Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18

Discussione: Ravvedimento con crediti compensati: QUALE SANZIONE?

  1. #1
    maury78 è offline Member
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    50

    Predefinito Ravvedimento con crediti compensati: QUALE SANZIONE?

    Il quesito che pongo è il seguente. Se ometto di effettuare un versamento (ipotesi 1.000) e lo verso con ravvedimento, se nel ravvedimento utilizzo in compensazione un credito (es. 600) certo ed esigibile già alla data in cui doveva essere fatto il versamento per il debito di 1.000, la sanzione per il ravvedimento la devo calcolare sul debito al lordo del credito (ovverosia 1.000) oppure sul debito al netto del credito in compensazione (ovverosia su 400 = 1.000 - 600)?

    Su internet sembra prevalente la tesi della sanzione calcolata sul netto (ci si rifà ad una nota del 2003 dell'Ade o ad una circolare del '99) ma entrambe non riuguardano la fattispecie da me prospettata (trattano infatti dell'F24 a zero). Sembrerebbe, per analogia, che se su un F24 a zero calcolo la sanzione sulla differenza (pari a zero e quindi vale la fissa) allora dovrebbe essere lo stesso se la differenza è maggiore di zero...

    Avreste qualcosa di più decisivo (prassi, giurisprudenza, ecc.)?

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,976

    Predefinito

    A mio parere, trattandosi di un un credito certo ed esistente già alla data in cui doveva essere fatto il versamento per il debito, la sanzione va calcolata solo sulla differenza.

    ciao


    Citazione Originariamente Scritto da maury78 Visualizza Messaggio
    Il quesito che pongo è il seguente. Se ometto di effettuare un versamento (ipotesi 1.000) e lo verso con ravvedimento, se nel ravvedimento utilizzo in compensazione un credito (es. 600) certo ed esigibile già alla data in cui doveva essere fatto il versamento per il debito di 1.000, la sanzione per il ravvedimento la devo calcolare sul debito al lordo del credito (ovverosia 1.000) oppure sul debito al netto del credito in compensazione (ovverosia su 400 = 1.000 - 600)?

    Su internet sembra prevalente la tesi della sanzione calcolata sul netto (ci si rifà ad una nota del 2003 dell'Ade o ad una circolare del '99) ma entrambe non riuguardano la fattispecie da me prospettata (trattano infatti dell'F24 a zero). Sembrerebbe, per analogia, che se su un F24 a zero calcolo la sanzione sulla differenza (pari a zero e quindi vale la fissa) allora dovrebbe essere lo stesso se la differenza è maggiore di zero...

    Avreste qualcosa di più decisivo (prassi, giurisprudenza, ecc.)?
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    studiovera è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,065

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    A mio parere, trattandosi di un un credito certo ed esistente già alla data in cui doveva essere fatto il versamento per il debito, la sanzione va calcolata solo sulla differenza.

    ciao
    Esiste comunque una irregolarità nel ritardo della compensazione per la quale è prevista una sanzione in misura fissa. Giusto? Per cui a conti fatti secondo me conviene pagare per l'intero valore dell'imposta.

  4. #4
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,976

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiovera Visualizza Messaggio
    Esiste comunque una irregolarità nel ritardo della compensazione per la quale è prevista una sanzione in misura fissa. Giusto? Per cui a conti fatti secondo me conviene pagare per l'intero valore dell'imposta.
    Parli della sanzione di 30 euro ? Quelli son dovuti per l'omessa presentazione di un F24 a saldo zero. Cposa che non ricorre in questo caso.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  5. #5
    studiovera è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,065

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Parli della sanzione di 30 euro ? Quelli son dovuti per l'omessa presentazione di un F24 a saldo zero. Cposa che non ricorre in questo caso.
    Non lo so se non ricorre ( ma comunque ricordo una somma più alta).
    Penso che non sia escluso perchè per eludere questa sanzione sarebbe sufficiente effettuare una compensazione di un euro inferiore all'imposta per sfuggirvi, non trovi?

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,976

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiovera Visualizza Messaggio
    Non lo so se non ricorre ( ma comunque ricordo una somma più alta).
    Penso che non sia escluso perchè per eludere questa sanzione sarebbe sufficiente effettuare una compensazione di un euro inferiore all'imposta per sfuggirvi, non trovi?

    Nel caso di maury78, sono sicuro che non ricorre.

    Fammi sapere a quale sanzione ti riferisci e ne parliamo.

    ciao
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  7. #7
    studiovera è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,065

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Nel caso di maury78, sono sicuro che non ricorre.

    Fammi sapere a quale sanzione ti riferisci e ne parliamo.

    ciao
    Il problema sta nel riconoscere l'errore meramente formale da parte dell'ufficio e se ci siamo con i tempi.
    In tal caso potrebbe anche essere zero la sanzione.
    Altrimenti scivolo nel 30%
    Allora scinderei il versamento in due parti uno a zero e l'altro per differenza con il ravvedimento operoso.
    Ma se presento un'unica delega, anche se nella sostanza non cambia nulla, mi sembra che "formalmente" me la sto cercando.
    Formalità per formalità assecondiamola!

  8. #8
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,976

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiovera Visualizza Messaggio
    Allora scinderei il versamento in due parti uno a zero e l'altro per differenza con il ravvedimento operoso.
    Esattamente.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  9. #9
    maury78 è offline Member
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    50

    Predefinito

    la sanzione per l'F24 a zero è sicura (cfr. C.M. 54/2002).
    Il dubbio che mi viene, però, è un altro. Ripeto: calcolare la sanzione sul debito al lordo o al netto del credito vantato? La differenza, ovviamente, non è da poco...
    Secondo me, la sanzione si calcola sull'importo non versato a scadenza. Poichè il pagamento di un debito verso lo stato è un obbligo (da assolvere alle scadenze dovute) mentre l'utilizzo del credito è una facoltà (da utilizzare come, dove e quando voglio), allora nel ravvedimento iscrivo il debito ravveduto, calcolo la sazione e poi utilizzo il credito (e non utilizzo il credito e poi calcolo la sanzione, la cosa è estremamente diversa!).
    Tuttavia, se la mia teoria fosse giusta, allora anche nel caso di F24 a zero si dovrebbe calcolare la sanzione sul debito al lordo del credito e non la fissa (come ha scritto l'Agenzia).
    In soldoni:
    1.000 debito a scadenza non versato
    1.000 credito esistente ed esigibile alla scadenza del credito
    Effettuo un ravvedimento e faccio 1.000-1.000=zero (applico la fissa).
    Secondo il mio ragionamento dovrebbe essere 1.000+90 (sanzione da ravvedimento)+interessi - 1.000.
    Rectius
    Il mio pensiero fa acqua perchè se faccio 1.000-1.000 la sanzione come dica la Agenzia è fissa (non potendola calcolare sulla differenza che è pari a zero) e se invece 1.000-999 dovrei calcolarla (secondo il mio ragionamento) su 1.000 anzichè su 1.

    Purtroppo cercavo qualcosa di più certo (risoluzioni, circolari, dottrina o sentenze)

  10. #10
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,976

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da maury78 Visualizza Messaggio
    Purtroppo cercavo qualcosa di più certo (risoluzioni, circolari, dottrina o sentenze)
    Ubi lex voluit, dixit, ubi noluit, tacuit......

    la legge ti dice cosa non si può fare, non cosa si può fare !
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. quale ravvedimento??
    Di robil nel forum Altri argomenti
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 27-07-11, 06:11 PM
  2. Rimborso IRAP - Crediti compensati
    Di France78 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-01-11, 05:36 PM
  3. Ravvedimento scaduto. La sanzione è piena?
    Di bananazoo nel forum Altri argomenti
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-11-10, 12:11 PM
  4. quale anno per ravvedimento?
    Di alessio72 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-01-10, 06:32 PM
  5. Ravvedimento iva con compensazione di crediti unico
    Di Matt80 nel forum F24 e invii telematici
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 30-03-09, 05:49 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15