Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: transazione ?

  1. #1
    ST2010 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    236

    Predefinito transazione ?

    Buongiorno a tutti,
    avrei per la prima volta questa problematica:

    una società versa in una in una situazione economico-finanziaria
    non rosea ed è gravata da una pesante situazione debitoria.
    Alcuni creditori hanno già provveduto tramite decreti ingiuntivi.

    Pensavo di tentare di salvare la situazione proponendo ai
    creditori il pagamento solo di una parte del credito, ed oltretutto
    in 6 (comode !) rate mensili.
    Questo accordo non sarebbe un accordo stragiudiziale di ristrutturazione
    secondo il 182 bis L.F, quindi niente omologazione.

    Questo configura una transazione a saldo e stralcio?
    Avete una bozza?

    Se poi invece il tutto sfociasse in un fallimento, i creditori che hanno
    accettato si insinuerebbero per tutto il credito iniziale o solo quello
    che deriva dalla transazione ?

    Grazie in anticipo per le risposte,

  2. #2
    Il Gabbiano è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    334

    Predefinito

    a mio parere si insinuerebbero (a quel punto per tutto il credito) solo se col fallimento venissero revocati i pagamenti a saldo e stralcio...infatti lo scopo degli accordi ex art. 182 bis l.f. è quello di mettere al riparo i pagamenti dall'azione revocatoria

  3. #3
    f.p
    f.p è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    1,554

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ST2010 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti,
    avrei per la prima volta questa problematica:

    una società versa in una in una situazione economico-finanziaria
    non rosea ed è gravata da una pesante situazione debitoria.
    Alcuni creditori hanno già provveduto tramite decreti ingiuntivi.

    Pensavo di tentare di salvare la situazione proponendo ai
    creditori il pagamento solo di una parte del credito, ed oltretutto
    in 6 (comode !) rate mensili.
    Questo accordo non sarebbe un accordo stragiudiziale di ristrutturazione
    secondo il 182 bis L.F, quindi niente omologazione.

    Questo configura una transazione a saldo e stralcio?
    Avete una bozza?

    Se poi invece il tutto sfociasse in un fallimento, i creditori che hanno
    accettato si insinuerebbero per tutto il credito iniziale o solo quello
    che deriva dalla transazione ?

    Grazie in anticipo per le risposte,
    ciao
    "Il Gabbiano" ha ragione, i creditori potrebbero insinuarsi solo nel caso in cui il pagamento ricevuto fosse revocato;
    ho qualche dubbio, invece, sulla circostanza che - in tal caso - l'insinuazione possa riguardare l'intero credito originariamente vantato e non soltanto l'importo ricevuto a stralcio e saldo, posto che la transazione avrebbe ormai novato il titolo di credito.
    "Alcune persone sognano cose importanti, altre stanno sveglie e le fanno".

  4. #4
    Il Gabbiano è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    334

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da f.p Visualizza Messaggio
    ciao
    "Il Gabbiano" ha ragione, i creditori potrebbero insinuarsi solo nel caso in cui il pagamento ricevuto fosse revocato;
    ho qualche dubbio, invece, sulla circostanza che - in tal caso - l'insinuazione possa riguardare l'intero credito originariamente vantato e non soltanto l'importo ricevuto a stralcio e saldo, posto che la transazione avrebbe ormai novato il titolo di credito.
    Premetto che parlo, anzi scrivo, in via intuitiva, senza aver fatto una ricerca a riguardo:
    con una transazione io creditore accetto di strlaciare parte del mio credito in cambio di un pagamento immediato o comunque concordato...se questo pagamento viene meno non vedo perchè io dovrei rinunciare ad un credito che era comunque interamente esigibile...a mio parere il pagamento è un elemento fondamentale della transazione che se viene meno fa perdere efficacia alla stessa.

  5. #5
    ST2010 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    236

    Predefinito il dubbio permane

    Grazie ad entrambi,
    in effetti il dubbio permane...

    Leggo che in caso di revocatoria questa determina
    "l'inefficacia totale dell'atto revocato",
    sembra quindi che verrebbe revocata la transazione a diminuzione del debito...?
    Se riesco ad avere una risposta certa vi faccio sapere.

    Altra domanda, secondo voi questa bozza di transazione andrebbe bene?
    ATTO DI TRANSAZIONE

    saluti!

  6. #6
    f.p
    f.p è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    1,554

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il Gabbiano Visualizza Messaggio
    Premetto che parlo, anzi scrivo, in via intuitiva, senza aver fatto una ricerca a riguardo:
    con una transazione io creditore accetto di strlaciare parte del mio credito in cambio di un pagamento immediato o comunque concordato...se questo pagamento viene meno non vedo perchè io dovrei rinunciare ad un credito che era comunque interamente esigibile...a mio parere il pagamento è un elemento fondamentale della transazione che se viene meno fa perdere efficacia alla stessa.
    Buondì
    l'ipotesi di cui si chiacchiera è quella di una transazione che viene formalizzata e eseguita (viene pagato l'importo concordato a stralcio e saldo dell'originario debito); ciò implica il perfeziomento di quel negozio giuridico.
    la circostanza che il pagamento venga revocato non implica automaticamente che il negozio non sia valido, con riferimento agli altri effetti da questo prodotti: ben vero, il tutto andrebbe valutato anche in ragione del testo della transazione stessa.

    Capita spesso, ad esempio, che i dipendenti di società poi fallite ricevano in pagamento titoli cambiari (poi rimasti impagati) che fanno modificare il titolo dell'insinuazione al passivo del fallimento (non più per retribuzioni ed in via privilegiata, bensì credito chirografario per titolo cambiario protestato).

    ecco il perchè del dubbio sopra esposto!!


    Per ST...
    Il testo della transazione potrebbe andar bene: magari (se rappresenti il debitore che potrebbe fallire) dando atto che le parti dichiarano che si tratta di una transazione novativa (posto che prevedono il pagamento in "comode rate": ciò modificherebbe il titolo del credito originario); ovvero (se rappresenti il creditore) dando atto che la transazione si intenderà priva di ogni effetto non solo in caso di mancato pagamento degli importi concordati ma anche e specificamente nell'ipotesi di procedure concorsuali che comportino la ravooca dei pagamenti in parola.

    Ciao
    "Alcune persone sognano cose importanti, altre stanno sveglie e le fanno".

  7. #7
    ST2010 è offline Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    236

    Predefinito però!

    Grazie f.p,
    ottimi suggerimenti!

    Rappresento il debitore.
    I stipendi, anche se un pò in ritardo,
    vengono pagati e non saranno assolutamente oggetto di transazione.

    Integrerò anche quanto da te suggerito nel caso fossi stato il consulente
    dei creditori, proprio a tutela degli stessi.

Discussioni Simili

  1. transazione
    Di fabio12161 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-07-13, 09:15 PM
  2. transazione
    Di mauriziop nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-02-10, 09:02 AM
  3. Transazione
    Di kennedy08 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-01-09, 07:40 PM
  4. Transazione e R.T.I.
    Di f.p nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-01-09, 10:04 AM
  5. Iva su transazione
    Di gival10 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-12-08, 03:59 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15