Buongiorno,
un mio parente sta predisponendo un affitto annuale tramite cedolare secca di un immobile di cui sono comproprietario. Per un altro immobile verrà effettuato un affitto breve di due settimane.
Non sono cointestatario dei contratti ma, da quanto so, dovrei pagare pro-quota le imposte per la cedolare secca (non so se devo fare l'opzione in qualche modo o se questa risulta in automatico in base al contratto registrato).

Incassando tutto l'affitto annuale nel 2019 da quanto capisco per questo, potrei pagare:
a giugno 2020
- il saldo pari al 21% dell'affitto (in base alla percentuale di possesso dell'immobile) col codice 1842 anno 2019
- la prima rata dell'acconto (40% sul 100% del saldo pagato) col codice 1840 anno 2020
a novembre 2020
- la seconda rata dell'acconto (60% sul 100% del saldo pagato a giugno) col codice 1841 anno 2020

Per quanto riguarda l'affitto breve invece noto che i portali devono pagare l'F24 come sostituti d'imposta ma non so se la normativa sia valida anche per i privati e quale sia il momento impositivo (es pagamento dell'anticipo o entrata in casa del proprietario)
In pratica:
L'F24 relativo alla cedolare secca va pagato dal privato il mese successivo rispetto al momento impositivo o può essere pagato l'anno successivo a giugno?

Grazie in anticipo per il chiarimento
Buona giornata
Roberto