Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Agente che recede dal contratto chiudendo la partita IVA e provvigioni da fatturare

  1. #1
    Bande1985 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2011
    LocalitÓ
    Lucca
    Messaggi
    22

    Predefinito Agente che recede dal contratto chiudendo la partita IVA e provvigioni da fatturare

    Buonasera a tutti,

    un mio cliente che fa l'agente rappresentante Ŕ stato assunto e tempo indeterminato e ha dovuto quindi chiudere il rapporto di agenzia con la societÓ mandante (tra l'altro concorrente della societÓ che l'ha assunta come dipendente...).
    Il termine di preavviso previsto era di 5 mesi ma la disdetta ha potuta mandarla solo con 4 mesi di anticipo.
    Quindi d'accordo con la societÓ mandante si farÓ fare i conteggi per corrispondere l'indennitÓ di mancato preavviso per un mese.
    Fino a qui direi tutto ok
    Succede che alla data di chiusura del rapporto rimangono ancora da fatturare alcune provvigioni (da contratto le provvigioni maturano al buon fine).
    Il mio cliente e la mandante si trovano d'accordo di verificare chi debba dare qualcosa a chi in base ai conteggi.
    La societÓ mandante, che alla fine del conteggio risulta essere debitrice di una determinata somma, ritiene che il mio cliente debba emettere una nota di credito a storno diretto delle provvigioni.
    Io ritengo invece che la mia cliente debba emettere una fattura per le provvigioni e la mandante una nota di addebito fuori campo IVA per l'indennitÓ di mancato preavviso.
    La societÓ mandante dice che essendo provvigioni non ancora "fatturate" non Ŕ possibile procedere secondo le mie indicazioni... Ma io posso farmi fare la fattura dalla mandante per l'addebito dell'indennitÓ di mancato preavviso e chiudere la partita IVA e successivamente incassare mano a mano le provvigioni quando saranno fatturate? In quel caso posso emettere una ricevuta? DovrÓ scomputarsi una ritenuta d'acconto?
    Secondo voi qual'Ŕ il comportamento corretto?

  2. #2
    zallaaa12 Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    235

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bande1985 Visualizza Messaggio
    La societÓ mandante, che alla fine del conteggio risulta essere debitrice di una determinata somma, ritiene che il mio cliente debba emettere una nota di credito a storno diretto delle provvigioni.
    Io ritengo invece che la mia cliente debba emettere una fattura per le provvigioni e la mandante una nota di addebito fuori campo IVA per l'indennitÓ di mancato preavviso.
    La societÓ mandante dice che essendo provvigioni non ancora "fatturate" non Ŕ possibile procedere secondo le mie indicazioni... Ma io posso farmi fare la fattura dalla mandante per l'addebito dell'indennitÓ di mancato preavviso e chiudere la partita IVA e successivamente incassare mano a mano le provvigioni quando saranno fatturate? In quel caso posso emettere una ricevuta? DovrÓ scomputarsi una ritenuta d'acconto?
    Secondo voi qual'Ŕ il comportamento corretto?
    Una nota di credito a fronte di prestazioni ancora da effettuare non mi sembra il caso. Meglio come dici tu tenere le cose separate: la mandante fattura il mancato preavviso e l'agente fatturerÓ le prestazioni quando dovuto; eventualmente possono regolare i pagamenti compensando.
    Pi¨ che altro non dovresti chiudere la p.iva finchŔ non hai incassato tutti i crediti (a meno che non fatturi in anticipo).

  3. #3
    Bande1985 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2011
    LocalitÓ
    Lucca
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Infatti non la ritengo la soluzione corretta...
    per˛ siccome voglio chiudere la partita IVA al pi¨ presto e alle due parti va bene cosý penso che far˛ fare una nota di credito a storno delle provvigioni dei mesi precedenti...
    In realtÓ mi rimane il dubbio dell'assoggettamento ad IVA e alla ritenuta d'acconto... nel senso che sulle provvigioni ancora da fatturare mi sta bene + IVA - RA ma sull'indennitÓ di preavviso secondo me Ŕ fuori campo art. 15 mentre nei loro conteggi ci hanno applicato (in negativo) l'IVA e la RA

  4. #4
    zallaaa12 Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    235

    Predefinito

    Secondo me la mandante dovrebbe emettere una notula esclusa iva ex art. 2 c.3 lett.a) DPR 633/72; per la mandante rientra nel reddito d'impresa, quindi niente ritenute.
    Le provvigioni le devi fatturare al "buon fine", quindi ti serve la p.iva in quel momento; se la chiudessi adesso come faresti?

  5. #5
    Bande1985 Ŕ offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2011
    LocalitÓ
    Lucca
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Concordo assolutamente con te... per quanto riguarda le provvigioni al "buon fine" si sono trovati d'accordo nel compensare le due partite (provvigioni da fatturare e indennitÓ di mancato preavviso) perci˛ le fatturerei ora e poi chiuderei la partita IVA

  6. #6
    zallaaa12 Ŕ offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    235

    Predefinito

    Mi sembra un ottimo compromesso.

Discussioni Simili

  1. Una Srls pu˛ fatturare provvigioni?
    Di stupol nel forum Altri argomenti
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 10-07-17, 11:42 AM
  2. Registrazione Fattura Provvigioni Agente UE
    Di Ignoto nel forum IVA - Intrastat - SPESOMETRO - San Marino
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-12-12, 11:01 PM
  3. Provvigioni su fattura agente
    Di SELY nel forum ContabilitÓ, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-07-11, 10:30 AM
  4. Provvigioni agente
    Di Silvan nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-05-10, 09:51 AM
  5. competenza provvigioni agente
    Di Ruben nel forum Altri argomenti
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 02-12-08, 08:49 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15