Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Info diritto di recesso da srl

  1. #1
    infoxsrl è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    3

    Predefinito Info diritto di recesso da srl

    Salve a tutti,
    Vi chiedo cortesemente un’informazione circa la possibilità per un socio di esercitare il diritto di recesso da una s.r.l.
    La s.r.l. ha 4 soci e 1 amministratore unico.
    Il socio in questione è mio padre, nato nel 1942, socio al 16% di una s.r.l. costituita nel 1975 con durata stabilita in statuto al 2050 (la data è stata modificata nel 97, prima di allora era stabilita al 2020), la quale potrà essere prorogata o anticipatamente sciolta con le modalità previste dalla legge. Dati i numeri in questione, si può configurare come “di fatto “ a tempo indeterminato per mio padre? Ho letto da qualche parte che la Cassazione avrebbe deliberato in tal senso, cioè che una società con data di scadenza molto prolungata nel tempo si equipara di fatto ad una a tempo indeterminato, per cui da quel che posso capire io, vi sarebbe il diritto di recedere in qualunque momento.
    Mio padre, ormai anziano, vorrebbe uscire dalla società e vedersi liquidare la quota spettante in base al valore attuale della società.
    Gli altri soci o persone esterne non sono interessati a comprare le sue quote, quindi immagino che rimanga la possibilità del recesso se contemplato e in quali condizioni.
    Vorrei capire proprio questo. Vi allego sotto i tre articoli dello statuto che regolano la circolazione delle quote e il diritto di recesso.
    Vi ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che riuscirete a darmi, grazie mille.

    ART. 6 CIRCOLAZIONE DELLE QUOTE
    Le quote di partecipazione sociale sono liberamente trasferibili per causa di morte. Le quote e i diritti di opzione ad essi relativi sono liberamente cedibili per atto tra vivi a favore dei discendenti, degli ascendenti o del coniuge. Qualora un socio intenda cedere a persone diverse da quelle sopra indicate la propria quota di partecipazione o i propri diritti di opzione, è riservato agli altri soci il diritto di prelazione in proporzione alla quota da ciascun socio posseduta. (…) La società non può acquistare o sottoscrivere quote di partecipazione al proprio capitale, né accettare quote in garanzia, nonché dare prestiti o garanzie a chiunque per l’acquisto o la sottoscrizione delle proprie quote sociali. (…)
    ART. 7 RECESSO
    Hanno diritto di recedere i soci che non hanno consentito all’approvazione delle decisioni riguardanti:
    -il cambiamento dell’oggetto della società;
    - la trasformazione, la fusione e la scissione della società;
    - la revoca dello stato di liquidazione;
    - il trasferimento della sede della società all’estero;
    - l’eliminazione di una o più cause di recesso previste per autonomia contrattuale;
    - il compimento di operazioni che comportino una sostanziale modifica dell’oggetto della società o una rilevante modificazione dei diritti attribuiti ai soci ai sensi dell’art. 2468, comma 4 del c.c.;
    - l’aumento di capitale mediante offerta di quote di nuova emissione a terzi.
    Il diritto di recesso spetta ai soci in tutti gli altri casi previsti dalla legge o dal presente atto. (…)
    ART. 8 LIQUIDAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI
    Nell’ipotesi in cui si verifichi la cessazione del rapporto sociale limitatamente ad un socio (recesso, eventuale esclusione del socio) le partecipazioni saranno rimborsate al socio in proporzione del patrimonio sociale, che verrà determinato dall’organo amministrativo tenendo conto del valore di mercato riferito al giorno in cui ha efficacia il recesso o si è verificata o decisa l’eventuale esclusione. (…)

  2. #2
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    7,762

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da infoxsrl Visualizza Messaggio
    Salve a tutti,
    Vi chiedo cortesemente un’informazione circa la possibilità per un socio di esercitare il diritto di recesso da una s.r.l.
    La s.r.l. ha 4 soci e 1 amministratore unico.
    Il socio in questione è mio padre, nato nel 1942, socio al 16% di una s.r.l. costituita nel 1975 con durata stabilita in statuto al 2050 (la data è stata modificata nel 97, prima di allora era stabilita al 2020), la quale potrà essere prorogata o anticipatamente sciolta con le modalità previste dalla legge. Dati i numeri in questione, si può configurare come “di fatto “ a tempo indeterminato per mio padre? Ho letto da qualche parte che la Cassazione avrebbe deliberato in tal senso, cioè che una società con data di scadenza molto prolungata nel tempo si equipara di fatto ad una a tempo indeterminato, per cui da quel che posso capire io, vi sarebbe il diritto di recedere in qualunque momento.
    Mio padre, ormai anziano, vorrebbe uscire dalla società e vedersi liquidare la quota spettante in base al valore attuale della società.
    Gli altri soci o persone esterne non sono interessati a comprare le sue quote, quindi immagino che rimanga la possibilità del recesso se contemplato e in quali condizioni.
    Vorrei capire proprio questo. Vi allego sotto i tre articoli dello statuto che regolano la circolazione delle quote e il diritto di recesso.
    Vi ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che riuscirete a darmi, grazie mille.

    ART. 6 CIRCOLAZIONE DELLE QUOTE
    Le quote di partecipazione sociale sono liberamente trasferibili per causa di morte. Le quote e i diritti di opzione ad essi relativi sono liberamente cedibili per atto tra vivi a favore dei discendenti, degli ascendenti o del coniuge. Qualora un socio intenda cedere a persone diverse da quelle sopra indicate la propria quota di partecipazione o i propri diritti di opzione, è riservato agli altri soci il diritto di prelazione in proporzione alla quota da ciascun socio posseduta. (…) La società non può acquistare o sottoscrivere quote di partecipazione al proprio capitale, né accettare quote in garanzia, nonché dare prestiti o garanzie a chiunque per l’acquisto o la sottoscrizione delle proprie quote sociali. (…)
    ART. 7 RECESSO
    Hanno diritto di recedere i soci che non hanno consentito all’approvazione delle decisioni riguardanti:
    -il cambiamento dell’oggetto della società;
    - la trasformazione, la fusione e la scissione della società;
    - la revoca dello stato di liquidazione;
    - il trasferimento della sede della società all’estero;
    - l’eliminazione di una o più cause di recesso previste per autonomia contrattuale;
    - il compimento di operazioni che comportino una sostanziale modifica dell’oggetto della società o una rilevante modificazione dei diritti attribuiti ai soci ai sensi dell’art. 2468, comma 4 del c.c.;
    - l’aumento di capitale mediante offerta di quote di nuova emissione a terzi.
    Il diritto di recesso spetta ai soci in tutti gli altri casi previsti dalla legge o dal presente atto. (…)
    ART. 8 LIQUIDAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI
    Nell’ipotesi in cui si verifichi la cessazione del rapporto sociale limitatamente ad un socio (recesso, eventuale esclusione del socio) le partecipazioni saranno rimborsate al socio in proporzione del patrimonio sociale, che verrà determinato dall’organo amministrativo tenendo conto del valore di mercato riferito al giorno in cui ha efficacia il recesso o si è verificata o decisa l’eventuale esclusione. (…)
    Secondo un recente orientamento della Corte di Cassazione la durata della società superiore all'aspettativa di vita media di una persona è equiparabile al caso della durata della società a tempo indeterminato con tutte le conseguenze del caso. (Cass. Civ. Sez. I 22/04/2013 n. 9662).
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  3. #3
    infoxsrl è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Grazie mille per la celere risposta.
    La conseguenza del caso quindi, sarebbe la possibilità di esercitare il diritto di recesso in qualunque momento senza che vi sia un motivo specifico?

  4. #4
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    7,762

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da infoxsrl Visualizza Messaggio
    Grazie mille per la celere risposta.
    La conseguenza del caso quindi, sarebbe la possibilità di esercitare il diritto di recesso in qualunque momento senza che vi sia un motivo specifico?
    Si, certo.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  5. #5
    infoxsrl è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Si, certo.
    Grazie ancora.
    Quella sarebbe sperabilemte anche la mia interpretazione, ma il mio dubbio è che non sia così automatico. Poniamo che si proceda alla richiesta di recesso, la società può opporsi affermando, codice alla mano, che non essendo la stessa a tempo indeterminato non sussitano le condizioni? Si andrebbe in causa a quel punto?
    Ci sono stati casi specifici che hanno fatto riferimento a quella sentenza della Cassazione per deliberare in un senso o nell'altro?
    In rete trovo interpretazioni discordanti, ad esempio quella del collegio notarile di Roma, richiamata da questo articolo del Sole24Ore:
    No al recesso per società «oltre la vita» - Il Sole 24 ORE

  6. #6
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    7,762

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da infoxsrl Visualizza Messaggio
    Grazie ancora.
    Quella sarebbe sperabilemte anche la mia interpretazione, ma il mio dubbio è che non sia così automatico. Poniamo che si proceda alla richiesta di recesso, la società può opporsi affermando, codice alla mano, che non essendo la stessa a tempo indeterminato non sussitano le condizioni? Si andrebbe in causa a quel punto?
    Ci sono stati casi specifici che hanno fatto riferimento a quella sentenza della Cassazione per deliberare in un senso o nell'altro?
    In rete trovo interpretazioni discordanti, ad esempio quella del collegio notarile di Roma, richiamata da questo articolo del Sole24Ore:
    No al recesso per società «oltre la vita» - Il Sole 24 ORE
    Si tratta di una sentenza della Suprema Corte che non esclude un possibile contenzioso civile con gli altri soci, ma fornisce un aiuto interpretativo determinante per vincere una possibile causa e al tempo stesso fornisce un ammonimento a coloro che voglio eludere gli effetti favorevoli del caso del recesso per clausola di durata a tempo indeterminato.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

Discussioni Simili

  1. 1) info autofattura 2)info registro iva intracee
    Di URBIS ET ORBIS nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-09-17, 12:09 PM
  2. Diritto di recesso socio srl
    Di Maury180207 nel forum Diritto Societario
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-02-16, 11:46 PM
  3. recesso da snc
    Di arrinf nel forum Diritto Societario
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28-07-08, 09:15 AM
  4. Recesso da SRL
    Di kaneda nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 09-06-08, 01:46 PM
  5. Diritto di recesso nel Co.Co.Pro
    Di Rafelito nel forum CONSULENZA DEL LAVORO
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 28-09-07, 09:12 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15