Buongiorno
Un cliente Alfa nel 2011 ha stipulato un contratto preliminare dove si impegnava a vendere a Beta un appartamento "A" + "T" terreno per € 250.000 + Iva, Beta però aveva il diritto di nominare un altro acquirente al momento del rogito.
Nel 2014 Beta:
1) nomina Caio come acquirente dell'appartamento e il prezzo indicato sull'atto di compravendita per la vendita dell'appartamento è stato 85.000€ assoggettato a tassa di registro
2) nomina Tizio come acquirente del terreno e il prezzo indicato sull'atto di compravendita per la vendita del terreno è € 36.000 + Iva
Il problema ora è: Visto che quel preliminare prevedeva la vendita di altri appartamenti da Alfa che Beta si impegnava a comprare, e poiché Beta ha venduto ad Alfa un area fabbricabile per 1.000.000,00€; alla fine il credito che alfa ventava nei confronti di Beta si compensava con il debito nei confronti dello stesso.
La compensazione però non è possibile in quanto il prezzo indicato sul contratto preliminare è diverso da quello definitivo, c'è una differenza di 129.000€ ( 250.000€- (85.000+36.000))
Come si può risolvere questa situazione?
1) visto che Alfa ha abbassato il prezzo di vendita (per errore sull'atto notarile definitivo) è possibile chiedere una nota di credito sulla fattura di acquisto del terreno? e se questa non dovesse arrivare è possibile fare una auto nota di credito per chiudere la partita?
2) se non è possibile la soluzione sopra Alfa è ancora in tempo a rettificare l'atto definitivo? tenendo presente però che le parti non accetteranno più di andare di nuovo dal notaio.
Vi ringrazio in anticipo di volermi aiutare