Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Domande gestione IVA

  1. #1
    overhead è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    11

    Question Domande gestione IVA

    Salve a tutti, perdonatemi se sono troppo prolissa in cio' che sto per scrivere (ho letto già le regole del forum), ma non essendo una esperta mi è difficile spiegarmi in modo sintetico.

    Premessa:
    Sono una psicologa, il mio volume d’affari nel 2008 è inferiore a 25.822,84, effettuo trimestralmente il versamento dell’ IVA tramite modello F24 in banca.

    Domanda 1:
    Sono obbligata a fare la comunicazione dati iva annualmente (entro il 28 febbraio 2009) all’agenzia entrate? Se sì, posso usare la modalità telematica?

    Domanda 2:
    Dumante lo svolgimento della mia professione (in particolare in un certo trimestre) effettuo operazioni (cioè emetto fatture) non esenti da versamento IVA. Posso compensare l’ IVA a debito con l’IVA di eventuali spese/acquisti fatturati ?
    In che modo?
    Esempio:

    in un trimestre del 2008:

    · Emetto fatture per un totale di euro 100 (su cui devo versare euro 20 di IVA tramite F24).
    · Effettuo spese/Acquisti (quindi ho fatture a me intestate la cui IVA totale è di euro 10).

    Al momento del versamento IVA trimestrale, posso compensare i 20 euro (IVA a debito) con i 10 euro (IVA a credito) e quindi versare un totale IVA pari a 10euro?

    Nel caso in cui durante il 2008 abbia versato trimestralmente l’ IVA delle sole operazioni a debito e mi sia dimenticata di utilizzare il credito IVA “maturato” con fatture emesse a mio nome, posso in qualche modo recuperare tale credito IVA? Se sì, in che modo?

    Nel caso in cui possa compensare l’IVA a debito con IVA a credito, durante la dichiarazione dei redditi annuale, devo cmq indicare il totale annuale di IVA a debito e IVA a credito negli appositi campi:
    VL33 IVA A DEBITO
    VL32 IVA A CREDITO

    Grazie in anticipo della Vs. cortesia e attenzione che mostrerete nel risponderni.
    Manuela

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    Cara Emanuela,
    dalle domande poste, è evidente che hai deciso di fare da sola quello che non appartiene alle tue competenze.
    E, sempre dalle tue domande, si capisce che sei a grosso rischio di errore.

    Per cui, a mio disinteressato parere, il consiglio migliore, molto più importante delle risposte che chiedi, è quello di delegare la gestione amministrativa della tua attività ad un commercialista. Visto il tuo fatturato, non sarà spesa assolutamente sostenibile.

    Se io ho un amico che ha problemi psicologici, non proverei nemmeno a risolverglieli, per paura di arrecare danno; lo porterei da uno psicologo.

    Perdonami dunque se rinunzio a risponderti e mi scuso se il mio consiglio non ti arriverà gradito.

    ciao

    Citazione Originariamente Scritto da overhead Visualizza Messaggio
    Salve a tutti, perdonatemi se sono troppo prolissa in cio' che sto per scrivere (ho letto già le regole del forum), ma non essendo una esperta mi è difficile spiegarmi in modo sintetico.

    Premessa:
    Sono una psicologa, il mio volume d’affari nel 2008 è inferiore a 25.822,84, effettuo trimestralmente il versamento dell’ IVA tramite modello F24 in banca.

    Domanda 1:
    Sono obbligata a fare la comunicazione dati iva annualmente (entro il 28 febbraio 2009) all’agenzia entrate? Se sì, posso usare la modalità telematica?

    Domanda 2:
    Dumante lo svolgimento della mia professione (in particolare in un certo trimestre) effettuo operazioni (cioè emetto fatture) non esenti da versamento IVA. Posso compensare l’ IVA a debito con l’IVA di eventuali spese/acquisti fatturati ?
    In che modo?
    Esempio:

    in un trimestre del 2008:

    · Emetto fatture per un totale di euro 100 (su cui devo versare euro 20 di IVA tramite F24).
    · Effettuo spese/Acquisti (quindi ho fatture a me intestate la cui IVA totale è di euro 10).

    Al momento del versamento IVA trimestrale, posso compensare i 20 euro (IVA a debito) con i 10 euro (IVA a credito) e quindi versare un totale IVA pari a 10euro?

    Nel caso in cui durante il 2008 abbia versato trimestralmente l’ IVA delle sole operazioni a debito e mi sia dimenticata di utilizzare il credito IVA “maturato” con fatture emesse a mio nome, posso in qualche modo recuperare tale credito IVA? Se sì, in che modo?

    Nel caso in cui possa compensare l’IVA a debito con IVA a credito, durante la dichiarazione dei redditi annuale, devo cmq indicare il totale annuale di IVA a debito e IVA a credito negli appositi campi:
    VL33 IVA A DEBITO
    VL32 IVA A CREDITO

    Grazie in anticipo della Vs. cortesia e attenzione che mostrerete nel risponderni.
    Manuela

  3. #3
    Speedy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Macerata
    Messaggi
    3,152

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da overhead Visualizza Messaggio
    Salve a tutti, perdonatemi se sono troppo prolissa in cio' che sto per scrivere (ho letto già le regole del forum), ma non essendo una esperta mi è difficile spiegarmi in modo sintetico.
    Premessa:
    Sono una psicologa, il mio volume d’affari nel 2008 è inferiore a 25.822,84, effettuo trimestralmente il versamento dell’ IVA tramite modello F24 in banca.
    Domanda 1:
    Sono obbligata a fare la comunicazione dati iva annualmente (entro il 28 febbraio 2009) all’agenzia entrate? Se sì, posso usare la modalità telematica?
    Domanda 2:
    Dumante lo svolgimento della mia professione (in particolare in un certo trimestre) effettuo operazioni (cioè emetto fatture) non esenti da versamento IVA. Posso compensare l’ IVA a debito con l’IVA di eventuali spese/acquisti fatturati ?
    In che modo?
    Esempio:
    in un trimestre del 2008:
    · Emetto fatture per un totale di euro 100 (su cui devo versare euro 20 di IVA tramite F24).
    · Effettuo spese/Acquisti (quindi ho fatture a me intestate la cui IVA totale è di euro 10).
    Al momento del versamento IVA trimestrale, posso compensare i 20 euro (IVA a debito) con i 10 euro (IVA a credito) e quindi versare un totale IVA pari a 10euro?
    Nel caso in cui durante il 2008 abbia versato trimestralmente l’ IVA delle sole operazioni a debito e mi sia dimenticata di utilizzare il credito IVA “maturato” con fatture emesse a mio nome, posso in qualche modo recuperare tale credito IVA? Se sì, in che modo?
    Nel caso in cui possa compensare l’IVA a debito con IVA a credito, durante la dichiarazione dei redditi annuale, devo cmq indicare il totale annuale di IVA a debito e IVA a credito negli appositi campi:
    VL33 IVA A DEBITO
    VL32 IVA A CREDITO
    Grazie in anticipo della Vs. cortesia e attenzione che mostrerete nel risponderni.
    Manuela
    Come psicologa, ritengo che tu consegua sia incassi esenti sia incassi imponibili (e che non venga applicato il regime dei minimi), per cui:
    = sei esonerata dalla comunicazione annuale iva (meno di 25.822)
    = l'iva acquisti è detraibile in proporzione al rapporto tra incassi esenti ed incassi imponibili (esempio: incassi esenti 60% del totale incassi imponibili 40% iva acquisti che si può detrarre 40% dell'imposta pagata)
    = se nel 2008 non hai detratto l'iva acquisti detraibile, all'atto della compilazione della dichiarazione annuale iva esporrai l'iva a credito, che puoi recuperare nel 2009 sia con compensazione orizzontale (iva da iva) sia con compensazione verticale (su F24)
    = il quadro iva VL è un quadro riepilogativo, devi prima compilare i quadri VE e VF e VG
    = il consiglio finale è quello di farti consigliare da un commercialista

    Ciao


    PS- Sorry Danilo, ci siamo accavallati.
    Ultima modifica di Speedy; 15-01-09 alle 08:58 AM
    alberto leggi
    i.a.

  4. #4
    overhead è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    11

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Cara Emanuela,
    dalle domande poste, è evidente che hai deciso di fare da sola quello che non appartiene alle tue competenze.
    E, sempre dalle tue domande, si capisce che sei a grosso rischio di errore.

    Per cui, a mio disinteressato parere, il consiglio migliore, molto più importante delle risposte che chiedi, è quello di delegare la gestione amministrativa della tua attività ad un commercialista. Visto il tuo fatturato, non sarà spesa assolutamente sostenibile.

    Se io ho un amico che ha problemi psicologici, non proverei nemmeno a risolverglieli, per paura di arrecare danno; lo porterei da uno psicologo.

    Perdonami dunque se rinunzio a risponderti e mi scuso se il mio consiglio non ti arriverà gradito.

    ciao
    Ciao Danilo,
    apprezzo il tuo suggerimento, ma ho avuto pessime esperienze con alcuni commercialisti che ho dovuto pagare per farmi sbagliare. Non credo di potermi permettere di "provare" molti professionisti finchè possa sentirmi "al sicuro" (e nel frattempo essere cmq, come dici tu, "a rischio"). Se sei del mestiere, sai bene quello che dico. Cmq sto cercando di capire come muovermi, l'ultima dichiarazione l'ho fatta da sola e poi' l'ho fatta controllare e sottomettere presso l'agenzia delle entrate (il vs. "nemico"), e non ho fatto errori. So che forse non accetterai questa mia scelta, ma preferisco, finchè posso, "sbagliare" con le mie mani, e non pagare altri per poi sbagliare.
    Concludo dicendo che mi sarei aspettata cmq una risposta (come mi ha dato l'altro utente) tecnica, piuttosto che un consiglio su come agire. Spero di non essere polemica, ma se tu mi avessi chiesto un parere di tipo psicologico io non ti avrei certo detto "rivolgiti ad uno piscologo" e basta, ti avrei cmq dato un suggerimento tecnico e poi avrei aggiunto "rivolgiti ad uno piscologo".

  5. #5
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,059

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da overhead Visualizza Messaggio
    Concludo dicendo che mi sarei aspettata cmq una risposta (come mi ha dato l'altro utente) tecnica, piuttosto che un consiglio su come agire. Spero di non essere polemica, ma se tu mi avessi chiesto un parere di tipo psicologico io non ti avrei certo detto "rivolgiti ad uno piscologo" e basta, ti avrei cmq dato un suggerimento tecnico e poi avrei aggiunto "rivolgiti ad uno piscologo".
    Io ho voluto darti la risposta che - in base alla mia esperienza - è la migliore. E te l'ho data. E la confermo.
    ciao

Discussioni Simili

  1. 3 domande sul 36%
    Di pcrespi nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-10-11, 10:50 AM
  2. domande ccnl pmi
    Di dinooo87 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-06-11, 07:44 PM
  3. Domande su TFR per dimissioni
    Di andreaden nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 19-06-10, 10:10 AM
  4. Tirocinio - 2 domande
    Di PaulMcDk nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-07-09, 11:48 PM
  5. domande sull'iva
    Di mercury nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-01-08, 04:18 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15