Salve a tutti,

in base all'art. 8 dello statuto del contribuente " è ammesso l'accollo del debito di imposta altrui senza liberazione del contribuente originario". Tenuto conto che è ammessa ormai anche la compensazione tra crediti verso l'erario e debiti verso gli enti locali, chiedo se è possibile la seguente operazione: un soggetto intende accollarsi il debito IMU di un altro soggetto, e quindi utilizzare il proprio credito d'imposta per il riacquisto prima casa al fine di compensare detto debito.
Ora però, nel silenzio del comune, come deve comportarsi il contribuente? cioè, è pacifico che possa accollarsi il debito Imu? e come dovrà procedere? si dovrà comunicare al comune l'avvenuto accollo?
Personalmente ho pensato che trattandosi di una norma di carattere nazionale a stabilire la possibilità di accollo, anche se un regolamento comunale non prevede tale possibilità, allo stesso tempo un ente locale non poteva opporsi a questa pratica. D'altra parte, il Comune avrebbe ugualmente i propri soldi.

Grazie in anticipo a chiunque vorrà rispondere.