Un professionista , con pro rata > 25%, vuole subentrare nel corso del 2012 in un contratto di leasing immobiliare riferito ad un ufficio (immobile strumentale per natura con categoria catastale A/10), con diritto di riscatto da esercitarsi per maggio 2014. Il contratto di leasing risulta stipulato nell’anno 2004 ed allo stato attuale la società di leasing per i relativi canoni emette fattura con iva. Il professionista intende locare l’ufficio ad altri soggetti iva. Tanto considerato secondo voi ai fini iva
1- per tale cessione di contratto è corretto applicare il reverse charge, ciò anche in considerazione della risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 212/e del 2007 che in merito alla determinazione del valore di cessione del contratto ritiene che il prezzo pagato debba considerarsi “anticipo del prezzo del bene” ;
2- la relativa iva sui canoni di leasing (qualora il professionista affittasse ad altri soggetti l’ufficio), o quella eventuale per il subentro nel contratto (qualora non rientri tra il reverse charge) è interamente detraibile?