VORREI CONFRONTARMI CON VOI CIRCA LA FONDATEZZA DI UN AVVISO 36 BIS PER OMESSO ACCONTO IMPOSTA SOSTITUTIVA REGIME FORFETTARIO NEL 2015.
IL CONTRIBUENTE NEL 2015 E' PASSATO DAL REGIME EX MINIMI AL REGIME FORFETTARIO (PRIMO ANNO IL 2015 APPUNTO).
A NOVEMBRE 2015 NON GLI HO FATTO VERSARE ACCONTO PERCHE' SEPPUR TRATTANDOSI DI IMPOSTA SOSTITUTIVA SUL NUOVO REGIME FORFETTARIO COME PER IL VECCHIO REGIME DEI MINIMI, PER LA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE OLTRE CHE PER UNA SERIE DI REQUISITI DIFFERENTI, NEL 2015 TUTTO FACEVA PENSARE A DUE REGIMI PER L'APPUNTO DISTINTI E SEPARATI.
QUINDI, BASANDOMI SULLA LEGGE GENERALE SUGLI ACCONTI HO RITENUTO MANCASSE IL RIFERIMENTO STORICO DELL'ANNO PRECEDENTE PER IL CALCOLO DELL'ACCONTO SULLA NUOVA IMPOSTA.
TRA L'ALTRO, NE' ESISTE LEGGE CHE OBBLIGHI IN TAL CASO AL VERSAMENTO NE' LEGGE CHE NE DEFINISCA PROPRIAMENTE GLI ESONERATI CONTEMPLANDO APPUNTO CHI E' TRANSITATO DAI VECCHI MINIMI; TANTO MENO NON MI SEMBRA CHE L'AGENZIA DELLE ENTRATE SI SIA ESPRESSA FORMALMENTE IN MERITO, NEMMENO A DISTANZA DI 2 ANNI DALLA PRIMA APPLICAZIONE.
PREMESSO TUTTO CIO, AL CONTRIBUENTE IN QUESTIONE E' GIUNTO UN AVVISO 36 BIS PER OMESSO VERSAMENTO DELL'ACCONTO IN OGGETTO.
ABBIAMO PRESENTATO COSI' UN'ISTANZA IN AUTOTUTELA CON LE MOTIVAZIONI SUDDETTE E IL FUNZIONARIO GIA' POCO PROPENSO ALL'APPROFONDIMENTO E CONVINTO CHE ANDASSE VERSATO MI LIQUIDA DICENDO CHE AVREBBE CHIESTO CHIARIMENTI ALLA DR. LO STESSO FUNZIONARIO MI INVIA IL GIORNO DOPO QUESTA MAIL:

Buongiorno,

In merito all’avviso bonario in oggetto, la DR Basilicata, a seguito di nostra richiesta di chiarimenti, ha specificato che l’avviso stesso risulta corretto in quanto se da una parte dal 2014 al 2015 è cambiata la determinazione della base imponibile dell’imposta sostitutiva, non è invece cambiata la natura stessa dell’imposta ( ovvero trattasi sempre di imposta sostitutiva).

Alla luce di quanto sopra ha ribadito che l’acconto per l’anno d’imposta 2015 era dovuto.

Si fa presente infine, come anticipato già verbalmente in ufficio, che l’esonero per il versamento dell’acconto riguarda solo che le nuove attività iniziate a partire dal 1° gennaio 2015.

Cordiali saluti


1. Chi ha un'esperienza simile o diversa sullo stesso caso?
2. Se il contribuente paga (fare reclamo per una somma irrisoria non mi sembra il caso) si può comunque richiedere personalmente un confronto con la DR su questa questione, quantomeno per creare un precedente? A me viene in mente l'istituto dell'interpello, Avreste altri suggerimenti?

Grazie