Buongiorno avrei bisogno di un informazione in quanto non ho esperienza del genere.
Un lavoratore dipendente di una società fallita nel 2005 si è insinuato nel passivo, la sua richiesta ai tempi fu accolta tant'è che il curatore gli quantificò il credito , a titolo esemplificativo diciamo €150 per TFR, €100 per mensilità e € 180 per altre spettanze. Quindi al lavoratore dovevano spettare in tutto € 430 , nel frattempo il lavoratore si rivolge la fondo di garanzia inps ed ottiene una parte delle sue spettanze, passano gli anni ed adesso il curatore liquida € 120.
La domanda è , posto che comunque non si sa quanto sia stato ricavato dal fallimento, ma il lavoratore deve accontentarsi di quaeste € 120 oppure deve richiedere che fine ha fatto la differenza su quanto era stato contabilizzato dal curatore stesso?