Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: accertamento rettifica valore

  1. #1
    aletuf è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    56

    Predefinito accertamento rettifica valore

    Buonasera a tutti.
    Mi servirebbe un vostro graditissimo parere riguardo la seguente situazione:

    Atto di compravendita immobiliare tra due soggetti persona fisica.
    Oggetto della compravendita: immobile accatastato c1 do mq 28.
    Nell'atto notarile il soggetto acquirente dichiara espressamente di voler costituire sull'immobile un vincolo pertinenziale (avendo la proprietà di una abitazione nei pressi dello stesso). Nell'atto è stato indicato il corrispettivo pattuito ed è stato richiesto, per il pagamento dell'imposta di registro e le ipocatastali, che venisse applicato il regime fiscale previsto per il fabbricato principale e che quindi la base imponibile ai fini delle predette imposte fosse costituita dal valore dell'immobile determinato sulla base catastale (regime del cd prezzo-valore).
    La domanda è: può l'ADE procedere alla rettifica di valore oppure l'attività di accertamento è preclusa?
    Secondo il funzionario dell'ADE responsabile dell'avviso ovviamente sì perche, a suo parere, un immobile di categoria c1 non può essere una pertinenza.
    Secondo quanto ho potuto studiare, invece, il regime del cd prezzo-valore applicabile alla compravendita di immobili abitativi e sue pertinenze non pone alcun limite riguardo alla tipologia delle stesse.
    Potreste darmi un vostro parere o, in caso di esperienze analoghe, indirizzare la mia ricerca?
    Grazie

  2. #2
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    854

    Predefinito

    Che il funzionario responsabile dica si può fare non mi stupisce, c'è sempre difesa del proprio operato/delle istruzioni ricevute/del budget dell'Ufficio...... mi sarei meravigliata e molto del contrario! Valutazioni di altro tipo non posso farne in assenza degli atti....

  3. #3
    aletuf è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    56

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da valeria.nicoletti@libero.it Visualizza Messaggio
    Che il funzionario responsabile dica si può fare non mi stupisce, c'è sempre difesa del proprio operato/delle istruzioni ricevute/del budget dell'Ufficio...... mi sarei meravigliata e molto del contrario! Valutazioni di altro tipo non posso farne in assenza degli atti....
    grazie per il tuo intervento. ovviamente nessun dubbio anche da parte mia rigurado alle reazioni dei funzionari ADE.
    Tuttavia, mi piacerebbe conoscere il tuo parere e quello di altri riguardo a questa fattispecie. So bene che in assenza di atti è difficile dare un parere ma la questione è abbastanza semplice.
    Per un atto di compravendita immobiliare di un immobile accatastato C1 (negozio), l'acquirente (sussistendone tutti gli altri requisiti e destinando l'immobile stesso a pertinenza) può pagare l'imposta di registro e ipocatastale sul prezzo-valore (rendita catastale) inibendo in questo modo la possibilità di accertamento da parte dell'ADE?
    Più semplicemente un immobile C1 può essere destinato a pertinenza di una abitazione principale?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15