Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: intrasmissibilità delle sanzioni agli eredi

  1. #1
    Avv.Stefania è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    57

    Predefinito intrasmissibilità delle sanzioni agli eredi

    Buonasera,

    a fine 2010, il contribuente sig. Tizio, riceve un avviso di accertamento da parte dell' AdE per maggior imposta Irpef, Addizionale Comunale , e Regionale (per mero errore di approsimazione per difetto piuttosto che per eccesso ); ad ogni buon conto mostra subito acquiescenza e gli viene accordata la rateizzazione delle somme .

    Purtroppo, dopo il regolare pagamento della prima rata trimestrale, (avvenuta a febbraio o marzo 2011) , viene a mancare , rimanendo insolute le rate successive.

    Nel settembre scorso, gli eredi, accortisi del debito nei confronti dell'erario del loro compianto, si recano presso l'agenzia dell'entrate , per informare (con apposito certificato di morte) i funzionari della sopravvenuta impossibilità di far fronte regolarmente alle rate , e chiedono la riformulazione dell'avviso con il relativo depennamento delle sanzioni comminate (poichè non dovute per effetto dell'intrasmissibilità delle stesse agli eredi).

    Purtropppo, all' odierna, l'AdE non ha ancora interessato gli eredi dei relativi nuovi conteggi , nè ha provveduto ad emettere un nuovo avviso di accertamento a loro intestato , rendendo di fatto, gli eredi impossibilitati ad onorare quanto di loro competenza.

    Se non c'è dubbio che le sanzioni tributarie sono intrasmissibili agli eredi, piuttosto controversa appare la questione relativa agli accessori di legge, ovvero gli interessi moratori , nonchè in caso di mancato pagamento delle rate successive alla prima, se non erro, è prevista un ulteriore sanzione del 60% ; si ipotizzano due soluzioni:

    1) Nel silenzio, si aspetta la cartella esattoriale, e in caso di mancato sgravio delle sanzioni, si agisce dapprima in autotutela e -nei termini- con ricorso (resta il fatto che la cartella sarà onnicomprensiva di interessi )

    2) Si recapita all'AdE una raccomandata A.R. , (con allegato certificato di morte del contribuente) ove si formalizza quanto di già comunicato verbalmente , chiedendo il depennamento delle sanzioni dall' avviso di accertamento; e cio' al fine di interrompere gli interessi moratori .

    Resto in attesa di un Vostro prezioso consiglio
    Grazie, Stefania
    Ultima modifica di Avv.Stefania; 21-03-12 alle 05:10 PM

  2. #2
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Galliate
    Messaggi
    235

    Predefinito

    io adotterei la soluzione 2
    Il dubbio è il padre del sapere

  3. #3
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avv.Stefania Visualizza Messaggio

    1) Nel silenzio, si aspetta la cartella esattoriale, e in caso di mancato sgravio delle sanzioni, si agisce dapprima in autotutela e -nei termini- con ricorso (resta il fatto che la cartella sarà onnicomprensiva di interessi )

    2) Si recapita all'AdE una raccomandata A.R. , (con allegato certificato di morte del contribuente) ove si formalizza quanto di già comunicato verbalmente , chiedendo il depennamento delle sanzioni dall' avviso di accertamento; e cio' al fine di interrompere gli interessi moratori .
    La soluzione 1) è senz'altro la più valida, a mio avviso.
    Con la 2) non credo che si bloccheranno gli interessi moratori, posto che essi seguono l'imposta, e finchè essa non viene pagata continuano comunque a maturare.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  4. #4
    Avv.Stefania è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto Luca Grilli Visualizza Messaggio
    io adotterei la soluzione 2
    Ciao Roberto, anzitutto grazie per il Tuo intervento.

    Quindi, in definitiva, ritieni che il verificarsi dell'evento interruttivo degli interessi (con saggi anche piuttosto elevati ai sensi dell'art. 21 dpr. 602 del 29 settembre 1973 in combinato all'art. 19 , comma 1,applicano -addirittura- il 4,5 per cento annuo” ) potrebbe produrre i suoi effetti a far data dalla ricezione della comunicazione A.R. ?

    Ciao, di nuovo grazie
    Saluti
    Stefania

  5. #5
    Avv.Stefania è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    La soluzione 1) è senz'altro la più valida, a mio avviso.
    Con la 2) non credo che si bloccheranno gli interessi moratori, posto che essi seguono l'imposta, e finchè essa non viene pagata continuano comunque a maturare.
    Ciao Danilo, sinceramente nemmeno ritengo giusto che l' Ade mi recapiti la cartella esattoriale anche dopo 7-8 anni, applicando tutti quegli interessi che fungono da sanzione.

  6. #6
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Galliate
    Messaggi
    235

    Predefinito

    Non sono in grado di dirti senza approfondire se la raccomandata blocca la maturazione degli interessi, tuttavia ho suggerito la soluzione 1 per evitare che l'AdE possa contestare in futuro l'inerzia da parte degli eredi del contribuente deceduto.
    Il dubbio è il padre del sapere

  7. #7
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avv.Stefania Visualizza Messaggio
    Ciao Danilo, sinceramente nemmeno ritengo giusto che l' Ade mi recapiti la cartella esattoriale anche dopo 7-8 anni, applicando tutti quegli interessi che fungono da sanzione.
    Comprendo e avallo che non è giusto. Ma la soluzione 2), come ti ha sopra confermato il collega Grilli, serve ad altro, non certo a bloccare il decorso degli interessi, che per legge maturano finchè l'imposta non viene pagata.
    Se vuoi bloccare gli interessi devi solo far pagare l'imposta, ed attendere la cartella per le sanzioni, che ovviamente impugnerai.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  8. #8
    Avv.Stefania è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Comprendo e avallo che non è giusto. Ma la soluzione 2), come ti ha sopra confermato il collega Grilli, serve ad altro, non certo a bloccare il decorso degli interessi, che per legge maturano finchè l'imposta non viene pagata.
    Se vuoi bloccare gli interessi devi solo far pagare l'imposta, ed attendere la cartella per le sanzioni, che ovviamente impugnerai.

    Si, hai perfettamente ragione, un ottimo suggerimento. Peraltro, avrebbero potuto continuare a benificiare della rateizzazione , al contrario adesso sono tenuti al pagamento in unica soluzione per adempiere all'obbligazione tributaria ed estinguere i relativi interessi moratori.

    Sul mod. f24, trovo la sezione contribuente e quindi riporto i dati del de cuius , subito dopo il codice fiscale dell'erede con il relativo codice identificativo dell'erede che la effettura, e per irpef e addizionali utilizzo solo la sezione “Erario” provvedendo al conteggio degli interessi maturati alla data di pagamento. (magari nelle prossime settimane allego uno screen)

    Alla ricezione della cartella a nome del de cuius, in primis non la faccio accettare ; l' AdE quindi provvederà ad intestarla agli eredi , e in tal caso oppongo il pagamento , nonchè il depennamento delle sanzioni (se non hanno provveduto)ed eventualmente la decadenza della riscossione mediante ruolo.

    Proprio in riguardo a quest'ultima, ai sensi dell'art. 25 , dpr n. 602/1973, è previsto che per gli accertamenti dell'ufficio, la cartella esattoriale deve essere notificata- a pena di decadenza- entro e non oltre il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo.

    Chiedo gentile conferma dell'esempio che segue.
    Supposto l'avviso di accertamento notificato il 14.ottobre 2010 (quindi definitivo dopo 60 gg , nel dicembre 2010); la cartella esattoriale dovrà essere notificata - a pena di decadenza- entro il 31 dicembre del corrente anno (31 dicembre 2012)?
    Ultima modifica di Avv.Stefania; 22-03-12 alle 11:47 AM

  9. #9
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    677

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avv.Stefania Visualizza Messaggio
    Chiedo gentile conferma dell'esempio che segue.
    Supposto l'avviso di accertamento notificato il 14.ottobre 2010 (quindi definitivo dopo 60 gg , nel dicembre 2010); la cartella esattoriale dovrà essere notificata - a pena di decadenza- entro il 31 dicembre del corrente anno (31 dicembre 2012)?
    Come osservato dalla Cassazione nella sentenza del 30 novembre 2005 n. 26105, è stato previsto un sistema con distinti termini conseguenti al tipo di attività svolta dall'Amministrazione (liquidazione ex art. 36-bis, controllo formale ex art. 36-ter, accertamenti d'ufficio), calcolati in relazione a diversi dies a quibus (anno di presentazione della dichiarazione, anni di definitività degli accertamenti d'ufficio).

    Successivamente, la lett. a) dell'art. 25 del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 602 è stata riformulata dall'art. 37, comma 40, del D.L. 4 luglio 2006 n. 223, convertito, con modificazioni, dalla Legge 4 agosto 2006 n. 248, di talchè la vigente formulazione del predetto art. 25, comma 1, è la seguente:

    Il concessionario notifica la cartella di pagamento, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre:

    a) del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, ovvero a quello di scadenza del versamento dell'unica o ultima rata se il termine per il versamento delle somme risultanti dalla dichiarazione scade oltre il 31 dicembre dell'anno in cui la dichiarazione e' presentata, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di liquidazione prevista dall'articolo 36-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, nonchè del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione del sostituto d'imposta per le somme che risultano dovute ai sensi degli articoli 19 e 20 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917;

    b) del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale prevista dall'articolo 36-ter del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 600 del 1973;

    c) del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo, per le somme dovute in base agli accertamenti dell'ufficio.

  10. #10
    Avv.Stefania è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MrDike Visualizza Messaggio
    Come osservato dalla Cassazione nella sentenza del 30 novembre 2005 n. 26105, è stato previsto un sistema con distinti termini conseguenti al tipo di attività svolta dall'Amministrazione (liquidazione ex art. 36-bis, controllo formale ex art. 36-ter, accertamenti d'ufficio), calcolati in relazione a diversi dies a quibus (anno di presentazione della dichiarazione, anni di definitività degli accertamenti d'ufficio).

    Successivamente, la lett. a) dell'art. 25 del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 602 è stata riformulata dall'art. 37, comma 40, del D.L. 4 luglio 2006 n. 223, convertito, con modificazioni, dalla Legge 4 agosto 2006 n. 248, di talchè la vigente formulazione del predetto art. 25, comma 1, è la seguente:

    Il concessionario notifica la cartella di pagamento, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre:

    a) del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, ovvero a quello di scadenza del versamento dell'unica o ultima rata se il termine per il versamento delle somme risultanti dalla dichiarazione scade oltre il 31 dicembre dell'anno in cui la dichiarazione e' presentata, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di liquidazione prevista dall'articolo 36-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, nonchè del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione del sostituto d'imposta per le somme che risultano dovute ai sensi degli articoli 19 e 20 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917;

    b) del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale prevista dall'articolo 36-ter del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 600 del 1973;

    c) del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo, per le somme dovute in base agli accertamenti dell'ufficio.
    Quindi, conveniamo entrambi , che " dovrebbe" essere la fine del corrente anno.

    Ad ogni modo, cio' che mi preoccupa è il fatto che si potrebbe " forzare" dicendo che l'accertamento è stato rateizzato e quindi l'Ade, nel caso, non era a conoscenza da subito della debenza del contribuente, talchè da attivarsi per l'iscrizione al ruolo.

    Per quanto rigurda il perfezionamento della notifica agli eredi, in assenza di comunicazione dell'erede di cui all’art. 65 D.P.R. 600/1973, il quale prevede, ai commi 1 e 2, che «gli eredi rispondono in solido delle obbligazioni tributarie il cui presupposto si è verificato anteriormente alla morte del dante causa. Gli eredi del contribuente devono comunicare all’ufficio delle imposte del domicilio fiscale del dante causa le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale», mentre al successivo comma 4 statuisce che « la notifica degli atti intestati al dante causa può essere effettuata agli eredi impersonalmente e collettivamente nell’ultimo domicilio dello stesso ed è efficace nei confronti degli eredi che, almeno trenta giorni prima, non abbiano effettuato la comunicazione di cui al secondo comma ».

    Senonchè una interessante pronuncia di Cassazione spiega che in assenza di comunicazione da parte dell'erede e, nel caso , che l'amministrazione non sia venuta a conoscenza in altri modi del decesso del contribuente (ad esempio dichiarazione di successione); la notifica è regolarmente valida se effettuata al contribuente deceduto presso il suo domicilio e non agli eredi collettivamente ed impersonalmente.

    Ma se nel caso di specie, gli eredi non accettano la cartella esattoriale e la rimandano indietro allegando il certificato di morte, penso sia pacifico il fatto che l'Ade sarà obbligata a nuova notifica agli eredi anche collettivamente ed impersonalmente.

    Cosa ne pensate?
    Buon fine settimana
    Stefania
    Ultima modifica di Avv.Stefania; 24-03-12 alle 01:01 PM

Discussioni Simili

  1. redditi professionale agli eredi
    Di m.m.e.t. nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-06-12, 06:38 PM
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-04-10, 09:56 AM
  3. L'ici non pagata può essere richiesta agli eredi?
    Di mirco c nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-11-09, 04:49 PM
  4. Trasmissibilità debiti agli eredi
    Di stellax nel forum Altri argomenti
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-05-09, 01:07 PM
  5. Recesso socio e variazione delle percentuali di partecipazione agli utili. Decorrenza
    Di pippus63 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-11-08, 10:15 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15