In data 15 aprile 2009 è stato firmato il D.M. relativo alla verifica del rispetto del patto di stabilità interno 2008 (art. 1, comma 686, della legge n. 296/2006) con cui sono definiti il prospetto e le modalità della certificazione.

L'articolo 7-quater, comma 16, del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33 ha prorogato al 31 maggio 2009 il termine perentorio per l'invio della predetta certificazione.

Il D.M. ha precisato che gli enti locali soggetti al patto sono tenuti a trasmettere la predetta certificazione al MEF entro il termine perentorio del 1° giugno 2009 (essendo il 31 maggio 2009 domenica), secondo il prospetto e le modalità indicate nel D.M. stesso. Conseguentemente, gli enti che hanno già trasmesso, in via cartacea, le risultanze del patto di stabilità 2008 dovranno effettuare una nuova trasmissione in base alle disposizioni previste dal richiamato D.M., poiché le risultanze, a suo tempo trasmesse, non hanno valenza ai fini certificatori in quanto non conformi al D.M. in questione.

Considerato che la certificazione è prodotta automaticamente dal sistema web (non possono essere inviati per posta altri tipi di certificazione) sulla base delle risultanze inserite per il monitoraggio del patto del IV trimestre 2008, ciascun Ente è invitato a controllare che i dati del patto di stabilità interno al 31 dicembre 2008 - a suo tempo inseriti per il monitoraggio - siano corretti. In caso contrario, si prega di rettificarli prima di produrre la certificazione, avvalendosi dell'apposita funzione “Variazione modello” nella procedura del monitoraggio, in quanto tali dati saranno gli unici che verranno presi in considerazione ai fini della verifica del rispetto del patto di stabilità per l'anno 2008.

Si ritiene necessario precisare che – anche in assenza dell'approvazione del conto consuntivo 2008 – le risultanze del patto al 31 dicembre 2008 presenti nel sistema web ed utilizzate per la certificazione devono essere quelle finali: ciò in quanto il termine per la trasmissione della certificazione è un termine perentorio previsto dalla normativa vigente. Pertanto, la mancata approvazione del conto consuntivo 2008 non costituisce elemento giustificativo dell'eventuale ritardo nella presentazione della certificazione oltre il termine perentorio del 1° giugno p.v.

La mancata produzione della certificazione costituisce – ai sensi dell'art. 1, comma 379, lett. l), della legge n. 244/2007 – inadempimento al patto di stabilità interno e determina l'applicazione delle conseguenti sanzioni (divieto di assunzioni, divieto di ricorso al debito, limite alle spese correnti, riduzione dei trasferimenti erariali, riduzione delle indennità degli amministratori).

Eventuali chiarimenti di natura informatica – come indicato al punto K, lett. b), della circolare n. 2/2009 – devono essere inoltrati all'indirizzo della CONSIP (assistenza.cp@tesoro.it), mentre quelli di natura generale e applicativa del patto di stabilità interno, all'indirizzo pattostab@tesoro.it.