel registro dei beni ammortizzabili è il 24.03.2012: tutti gli "incrementi" fatturati successivamente non sono corretti proprio perché non si stanno apportando migliorie ai cespiti.

    Mi sto incartando in un loop infinito...con la contabilità ordinaria avrei già risolto in qualche modo...

Discussioni Simili

  1. Passaggio da un reg. di contabilità ordinaria ad un reg. di contabilità semplificata
    Di marcov77 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 23-03-15, 05:27 PM
  2. Contabilità edicola - Resa superiore alla fornitura
    Di cedA nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-11-12, 09:55 AM
  3. Perdite d'impresa dalla contabilita' ordinaria alla contabilita' semplificata
    Di ConsulTM nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-03-09, 07:24 PM
  4. contabilita semplificata
    Di alessio72 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-03-09, 05:04 PM
  5. Contabilità semplificata
    Di matseba nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-09-07, 03:41 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15