Nell'anno 2009 una societÓ di costruzioni, che sta realizzando un solo cantiere edile, ha determinato le rimanenze finali dei fabbricati in corso di costruzione tenendo conto del Costo di Costruzione, del Terreno e degli interessi relativi ad un mutuo fondiario ipotecario. (Art.110 dpr 917)
Quindi nel conto economico in dare risultano il costo di costruzione e gli interessi, in avere le rimanenze finali dei predetti beni in corso di costruzione.
Ora, a seguito di un accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, quest'ultima ritiene che invece gli interessi passivi dovevano essere trattati con lo strumento del ROL, e quindi intende recuperare la differenza.
Per ora a nulla sono valse le ragioni espresse dalla societÓ, la quale sostiene per l'appunto, che la valorizzazione delle rimanenze dei beni immobili in corso di costruzione Ŕ determinata anche tenendo conto del valore degli interessi.
L'Ufficio ritiene invece che vi sarÓ una doppia detrazione in quanto sono stati riportati come costo e poi andranno in ammortamento.
La proprietÓ invece ritiene che sono stati portati si a costo, ma al contempo "compensati" tra i ricavi attraverso la valorizzazione nelle rimanenze finali di fabbricati in costruzione.
E' ben accetto qualsiasi parere e consiglio.
Grazie