Buongiorno, spero che possiate aiutarmi a chiarire questa questione.
Sono un fisioterapista, lavoro in una casa di riposo con un contratto da dipendente pubblico part-time al 50%.
Ora la stessa casa di riposo mi ha proposto di iniziare un servizio di fisioterapia a domicilio come libero professionista: la casa di riposo mi farebbe da intermediario per trovare i pazienti e si tratterrebbe una quota della tariffa.
Posso accedere al regime dei minimi?
Rispetto tutti i prerequisiti (età, fatturato inferiore ai 30.000 euro, etc), l'unica punto su cui mi sorge il dubbio è il seguente : "Può accedere al regime dei minimi il soggetto che svolge un’attività che non costituisce in nessun modo mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sottoforma di lavoro dipendente o autonomo."
In poche parole io con la casa di riposo avrei 2 contratti: uno da dipendente part-time e uno da libero professionista. Il lavoro da dipendente si svolge in casa di riposo ed è rivolto ai solo ospiti che risiedono lì.
Il lavoro da libero professionista si svolge fuori dalla casa di riposo (a domicilio dell'utente), però io farei fattura proprio alla casa di riposo che è il mio datore di lavoro per quanto riguarda il lavoro da dipendente.
E' possibile rientrare nel regime dei minimi ed in qualche modo dimostrare che si tratta di 2 lavori diversi? Oppure che tipo di partita iva posso aprire?
grazie