Buongiorno a tutti,
ho un problema di lavoro che non so proprio come risolvere; il mio dirigente non mi ha fornito alcuna direttiva su come procedere, dunque mi rivolgo a voi con la necessità di avere gli input per una procedura corretta e sicura.
Il problema è questo:
da qualche mese controllo i rendiconti delle imprese artigiane per la liquidazione di contributi pubblici precedentemente concessi. Un'impresa, tra gli altri giustificativi di spesa, mi ha allegato n. 4 note di debito. Mi sono documentata perchè fino ad ora non mi era mai capitato (né ai miei colleghi che seguono i rendiconti...) di trovare questi documenti a supporto di rendicontazioni.
Ho verificato però che essendo la loro emissione obbligatoria da parte del fornitore che ha precedentemente emesso una fattura non corretta (con sanzioni pesanti in caso di mancata emissione), dovremmo riconoscerle come documentazione di spesa VALIDA agli effetti della liquidazione del contributo.
PERO' tutto questo SE la nota di debito fosse stata compilata correttamente; il punto focale è proprio questo:
la nota di debito DEVE FARE ESPLICITO riferimento alla fattura originaria nello “Oggetto/descrizione”; questo non è stato fatto nel mio caso, dunque, cosa posso chiedere?
Posso chiedere che la nota di debito per poter essere ammessa, debba essere corretta... o... emessa ex novo? (visto che non c'è un limite temporale per la loro emissione...)...in pratica si tratterebbe alla fin fine di una rettifica nella rettifica. COME dovrebbe nel caso essere fatta questa rettifica??Secondo voi è possibile? Altrimenti come potrei procedere?
C'è poi un problema nel problema che mi preoccupa ancora di più: devo segnalare questa anomalia all'Agenzia delle Entrate? E' un possibile evasore, ed io come “funzionario” sono obbligata a farlo essendomene accorta? Oppure non riconosco le quattro note di debito (anche se non saprei che articolo applicare per il loro mancato riconoscimento tra le spese ammissibili), e mi fermo lì?
Spero di essere riuscita a spiegarmi bene, e vi ringrazio fin d'ora per l'attenzione.
Rosa