Buongiorno a tutti,
un mio cliente forfettario, che ha svolto una prestazione per un condominio, ha anticipato il compenso ad un altro professionista forfettario con cui ha collaborato e la fattura di tale ultimo professionista Ŕ intestata al committente principale (condominio).
Quindi il mio cliente ha riportato nella fattura emessa verso il committente principale questa anticipazione come spesa sostenuta in nome e per conto del committente ex art.15 dpr 633/72.
A questo punto ci sono due soluzioni per la certificazione del compenso corrisposto:
1) il mio cliente certifica (in dichiarazione dei redditi perchŔ forfettario) il compenso erogato al professionista collaboratore;
2) il committente principale (condominio), che successivamente ha rimborsato questa anticipazione al mio cliente pagandogli la fattura, deve emettere la certificazione unica al professionista collaboratore.
Pi¨ in generale, in questi casi di spese anticipate in nome e per conto, Ŕ chi materialmente anticipa il pagamento che deve certificare il compenso erogato oppure Ŕ obbligo del committente principale emettere la certificazione?
Partendo anche dal presupposto che il condominio ovviamente certifica al mio cliente sia il vero e proprio compenso che le spese anticipate (tra le quali c'Ŕ anche il compenso anticipato a questo professionista) con i due nuovi appositi codici 7 e 8, propendo per la soluzione n.1; Non sono riuscita a trovare alcun riferimento normativo specifico, chiedo quindi se qualcuno sa darmi delucidazioni in merito.

p.s. spero di aver scelto la sezione del forum corretta, in caso contrario mi scuso.
Grazie mille