Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Damy.C

Discussione: Fattura emessa cointestata spesometro

  1. #1
    technobit è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    365

    Predefinito Fattura emessa cointestata spesometro

    Ho emesso una fattura (imponibile € 312,00 + iva € 65,52 = Tot. €uro 377,52) cointestandola a due coniugi riportando in intestazione Cliente i due nomi con esposizione dei due codici fiscali.

    Nello spesometro FE (Fatture emesse), trattandosi di fattura cointestata come va inserita?

    Nelle istruzioni Ministeriali in relazione alle fatture cointestate si legge: "Le operazioni documentate da fatture cointestate devono essere comunicate per ognuno dei cointestatari".

  2. #2
    forstmeier è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,630

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da technobit Visualizza Messaggio
    Ho emesso una fattura (imponibile € 312,00 + iva € 65,52 = Tot. €uro 377,52) cointestandola a due coniugi riportando in intestazione Cliente i due nomi con esposizione dei due codici fiscali.

    Nello spesometro FE (Fatture emesse), trattandosi di fattura cointestata come va inserita?

    Nelle istruzioni Ministeriali in relazione alle fatture cointestate si legge: "Le operazioni documentate da fatture cointestate devono essere comunicate per ognuno dei cointestatari".
    Non è mia materia per fortuna visto che non sono più attivo.
    Mi incuriosisce però la domanda che "per forza" deve avere una logica risposta e spiegazione.

    Riporto un commento:

    """""""""""
    Non è possibile procedere alla registrazione in prima nota indicando più nominativi di clienti per singola fattura registrata, occorre integrare manualmente i dati nello spesometro:
    - nel software importare i dati da contabilità - accedere alla griglia, dove si potrà visualizzare l'operazione riportata da contabilità per il totale
    - creare un'ulteriore riga riferita per comunicare i dati del secondo soggetto.

    Si ricorda che l'importo va indicato pro-quota per ciascun intestatario.

    """"""""""

    saluti,
    .
    Non erro mai, se non erro. Una volta pensavo di errare ed ho errato. Che Errore !

  3. #3
    technobit è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    365

    Predefinito

    Quindi, in relazione all'unica fattura da me emessa e cointestata ai coniugi (pagata al 50%), devo caricare nel quadro FE (Fatture Emesse) dello Spesometro due righe (ad esempio FE001 e FE002) riportando in ognuna il codice fiscale di un cliente, stesso numero fattura, stesse date documento e registrazione, però in riferimento all'importo e all'imposta la metà del tutto. Giusto?

  4. #4
    forstmeier è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,630

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da technobit Visualizza Messaggio
    Quindi, in relazione all'unica fattura da me emessa e cointestata ai coniugi (pagata al 50%), devo caricare nel quadro FE (Fatture Emesse) dello Spesometro due righe (ad esempio FE001 e FE002) riportando in ognuna il codice fiscale di un cliente, stesso numero fattura, stesse date documento e registrazione, però in riferimento all'importo e all'imposta la metà del tutto. Giusto?
    Si ricorda che l'importo va indicato pro-quota per ciascun intestatario.
    Un pò di fantasia in mancanza di altri dati.

    saluti,
    .
    Non erro mai, se non erro. Una volta pensavo di errare ed ho errato. Che Errore !

  5. #5
    Damy.C è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    Calabria
    Messaggi
    147

    Predefinito

    Secondo me se dichiari di averla emessa a entrambi, NON SUCCEDE NULLA;
    E se dichiari di averla emessa per intero a uno solo dei due, NON SUCCEDE NULLA!!!!
    E poi i coniugi sono PRIVATI, non faranno spesometri loro. . . . .
    Queste sono fesserie, sulle quali spesso si è costretti a perderci tempo!
    danilo sciuto likes this.
    "...Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione; La tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro..."
    (Charlie Chaplin)

  6. #6
    forstmeier è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Padova
    Messaggi
    1,630

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Damy.C Visualizza Messaggio
    Secondo me se dichiari di averla emessa a entrambi, NON SUCCEDE NULLA;
    E se dichiari di averla emessa per intero a uno solo dei due, NON SUCCEDE NULLA!!!!
    E poi i coniugi sono PRIVATI, non faranno spesometri loro. . . . .
    Queste sono fesserie, sulle quali spesso si è costretti a perderci tempo!

    Come commento sono d'accordo ma non come suggerimento pratico.

    FAQ ADE

    Si chiede se la trasmissione dei dati entro la predetta data escluda l’applicazione delle sanzioni.

    R: Tenuto conto del carattere di novità degli adempimenti in esame ed in considerazione della complessità tecnica connessa alla predisposizione di specifici strumenti informatici necessari per la gestione di tali novità si ritiene che, in sede di prima applicazione, i soggetti interessati incontrino obiettive difficoltà che non permettono gli adempimenti comunicativi nei termini ordinariamente previsti.

    Pertanto, in sede di controllo, non si rendono applicabili le sanzioni nei casi in cui gli invii avvengano entro il termine del 31 gennaio 2014. Analogamente, nei casi in cui il contribuente rettifichi o sostituisca le precedenti comunicazioni, sempre che quelle integrative o sostitutive siano inviate entro il 31 gennaio 2014, non saranno applicate sanzioni.

    Successivamente al 31 gennaio 2014, si presume che le istruzioni da seguire in caso di omesso o tradivo invio siano le seguenti

    Lo spesometro non è una dichiarazione ma una comunicazione, pertanto la regola generale applicabile in caso di sanzione è:

    in caso di dati incompleti o errati, o per il mancato invio entro i termini stabiliti l’ammontare della sanzione varia da 258 a 2.065 euro. (art. 11, Dlgs. 471/97).

    Qualora non siano stati avviati controlli da parte dell’Amministrazione Finanziaria il contribuente può sanare le irregolarità commesse nell’invio (o nel mancato invio) dello spesometro, applicando l’istituto del ravvedimento operoso (art. 16 comma 3 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472)

    Il ravvedimento operoso prevede la riduzione ad un terzo della sanzione minima irrogabile (258 euro ex art. art. 11, Dlgs. 471/97), cioè 86 euro.

    saluti,
    .
    Non erro mai, se non erro. Una volta pensavo di errare ed ho errato. Che Errore !

  7. #7
    Damy.C è offline Member
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    Calabria
    Messaggi
    147

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da forstmeier Visualizza Messaggio
    Come commento sono d'accordo ma non come suggerimento pratico.

    FAQ ADE

    Si chiede se la trasmissione dei dati entro la predetta data escluda l’applicazione delle sanzioni.

    R: Tenuto conto del carattere di novità degli adempimenti in esame ed in considerazione della complessità tecnica connessa alla predisposizione di specifici strumenti informatici necessari per la gestione di tali novità si ritiene che, in sede di prima applicazione, i soggetti interessati incontrino obiettive difficoltà che non permettono gli adempimenti comunicativi nei termini ordinariamente previsti.

    Pertanto, in sede di controllo, non si rendono applicabili le sanzioni nei casi in cui gli invii avvengano entro il termine del 31 gennaio 2014. Analogamente, nei casi in cui il contribuente rettifichi o sostituisca le precedenti comunicazioni, sempre che quelle integrative o sostitutive siano inviate entro il 31 gennaio 2014, non saranno applicate sanzioni.

    Successivamente al 31 gennaio 2014, si presume che le istruzioni da seguire in caso di omesso o tradivo invio siano le seguenti

    Lo spesometro non è una dichiarazione ma una comunicazione, pertanto la regola generale applicabile in caso di sanzione è:

    in caso di dati incompleti o errati, o per il mancato invio entro i termini stabiliti l’ammontare della sanzione varia da 258 a 2.065 euro. (art. 11, Dlgs. 471/97).

    Qualora non siano stati avviati controlli da parte dell’Amministrazione Finanziaria il contribuente può sanare le irregolarità commesse nell’invio (o nel mancato invio) dello spesometro, applicando l’istituto del ravvedimento operoso (art. 16 comma 3 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472)

    Il ravvedimento operoso prevede la riduzione ad un terzo della sanzione minima irrogabile (258 euro ex art. art. 11, Dlgs. 471/97), cioè 86 euro.

    saluti,
    .
    ?????????
    "...Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione; La tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro..."
    (Charlie Chaplin)

Discussioni Simili

  1. Fattura emessa cee
    Di ops52 nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-03-13, 07:53 AM
  2. fattura emessa
    Di bruce nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 26-01-12, 12:07 PM
  3. spesometro fattura competenza 2009 emessa nel 2010
    Di diletta nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-12-11, 11:22 AM
  4. Fattura cointestata a soggetti diversi
    Di ste295 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-05-11, 06:38 PM
  5. fattura non emessa
    Di cash nel forum Altri argomenti
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 29-07-08, 04:17 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15