Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Dichiarazione Iva integrativa a favore. chiarimenti su visto di conformità.

  1. #1
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito Dichiarazione Iva integrativa a favore. chiarimenti su visto di conformità.

    Buonasera Colleghi.
    Ho il seguente caso: Dichiarazione IVA 2017 presentata tardivamente ma prima dell'entrata in vigore della normativa che ha ridotto la soglia per il visto (24/04/2017); la dichiarazione in questione presentava credito complessivo di 15.434 ed alla medesima non è stato apposto visto poiché l'amministratore ha ritenuto evitare il sostenimento del relativo costo, dato il superamento per pochissimo della soglia dei 15.000; ad oggi, l'intero credito compensabile senza l'apposizione del visto è stato speso, mentre l'eccedenza è stata portata in compensazione verticale nella LIPE del I trimestre, presentata entro il 12/06.
    Mi accorgo ora di un errore nella registrazione di una fattura di acquisto 2016, la correzione della quale ha comportato l'emersione di un ulteriore credito IVA per 300,00 circa e dunque la necessità di presentare un'integrativa a favore.
    Ecco dunque il mio quesito: qual è, in un caso come quello descritto, la discriminante ai fini dell'apposizione (o meno) del visto sull'integrativa? Il fatto che l'originario credito fosse superiore alla soglia oggi in vigore (determinando la necessità del visto sull'integrativa) od il residuo da spendere (ammontante, tra quanto riportato nella LIPE del I trimestre e quanto successivamente emerso, a circa 800,00 Euro e dunque ben al di sotto dell'attuale soglia)?
    Spero di essere stato chiaro. Grazie a chiunque voglia chiarire questo amletico dubbio.
    Buon lavoro.

  2. #2
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito

    Mi verrebbe da dire le due cose insieme...nel senso che, se il credito originario supera i 5.000 e si intende spendere il maggior importo derivante dall'integrativa (a prescindere dal suo ammontare), poiché in questo caso il credito emerso, sommato a quello già dichiarato, è complessivamente superiore a 5.000, allora occorre il visto; ma se non si ha intenzione di spendere il maggior credito, allora non ce n'è bisogno. Che ne pensate?

  3. #3
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    508

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gianlu81 Visualizza Messaggio
    Mi verrebbe da dire le due cose insieme...nel senso che, se il credito originario supera i 5.000 e si intende spendere il maggior importo derivante dall'integrativa (a prescindere dal suo ammontare), poiché in questo caso il credito emerso, sommato a quello già dichiarato, è complessivamente superiore a 5.000, allora occorre il visto; ma se non si ha intenzione di spendere il maggior credito, allora non ce n'è bisogno. Che ne pensate?

    se presenti la dichiarazione integrativa oggi devi secondo me apporre il visto in considerazione del fatto che già hai utilizzato in compensazione oltre i 5000,00 euro. La butto là fai una registrazione interna e storna l'operazione errata e ripristinala nel 2017 visto che è l'ultimo anno in cui si possono registrare ancora le fatture del 2016 ed eviti tutto il problema della dichiarazione iva.

  4. #4
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito

    Purtroppo sono costretto a fare integrativa, poiché il cliente ha successivamente anche variato l'importo di una fattura emessa...tanto è vero che devo inviare anche uno spesometro 2016 (quello presentato ad Aprile) rettificativo.
    Sempre che la cosa non sia sfuggita a me, mi meraviglia come non vi siano stati chiarimenti al riguardo, data la delicatezza delle questioni legate al visto. Altre opinioni in merito?

  5. #5
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    508

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gianlu81 Visualizza Messaggio
    Purtroppo sono costretto a fare integrativa, poiché il cliente ha successivamente anche variato l'importo di una fattura emessa...tanto è vero che devo inviare anche uno spesometro 2016 (quello presentato ad Aprile) rettificativo.
    Sempre che la cosa non sia sfuggita a me, mi meraviglia come non vi siano stati chiarimenti al riguardo, data la delicatezza delle questioni legate al visto. Altre opinioni in merito?
    Risoluzione 57/E del 04/05/2017 pagina 3 parla proprio dell'ipotesi dell'integrativa trasmessa dopo il 24/04/2017

  6. #6
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito

    Ti ringrazio.

Discussioni Simili

  1. Integrativa o correttiva Iva autonoma per apposizione visto conformità
    Di mintdijesolo nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-03-16, 09:01 PM
  2. Dichiarazione IVA con visto di conformità?
    Di FRASI nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-02-12, 01:27 PM
  3. Dichiarazione iva - visto di conformità
    Di bananazoo nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-04-11, 08:02 PM
  4. dichiarazione iva e visto conformità
    Di Manu nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-09-10, 10:59 AM
  5. Dichiarazione iva e visto di conformita'
    Di anakin82 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-08-10, 03:49 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15