Salve a tutti, sono nuovo del forum, sono fiorentino ma vivo da due anni in Sardegna.
Avrei un questito.
Sono un architetto e ad oggi lavoro come libero professionista. Emetto fattura con ritenuta d’acconto.

La mia intenzione sarebbe quella di affiancare alla mia attività professionale un'attività artiginale di produzione di oggetti d'arte unici scolpiti a mano in legno (inquadrabili come oggetti d’arte unici, quindi opere frutto del proprio ingegno) e metterli in vendita sia su un sito personale, su e-bay o altri portali simili, o esporli in fiere di settore, quindi vendibili anche a privati.
Sto aspettando una risposta dal mio ordine professionale se c'è qualche forma di incompatibilità tra la professione e la vendita di oggetti. Comunque la domanda è questa

Se con la partita iva da libero professionista non posso vendere, potrei aprire una seconda “partita iva d’artista” che mi consentirebbe prima di tutto di vendere e poi di pagare contributi previdenziali solamente in base a quanti oggetti vendo?
O meglio vendo 1000 e su mille pago tasse-contributi, vendo 10.000 e su diecimila pago...., vendo 0 pago zero.

grazie in anticipo