Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: Cambiamenti nella certificazione unica relativa al 2019

  1. #1
    LONGBOARD è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    340

    Predefinito Cambiamenti nella certificazione unica relativa al 2019

    Vorrei segnalare l'introduzione di un nuovo codice da indicare nella c.u. di cui al Titolo ,che riguarda l'indicazione delle somme che seppur erogate non hanno subito ritenuta . Trattasi nella fattispecie dei compensi erogati a contribuenti forfettari che sono esonerati dal subire ritenuta alla fonte.
    I contribuenti ordinari infatti devono inviare apposita c.u. ai soggetti forfettari da cui hanno ricevuto fattura (in ossequio al principio superiore della quadratura universale dei dati incrociati.....)
    Come noto tali soggetti emettono fattura sulle quali è dovuta imposta di bollo di 2 euro se superiori all'importo di legge. Tali somme escluse ex art. 15 DPR 633/72 non costituiscono reddito per i percipienti e sono chiaramente anch'esse fuori dalla tassazione reddituale. Una fattura di 102 euro pertanto, se il bollo viene addebitato ,si compone di due importi che non sono soggetti a ritenuta di acconto: 100 euro non soggetti ma che costituiscono reddito e 2 euro non soggetti ,ma che non costituiscono reddito. Mentre sino allo scorso anno nella certificazione unica entrambi gli importi confluivano insieme con l'indicazione del codice 7 per qualificarne l'esclusione, quest'anno viene introdotto un nuovo codice 8 che dovrà essere utilizzato per indicare i 2 euro che non costituiscono reddito.
    Chi avesse già compilato tramite i propri gestionali i dati per le certificazioni dovrà pertanto scindere gli importi tra quelli non soggetti a ritenuta ma costituenti reddito da quelli esenti o non soggetti ex art. 15.
    Il problema è come indicare nella c.u. i due codici con una casella (6) a disposizione...
    codice da indicare nel punto 6 della cu sezione lavoro autonomo:

    7 - nel caso di erogazione di altri redditi non soggetti a ritenuta;
    8 - nel caso di erogazione di redditi esenti ovvero di somme che non costituiscono reddito;
    Ultima modifica di LONGBOARD; 04-02-20 alle 03:39 AM

  2. #2
    Alessandra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    bergamo dal 2019
    Messaggi
    505

    Predefinito

    Mi stavo ponendo anch'io il problema perché fattura ricevuta da commercialista regime ordinario imponibile 1000,00 cassa commerc 40, spese anticipate art 15 €510,00 r.a 200,00, e altro commercialista nei forfettari imponibile che non usa fatturazione elettronica 1000,00 cassa 40€ + spese anticipate es pratiche € 510,00 bollo € 2,00.
    quindi il primo indicherà €1510 imponibile lordo quadro 6 codice 7 per spese anticipate 510,00 imponibile 1000,00 ra 200;
    il secondo invece indicherà lordo 1512,00 nel riquadro 6 codice 7 per 1510 e codice 8 per 2€?
    chiamala semplificazione!
    E uno che riceve la fattura come fa a sapere se nel totale esempio delle spese anticipate esempio nei 512,00 € ci sono marche da bollo € 16,00 per valori bollati apposti e anticipati dal commercialista e/o geometra su libri sociali o per pratiche in comune scia....

  3. #3
    LONGBOARD è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    340

    Predefinito

    Si evidenzia altresì che si assiste ad una moltiplicazione delle pagine della C.U. in quanto dovendo indicare nella stessa casella delle somme non soggette a ritenuta , sia l'imponibile del forfettario di euro mille e quello delle somme art. 15 con due codici diversi :7 e 8 ,ciò non può che avvenire compilando due volte la casella delle somme non soggette a ritenuta....
    In relazione al dettaglio delle spese art. 15 si ritiene che lo stesso debba essere analitico e quindi non espresso solo per totale. In ogni caso per la divisione di cui trattasi , dato che la casella di confluenza è la medesima non si pone il problema. Tutti gli importi art. 15 vanno nella medesima casella e vanno solo distinti dalle somme imponibili.

  4. #4
    L'avatar di roby
    roby è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Rimini, Italy
    Messaggi
    2,186

    Predefinito

    Grazie mille Longobard per queste tue segnalazioni!

  5. #5
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,843

    Predefinito

    L’unica soluzione corretta finalizzata alla doppia utilizzazione dello stesso rigo è la compilazione doppia del modello CU per distinguere i casi di cui ai codici 7 e 8.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  6. #6
    VIRGILIO77 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    MILANO
    Messaggi
    403

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandra Visualizza Messaggio
    Mi stavo ponendo anch'io il problema perché fattura ricevuta da commercialista regime ordinario imponibile 1000,00 cassa commerc 40, spese anticipate art 15 €510,00 r.a 200,00, e altro commercialista nei forfettari imponibile che non usa fatturazione elettronica 1000,00 cassa 40€ + spese anticipate es pratiche € 510,00 bollo € 2,00.
    quindi il primo indicherà €1510 imponibile lordo quadro 6 codice 7 per spese anticipate 510,00 imponibile 1000,00 ra 200;
    il secondo invece indicherà lordo 1512,00 nel riquadro 6 codice 7 per 1510 e codice 8 per 2€?
    chiamala semplificazione!
    E uno che riceve la fattura come fa a sapere se nel totale esempio delle spese anticipate esempio nei 512,00 € ci sono marche da bollo € 16,00 per valori bollati apposti e anticipati dal commercialista e/o geometra su libri sociali o per pratiche in comune scia....
    con il codice 7 secondo me si deve indicare 1.550,00 ci sono altri pareri?

  7. #7
    LONGBOARD è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    340

    Predefinito

    Si ricorda che,come indicato nelle istruzioni ministeriali l'importo del contributo integrativo 4% dovuto alla Cassa Previdenziale di appartenenza, non deve essere indicato nella certificazione unica.
    Sorte diversa invece per il contributo previdenziale 4% addebitato in via di rivalsa dagli iscritti ala gestione separata Inps, che peraltro e' soggetto a ritenuta.

    estratto istruzioni:
    Si precisa che il contributo integrativo (ad esempio 2 per cento o 4 per cento) destinato alle Casse professionali non fa parte del compenso e, quindi, non deve essere indicato.
    Ultima modifica di LONGBOARD; 06-02-20 alle 05:46 AM

  8. #8
    VIRGILIO77 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    MILANO
    Messaggi
    403

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LONGBOARD Visualizza Messaggio
    Si ricorda che,come indicato nelle istruzioni ministeriali l'importo del contributo integrativo 4% dovuto alla Cassa Previdenziale di appartenenza, non deve essere indicato nella certificazione unica.
    Sorte diversa invece per il contributo previdenziale 4% addebitato in via di rivalsa dagli iscritti ala gestione separata Inps, che peraltro e' soggetto a ritenuta.

    estratto istruzioni:
    Si precisa che il contributo integrativo (ad esempio 2 per cento o 4 per cento) destinato alle Casse professionali non fa parte del compenso e, quindi, non deve essere indicato.
    estratto istruzioni certificazione unica 2020 pag. 71:
    Relativamente ai compensi, non soggetti a ritenuta d’acconto, corrisposti a coloro che applicano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità previsto dall’art. 27 del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 nel presente punto va altresì indicato l’intero importo corrisposto, ancorché non assoggettato a ritenuta d’acconto. Il medesimo importo deve essere riportato anche nel successivo punto 7. Relativamente ai compensi, non assoggettati a ritenuta d’acconto, corrisposti ai nuovi soggetti “minimi forfetari” di cui all’articolo 1 della L. 190/2014 deve essere riportato nel presente punto l’intero importo corrisposto. Il medesimo importo deve essere riportato anche nel successivo punto 7.

  9. #9
    VIRGILIO77 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    MILANO
    Messaggi
    403

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandra Visualizza Messaggio
    Mi stavo ponendo anch'io il problema perché fattura ricevuta da commercialista regime ordinario imponibile 1000,00 cassa commerc 40, spese anticipate art 15 €510,00 r.a 200,00, e altro commercialista nei forfettari imponibile che non usa fatturazione elettronica 1000,00 cassa 40€ + spese anticipate es pratiche € 510,00 bollo € 2,00.
    quindi il primo indicherà €1510 imponibile lordo quadro 6 codice 7 per spese anticipate 510,00 imponibile 1000,00 ra 200;
    il secondo invece indicherà lordo 1512,00 nel riquadro 6 codice 7 per 1510 e codice 8 per 2€?
    chiamala semplificazione!
    E uno che riceve la fattura come fa a sapere se nel totale esempio delle spese anticipate esempio nei 512,00 € ci sono marche da bollo € 16,00 per valori bollati apposti e anticipati dal commercialista e/o geometra su libri sociali o per pratiche in comune scia....
    estratto istruzioni certificazione unica 2020 pag. 71:
    Relativamente ai compensi, non soggetti a ritenuta d’acconto, corrisposti a coloro che applicano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità previsto dall’art. 27 del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 nel presente punto va altresì indicato l’intero importo corrisposto, ancorché non assoggettato a ritenuta d’acconto. Il medesimo importo deve essere riportato anche nel successivo punto 7. Relativamente ai compensi, non assoggettati a ritenuta d’acconto, corrisposti ai nuovi soggetti “minimi forfetari” di cui all’articolo 1 della L. 190/2014 deve essere riportato nel presente punto l’intero importo corrisposto. Il medesimo importo deve essere riportato anche nel successivo punto 7.

  10. #10
    LONGBOARD è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    340

    Predefinito

    Cercando di fare chiarezza : siamo d'accordo sul fatto che nel riquadro n. 4 denominato" ammontare lordo corrisposto" non vada indicato il contributo integrativo alle Casse, 2 o 4% che sia (che non sono compensi), come da istruzioni a pag. 70?
    Se la risposta è affermativa allora relativamente al contenuto del riquadro 7 troviamo la precisazione che gli importi indicati ai punti n. 5 e n. 7 sono sempre ricompresi nel precedente punto 4.(istruzioni pag. 72)
    Quindi se i contributi non vanno nel punto 4, non vanno nemmeno nel punto 7, che ne costituisce un "de cui".

Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. scadenza certificazione unica 2019
    Di mauri9i89 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-03-19, 07:32 PM
  2. certificazione unica 2019
    Di VIRGILIO77 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 11-02-19, 06:42 AM
  3. Inserimento rimborso nella Certificazione Unica 2016
    Di ITAN83PE nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-02-16, 10:42 PM
  4. Rimborso irpef non riportato nella certificazione unica
    Di angelasem nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-10-15, 11:33 AM
  5. rimborso spese anticipate dal professionista nella Certificazione Unica
    Di fausto nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-06-15, 10:24 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15