Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Fattura e commercio elettronico indiretto nel regime dei minimi

  1. #1
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,280

    Predefinito Fattura e commercio elettronico indiretto nel regime dei minimi

    Nell'ambito delle attività di commercio elettronico indiretto, è prevista la non obbligatorietà di certificare i corrispettivi delle vendite tramite fattura o scontrino fiscale. E' infatti sufficiente annotare il totale delle vendite giornaliere in un registro dei corrispettivi.

    Ho letto una risposta ad un quesito che ha riguardato il caso del contribuente minimo che esercita attività di e-commerce indiretto. In breve, chi ha risposto al quesito ritiene che sia obbligatorio che il contribuente minimo emetta fattura.
    Purtroppo non ho traccia di chi, quando e dove abbia scritto ciò.

    In ogni caso, a me non risulta che vi sia questo obbligo "speciale" per i contribuenti minimi, che possono infatti annotare semplicemente le vendite giornaliere alla stregua dei soggetti che svolgono la medesima attività essendo inquadrati in regimi fiscali differenti (ordinario/semplificato ovvero nuove iniziative produttive).

    Confermate?

  2. #2
    ergo3 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    (Ba)
    Messaggi
    1,853

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.mamo Visualizza Messaggio
    Nell'ambito delle attività di commercio elettronico indiretto, è prevista la non obbligatorietà di certificare i corrispettivi delle vendite tramite fattura o scontrino fiscale. E' infatti sufficiente annotare il totale delle vendite giornaliere in un registro dei corrispettivi.

    Ho letto una risposta ad un quesito che ha riguardato il caso del contribuente minimo che esercita attività di e-commerce indiretto. In breve, chi ha risposto al quesito ritiene che sia obbligatorio che il contribuente minimo emetta fattura.
    Purtroppo non ho traccia di chi, quando e dove abbia scritto ciò.

    In ogni caso, a me non risulta che vi sia questo obbligo "speciale" per i contribuenti minimi, che possono infatti annotare semplicemente le vendite giornaliere alla stregua dei soggetti che svolgono la medesima attività essendo inquadrati in regimi fiscali differenti (ordinario/semplificato ovvero nuove iniziative produttive).

    Confermate?
    E' scritto in una delle circolari. Credo del 2009.
    "...sentite ragazzi.. la legge è legge e per quanto possa sembrare strano va rispettata!!"...(Bud Spencer in "Lo chiamavano Trinità")

  3. #3
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,280

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ergo3 Visualizza Messaggio
    E' scritto in una delle circolari. Credo del 2009.
    Che afferma la non obbligatorietà dell'emissione della fattura?
    Se non erro, ne ha parlato per ultima la Risoluzione Agenzia Entrate 5.11.2009, n. 274/E a proposito dei resi in assenza di fattura.

    In ogni caso, la semplificazione esistente nell'e-commerce indiretto vale in generale, al di là del regime fiscale del contribuente.

  4. #4
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,280

    Predefinito

    Comunque sia il nocciolo della questione è questo:
    - Circolare AdE n. 73/E del 2007: obbligatorio certificare i corrispettivi con emissione della fattura con dicitura che richiama la Legge finanziaria per il 2008;
    - disposizioni specifiche di settore per l'e-commerce indiretto che consentono di certificare le vendite con il solo registro dei corrispettivi, derogando gli obblighi generali di certificazione tramite fattura o scontrini fiscali*.

    La domanda è: qualche prevale delle due?
    A mio parere, proprio nell'ottica di semplificazione del regime dei minimi, non è pensabile che questi abbiano maggiori o diversi adempimenti degli altri contribuenti che svolgono la medesima attività.



    * L'Agenzia nella Risoluzione 274/E del 2009 afferma che:
    "Ai fini Iva, le operazioni di commercio elettronico indiretto sono
    assimilabili alle vendite per corrispondenza e, pertanto, non sono soggette
    all’obbligo di emissione della fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il
    momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del
    d.P.R. n. 633 del 1972, né all’obbligo di certificazione mediante emissione dello
    scontrino o della ricevuta fiscale ai sensi dell’articolo 2, lettera oo), del d.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696."

  5. #5
    shailendra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    3,387

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.mamo Visualizza Messaggio
    Comunque sia il nocciolo della questione è questo:
    - Circolare AdE n. 73/E del 2007: obbligatorio certificare i corrispettivi con emissione della fattura con dicitura che richiama la Legge finanziaria per il 2008;
    - disposizioni specifiche di settore per l'e-commerce indiretto che consentono di certificare le vendite con il solo registro dei corrispettivi, derogando gli obblighi generali di certificazione tramite fattura o scontrini fiscali*.

    La domanda è: qualche prevale delle due?
    A mio parere, proprio nell'ottica di semplificazione del regime dei minimi, non è pensabile che questi abbiano maggiori o diversi adempimenti degli altri contribuenti che svolgono la medesima attività.



    * L'Agenzia nella Risoluzione 274/E del 2009 afferma che:
    "Ai fini Iva, le operazioni di commercio elettronico indiretto sono
    assimilabili alle vendite per corrispondenza e, pertanto, non sono soggette
    all’obbligo di emissione della fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il
    momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del
    d.P.R. n. 633 del 1972, né all’obbligo di certificazione mediante emissione dello
    scontrino o della ricevuta fiscale ai sensi dell’articolo 2, lettera oo), del d.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696."
    La circolare in esame non obbliga a certificare i corrispettivi con emissione di fattura; ci mancherebbe che un commerciante al minuto dovesse emettere fattura per ogni articolo venduto!!! Obbliga solo, nel caso di emissione di fattura, ad indicare la dicitura prevista. Quindi, nel caso specifico, nulla osta a continuare a compilare il registro corrispettivi come si è fatto finora.

  6. #6
    Il Gabbiano è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    334

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da shailendra Visualizza Messaggio
    La circolare in esame non obbliga a certificare i corrispettivi con emissione di fattura; ci mancherebbe che un commerciante al minuto dovesse emettere fattura per ogni articolo venduto!!! Obbliga solo, nel caso di emissione di fattura, ad indicare la dicitura prevista. Quindi, nel caso specifico, nulla osta a continuare a compilare il registro corrispettivi come si è fatto finora.
    anche secondo me nulla osta, minimo, semplificato o ordinario per e-commerce diretto non hai obbligo se non te lo chiede il cliente entro l'effettuazione dell'operazione

  7. #7
    ergo3 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    (Ba)
    Messaggi
    1,853

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.mamo Visualizza Messaggio
    Comunque sia il nocciolo della questione è questo:
    - Circolare AdE n. 73/E del 2007: obbligatorio certificare i corrispettivi con emissione della fattura con dicitura che richiama la Legge finanziaria per il 2008;
    - disposizioni specifiche di settore per l'e-commerce indiretto che consentono di certificare le vendite con il solo registro dei corrispettivi, derogando gli obblighi generali di certificazione tramite fattura o scontrini fiscali*.

    La domanda è: qualche prevale delle due?
    A mio parere, proprio nell'ottica di semplificazione del regime dei minimi, non è pensabile che questi abbiano maggiori o diversi adempimenti degli altri contribuenti che svolgono la medesima attività.



    * L'Agenzia nella Risoluzione 274/E del 2009 afferma che:
    "Ai fini Iva, le operazioni di commercio elettronico indiretto sono
    assimilabili alle vendite per corrispondenza e, pertanto, non sono soggette
    all’obbligo di emissione della fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il
    momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del
    d.P.R. n. 633 del 1972, né all’obbligo di certificazione mediante emissione dello
    scontrino o della ricevuta fiscale ai sensi dell’articolo 2, lettera oo), del d.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696."
    Prima di tutto i corrispettivi devono essere certificati, nel caso di soggetti esonerati dall'obbligo di emissione della fattura senon su richiesta del cliente (es. comm.ti dettaglio in luogo fisso), con lo scontrino/la ricevuta fiscale o la fattura, siano essi contribuenti minimi o non.

    In secondo luogo, come vi avevo detto prima, l ADE si è pronunciata con una risoluzione che, visto che avevo tempo da perdere e per passione per sto forum, o ritrovato per voi....
    la 108/2009
    "...sentite ragazzi.. la legge è legge e per quanto possa sembrare strano va rispettata!!"...(Bud Spencer in "Lo chiamavano Trinità")

  8. #8
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,280

    Predefinito

    Nell'e-commerce indiretto non è necessario emettere ricevuta né scontrino.
    Basta l'annotazione nei corrispettivi.

    Grazie per aver ricordato la Risoluzione n. 108/2009, è esattamente quella.
    Ultima modifica di dott.mamo; 02-12-10 alle 09:22 PM

  9. #9
    ergo3 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    (Ba)
    Messaggi
    1,853

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dott.mamo Visualizza Messaggio
    Nell'e-commerce indiretto non è necessario emettere ricevuta né scontrino.
    Basta l'annotazione nei corrispettivi.

    Grazie per aver ricordato la Risoluzione n. 108/2009, è esattamente quella.
    Vuoi che non sappia che per le vendite per corrispondenza ci sia l'annotazione e non lo scontrino, visto che ti ho segnalato la risoluzione?
    "...sentite ragazzi.. la legge è legge e per quanto possa sembrare strano va rispettata!!"...(Bud Spencer in "Lo chiamavano Trinità")

  10. #10
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,280

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ergo3 Visualizza Messaggio
    Vuoi che non sappia che per le vendite per corrispondenza ci sia l'annotazione e non lo scontrino, visto che ti ho segnalato la risoluzione?
    Avevo capito male il tuo post di prima.

Discussioni Simili

  1. Regime minimi commercio elettronico
    Di bronto nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-05-13, 10:02 AM
  2. Apertura p.iva per commercio elettronico indiretto
    Di alexander85vr nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-08-11, 02:02 PM
  3. Commercio elettronico
    Di pircar nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-11-10, 03:14 PM
  4. Operazione iva commercio elettronico indiretto
    Di bananazoo nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-10-10, 01:38 PM
  5. ricevuta..........commercio elettronico indiretto
    Di computerland nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-09-09, 08:07 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15