Buongiorno.
La sostituzione di vecchi infissi e serramenti con altri nuovi (conseguendo anche miglioramento energetico) sembrano rientrare in entrambe le normative in oggetto (detrazione 50% in 10 anni), ma quale è lo spartiacque?

Mi spiego.
In un appartamento vengono sostituiti infissi e serramenti Velux della mansarda (vecchi di 25 anni, con doppio vetro) con altri nuovi (a triplo vetro e con applicazione di tapparella oscurante esterna); nessun altro lavoro, miglioramento dell'efficienza energetica certo.
A fini pratica Enea (ma anche di causale sul bonifico parlante) la suddetta operazione sembrerebbe rientrare in entrambe le tipologie di normativa con una differenza: se si sceglie la pratica Enea ai sensi L. 296/2006 (Ecobonus) sembrerebbe siano da compilare due sezioni (una per i serramenti ai sensi comma 345A, e una per le schermature solari ai sensi comma 345B). Per contro la pratica Enea ai sensi DPR 917/86 (Bonus Casa) non chiede alcuna suddivisione e quindi sembrerebbe possibile portare in detrazione l'intera spesa senza dettagliare.

Cosa ne pensate? Quale è la corretta via da seguire?

Grazie