Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Enrico Larocca
  • 1 Post By CATIA71

Discussione: Distrubuzione utili e imposte socio di srl

  1. #1
    Lucamomo90 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5

    Predefinito Distrubuzione utili e imposte socio di srl

    Buongiorno a tutti,

    porto all'attenzione il mio caso: sono socio di un'azienda familiare che opera nel settore retail (supermercati, attività stagionale da aprile a settembre) con una quota del 24%, sana con discreta redditività e senza debiti verso banche. Grazie a Dio, al momento, non ci possiamo lamentare per i risultati che stiamo conseguendo. Nell'esercizio 2016, l'utile ha sfiorato i 130.000€ (di cui sono stati distribuiti 100.000€). Il problema per me socio, tuttavia, sorge nel momento in cui il commercialista mi comunica scadenze fiscali del 2017, che riporto di seguito: 30 giugno circa 8000€ e 30 novembre circa 6000€ a cui bisogna aggiungere le 4 rate da 920 cad.1 di contributi INPS per categoria commercianti. La somma totale di tasse, dunque sfiora i 17.000€. Considerando dunque i 24.000€ percepiti dalla distribuzione dividendi, resta ben poco. Peraltro, l'esercizio 2017 si è chiuso con un utile di poco superiore ai 130.000€ e dunque la situazione dal punto di vista fiscale, mi preoccupa, in quanto le tasse che dovrò pagare saranno di importi simili anche per il 2018. C'è una soluzione a tutto ciò?

    Ps. attualmente stiamo optando per regime di trasparenza fiscale, dunque l'imposizione fiscale grava maggiormente su noi soci al di là dei dividendi distribuiti, è ancora conveniente?

    Grazie per l'attenzione


    Luca
    Ultima modifica di Lucamomo90; 21-02-18 alle 04:39 PM

  2. #2
    paolab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    3,870

    Predefinito

    forse l'importo delle tasse giugno 8.000 comprendeva anche il saldo dell'anno precedente?
    purtroppo l'importo delle tasse è alto... però 17.000 su 24.000 è troppo... ci sono altri redditi oltre ai dividendi?
    Fino a utili 2017 la tassazione dei dividendi avviene su un imponibile del 49,72%, non sull'intero... quindi le cifre indicate mi sembrano eccessive
    la trasparenza conviene qualora si distribuiscano tutti i dividendi.
    **
    A decorrere dagli utili di competenza 2018, distribuiti quindi nel 2019, la tassazione sui dividendi sarà del 26%
    per approfondimenti:
    Dividendi e plusvalenze da partecipazioni: le novità sulla tassazione dei redditi di capitale dopo la Legge di Bilancio 2018: https://www.commercialistatelematico...-capitale.html

  3. #3
    Lucamomo90 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da paolab Visualizza Messaggio
    forse l'importo delle tasse giugno 8.000 comprendeva anche il saldo dell'anno precedente?
    purtroppo l'importo delle tasse è alto... però 17.000 su 24.000 è troppo... ci sono altri redditi oltre ai dividendi?
    Fino a utili 2017 la tassazione dei dividendi avviene su un imponibile del 49,72%, non sull'intero... quindi le cifre indicate mi sembrano eccessive
    la trasparenza conviene qualora si distribuiscano tutti i dividendi.
    **
    A decorrere dagli utili di competenza 2018, distribuiti quindi nel 2019, la tassazione sui dividendi sarà del 26%
    per approfondimenti:
    Dividendi e plusvalenze da partecipazioni: le novità sulla tassazione dei redditi di capitale dopo la Legge di Bilancio 2018: https://www.commercialistatelematico...-capitale.html



    Nessun altro reddito oltre ai dividendi, per 2016 il mio reddito dunque si assestava sui 30.000€ circa.
    Il commercialista quest'estate, dopo che mi comunicò le imposte del periodo (8.000€, giustappunto), mi diede questa spiegazione: "Gli importi sono spiegati naturalmente dall’aumento del reddito (dell'azienda) che, seppur di 20.000 euro, comporta un effetto moltiplicatore tra saldi e acconti dovuto al fatto di dover versare i saldi su redditi per i quali erano stati versati acconti su un reddito inferiore (quello dell’anno precedente), ad acconti calcolati sul nuovo reddito aumentato. Per di più, oltre all’Irepf, lo stesso meccanismo si applica anche all’Inps.
    Naturalmente se la tendenza dell’utile dovesse stabilizzarsi le cifre anch’esse si stabilizzerebbero.
    Da tenere presente che l’utile è formato da rimanenze che, al netto di quelle derivate dagli acquisti fatti a fine anno, risultano di importo esiguo, circa 14.000 euro. L’utile dell’anno 2016, comporta una quota di competenza di ciascuno di euro 33.000 circa."

    Cosa ne pensa?
    Grazie
    Ultima modifica di Lucamomo90; 22-02-18 alle 01:44 PM

  4. #4
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,597

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucamomo90 Visualizza Messaggio
    Nessun altro reddito oltre ai dividendi, per 2016 il mio reddito dunque si assestava sui 30.000€ circa.
    Il commercialista quest'estate, dopo che mi comunicò le imposte del periodo (8.000€, giustappunto), mi diede questa spiegazione: "Gli importi sono spiegati naturalmente dall’aumento del reddito (dell'azienda) che, seppur di 20.000 euro, comporta un effetto moltiplicatore tra saldi e acconti dovuto al fatto di dover versare i saldi su redditi per i quali erano stati versati acconti su un reddito inferiore (quello dell’anno precedente), ad acconti calcolati sul nuovo reddito aumentato. Per di più, oltre all’Irepf, lo stesso meccanismo si applica anche all’Inps.
    Naturalmente se la tendenza dell’utile dovesse stabilizzarsi le cifre anch’esse si stabilizzerebbero.
    Da tenere presente che l’utile è formato da rimanenze che, al netto di quelle derivate dagli acquisti fatti a fine anno, risultano di importo esiguo, circa 14.000 euro. L’utile dell’anno 2016, comporta una quota di competenza di ciascuno di euro 33.000 circa."

    Cosa ne pensa?
    Grazie

    La spiegazione fornita dal suo commercialista appare condivisibile. Se il reddito sale gli acconti pagati in relazione ad un reddito più basso sono insufficienti con incremento del saldo e degli acconti successivi calcolati su base storica.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  5. #5
    Lucamomo90 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    La spiegazione fornita dal suo commercialista appare condivisibile. Se il reddito sale gli acconti pagati in relazione ad un reddito più basso sono insufficienti con incremento del saldo e degli acconti successivi calcolati su base storica.
    Seppur l'aumento del reddito è irrisorio? Quindi non si può far nulla?
    Ultima modifica di Lucamomo90; 23-02-18 alle 01:47 PM Motivo: dimenticanza

  6. #6
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,597

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lucamomo90 Visualizza Messaggio
    Seppur l'aumento del reddito è irrisorio? Quindi non si può far nulla?
    I conteggi sono ormai basati su software per dichiarativi fiscali che almeno su base storica e almeno che non ci siano errori nella determinazione del reddito escludo possano essere errati. Però senza un esame documentale è difficile dire di più.
    Lucamomo90 likes this.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  7. #7
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    546

    Predefinito COSi'

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    I conteggi sono ormai basati su software per dichiarativi fiscali che almeno su base storica e almeno che non ci siano errori nella determinazione del reddito escludo possano essere errati. Però senza un esame documentale è difficile dire di più.
    a occhio probabilmente quegli importi comprendono la quasi totalità delle imposte dovute per l'anno in corso e parli di contributi per cui presumo pure una buona quota di saldo dovuta per l'inps che non sono imposte sono contributi per cui è vero che li paghi ma non fanno parte del carico fiscale. Molto probabilmente quest'anno essendo gli acconti più vicini al carico effettivo il saldo sarà più basso e il totale sarà globalmente più basso.
    Certo che se optate per la trasparenza il carico non potrà che essere più gravoso in quanto le imposte le pagherete a prescindere dalla percezione.
    Lucamomo90 likes this.

  8. #8
    Lucamomo90 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da CATIA71 Visualizza Messaggio
    a occhio probabilmente quegli importi comprendono la quasi totalità delle imposte dovute per l'anno in corso e parli di contributi per cui presumo pure una buona quota di saldo dovuta per l'inps che non sono imposte sono contributi per cui è vero che li paghi ma non fanno parte del carico fiscale. Molto probabilmente quest'anno essendo gli acconti più vicini al carico effettivo il saldo sarà più basso e il totale sarà globalmente più basso.
    Certo che se optate per la trasparenza il carico non potrà che essere più gravoso in quanto le imposte le pagherete a prescindere dalla percezione.
    Il commercialista tuttavia non ha dato così per scontato, che nel nostro caso, sia conveniente optare per il regime ordinario. Quindi ora, onestamente, sono un po' confuso e anche piuttosto sdegnato di dover sborsare queste somme così ingenti su un reddito pressoché modesto.

  9. #9
    Pincopallino è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    proprio lì
    Messaggi
    397

    Predefinito

    Caro Lucamomo,
    non deve essere sdegnato, pagare le tasse dovrebbe essere un piacere
    Ho letto velocemente ma in qualità di socio di srl iscritto ai commercianti, con una quota del 24% e 100.000 di utile secondo me Lei dovrebbe versare anche i contributi INPS sopra il minimale, a meno che non fossero già compresi nelle somme che ci ha esposto.

  10. #10
    Lucamomo90 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pincopallino Visualizza Messaggio
    Caro Lucamomo,
    non deve essere sdegnato, pagare le tasse dovrebbe essere un piacere
    Ho letto velocemente ma in qualità di socio di srl iscritto ai commercianti, con una quota del 24% e 100.000 di utile secondo me Lei dovrebbe versare anche i contributi INPS sopra il minimale, a meno che non fossero già compresi nelle somme che ci ha esposto.
    Caro amico, apprezzo questa sua vena ironica ma parlare di "piacere" nel versare all'erario queste somme alla luce del reddito dichiarato, mi permetta, ma appare quantomeno fuori luogo. Detto ciò, passando alle cose serie: la quota sommaria evidenziata, ovviamente, comprende anche una parte di contributi.

Discussioni Simili

  1. utili ante e post imposte
    Di puma nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-09-15, 09:40 PM
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-10-12, 05:21 PM
  3. Pag.to Anticipato Utili 2011 a Socio Acc.te
    Di sapcons nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-09-11, 02:34 PM
  4. Scrittura Prelievo Utili Socio Accomandante
    Di sapcons nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 11-11-10, 03:26 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15