Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Ritenute gestione separata inps comensabili con credito irpef?

  1. #1
    mrmister è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    40

    Predefinito Ritenute gestione separata inps comensabili con credito irpef?

    buongiorno,

    un amministratore di una srl chiude il 730 con un credito e ne chiede il rimborso in busta paga,

    il datore di lavoro, può compensare il credito irpef (causale tributo 1631), in caso di incapienza delle ritenute irpef in busta (codice tributo 1001), con le ritenute inps gestione separata indicate in busta paga?

    il mio commercialista afferma di no, che il credito irpef si può compensare solo con debiti erariali, ma non ho trovato
    nessuna norma che lo confermi.

    ho provato a porre il quesito al servizio "inps risponde", ma mi hanno risposto che non è di loro competenza.

    in pratica i crediti erariali (irpef, addizionali..ecc...) sono compensabili con i debiti v/inps per ritenute previdenziali?

  2. #2
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,938

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mrmister Visualizza Messaggio
    buongiorno,

    un amministratore di una srl chiude il 730 con un credito e ne chiede il rimborso in busta paga,

    il datore di lavoro, può compensare il credito irpef (causale tributo 1631), in caso di incapienza delle ritenute irpef in busta (codice tributo 1001), con le ritenute inps gestione separata indicate in busta paga?

    il mio commercialista afferma di no, che il credito irpef si può compensare solo con debiti erariali, ma non ho trovato
    nessuna norma che lo confermi.

    ho provato a porre il quesito al servizio "inps risponde", ma mi hanno risposto che non è di loro competenza.

    in pratica i crediti erariali (irpef, addizionali..ecc...) sono compensabili con i debiti v/inps per ritenute previdenziali?
    Si, sono compensabili. A tal riguardo, la R.M. 13/E del 10/02/2015 così scrive:

    Il decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, concernente “Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata”, all’articolo 15, comma 1, stabilisce che “Al fine di favorire la trasparenza e semplificare le operazioni poste in essere dai sostituti
    d'imposta, a decorrere dal 1° gennaio 2015:

    a) le somme rimborsate ai percipienti sulla base dei prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi e dei risultati contabili trasmessi dai CAF e dai professionisti abilitati sono compensate dai sostituti d'imposta esclusivamente con le modalità di cui
    all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nel mese successivo a quello in cui è stato effettuato il rimborso, nei limiti previsti dall'articolo 37, comma 4, dello stesso decreto legislativo n. 241 del 1997. Dette somme non concorrono alla determinazione del
    limite di cui all'articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

    Quindi, la compensazione orizzontale (extra-tributo) è ammessa e regolata dall'art. 17 del D.lgs. 241/1997.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  3. #3
    mrmister è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    40

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Si, sono compensabili. A tal riguardo, la R.M. 13/E del 10/02/2015 così scrive:

    Il decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, concernente “Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata”, all’articolo 15, comma 1, stabilisce che “Al fine di favorire la trasparenza e semplificare le operazioni poste in essere dai sostituti
    d'imposta, a decorrere dal 1° gennaio 2015:

    a) le somme rimborsate ai percipienti sulla base dei prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi e dei risultati contabili trasmessi dai CAF e dai professionisti abilitati sono compensate dai sostituti d'imposta esclusivamente con le modalità di cui
    all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nel mese successivo a quello in cui è stato effettuato il rimborso, nei limiti previsti dall'articolo 37, comma 4, dello stesso decreto legislativo n. 241 del 1997. Dette somme non concorrono alla determinazione del
    limite di cui all'articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

    Quindi, la compensazione orizzontale (extra-tributo) è ammessa e regolata dall'art. 17 del D.lgs. 241/1997.
    buongiorno,
    ho fatto presente quanto letto al commercialista che mi ha citato la circolare 4E del 12/03/18, in cui si fa riferimento solo a..."ritenute a titolo di Irpef e/o di addizionale comunale e regionale all’Irpef..."

    spulciando un pò anche il d.lgs. 241/1997 all'art.37 comma 4, leggo:

    "4. I sostituti d'imposta tengono conto del risultato contabile delle
    dichiarazioni dei redditi elaborate dai centri. Il debito, per saldo e
    acconto, o il credito risultante dai prospetti di liquidazione delle imposte
    e' rispettivamente aggiunto o detratto a carico delle ritenute d'acconto
    relative al periodo d'imposta in corso al momento della presentazione della
    dichiarazione.

    ..quindi si parla solo di ritenute di acconto....

  4. #4
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,938

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mrmister Visualizza Messaggio
    buongiorno,
    ho fatto presente quanto letto al commercialista che mi ha citato la circolare 4E del 12/03/18, in cui si fa riferimento solo a..."ritenute a titolo di Irpef e/o di addizionale comunale e regionale all’Irpef..."

    spulciando un pò anche il d.lgs. 241/1997 all'art.37 comma 4, leggo:

    "4. I sostituti d'imposta tengono conto del risultato contabile delle
    dichiarazioni dei redditi elaborate dai centri. Il debito, per saldo e
    acconto, o il credito risultante dai prospetti di liquidazione delle imposte
    e' rispettivamente aggiunto o detratto a carico delle ritenute d'acconto
    relative al periodo d'imposta in corso al momento della presentazione della
    dichiarazione.

    ..quindi si parla solo di ritenute di acconto....
    Non bisogna dimenticare quello che stabilisce il D.lgs. 175/2014, norma che modifica ed innova rispetto al D.lgs. 241/1997. La compensazione, poi, è un meccanismo insito nella gestione unificata del modello F24, la cui esclusione deve essere prevista per legge e deve avere per oggetto un codice tributo che non ammette compensazione. Invece, quel codice tributo è utilizzato proprio per le compensazioni.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  5. #5
    mrmister è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    40

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Non bisogna dimenticare quello che stabilisce il D.lgs. 175/2014, norma che modifica ed innova rispetto al D.lgs. 241/1997. La compensazione, poi, è un meccanismo insito nella gestione unificata del modello F24, la cui esclusione deve essere prevista per legge e deve avere per oggetto un codice tributo che non ammette compensazione. Invece, quel codice tributo è utilizzato proprio per le compensazioni.
    leggo ora.... nel frattempo ho provato a proporre il quesito all'agenzia entrate, questa la risposta:

    Testo risposta:
    Gentile contribuente,
    con la circolare n. 4/E del 2018, è stato chiarito che nei casi in cui dal risultato contabile del mod. 730 si evidenzi un credito da conguaglio per assistenza fiscale, il sostituto è tenuto ad effettuare il rimborso mediante una corrispondente riduzione delle ritenute a titolo di IRPEF e/o di addizionale comunale e regionale all’IRPEF operate sui compensi di competenza del mese di luglio e, ove necessario, sulla totalità dei compensi corrisposti a tutti i percipienti e delle somme derivanti dai conguagli a debito da assistenza fiscale.
    Se anche quest’ultimo ammontare è insufficiente per rimborsare tutte le somme a credito, gli importi residui devono essere rimborsati con una corrispondente riduzione delle ritenute relative ai compensi corrisposti nei successivi mesi dell’anno.
    Pertanto, per effettuare il rimborso va utilizzato esclusivamente il “monte ritenute”
    Cordiali saluti


    Questa risposta è resa a titolo di assistenza al contribuente ai sensi della Circolare n.42/E del 5 agosto 2011 e non a titolo di interpello ordinario ai sensi dell'art.11 della legge n.212 del 2000.

    Agenzia delle Entrate
    Centro di Assistenza Multicanale di Venezia
    Contact Center
    IL DIRETTORE

Discussioni Simili

  1. Rimborso IRPEF e Contributi Gestione Separata INPS tramite UNICO.
    Di HLVS_80. nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 06-11-16, 10:37 AM
  2. gestione separata - credito INPS residuo
    Di gigi72 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-06-16, 12:27 PM
  3. credito inps gestione separata
    Di FEDERIC nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31-07-14, 10:57 AM
  4. Credito Iva 2011 è utilizzabile per pagare i contributi Inps e ritenute Irpef??
    Di Santiago82 nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-02-12, 07:03 PM
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-08-11, 02:18 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15