Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Costo del venduto e durata delle scorte

  1. #1
    crisy è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    357

    Predefinito Costo del venduto e durata delle scorte

    Buongiorno,

    Per una società operante nel campo industriale, dallo sds emerge un indice di durata delle scorte abbastanza alto e un incremento delle rimanenze finali rilevante (si tratta di lavori in corso su ordinazione, prevalentemente).
    Lo studio ricalcola ai fini dell'adeguamento il costo del venduto.
    L'azienda in passato esternalizzava tutta la produzione, per cui nei costi per la produzione dei beni era ricompreso il costo del lavoro delle aziende esterne. Ora che la produzione viene svolta internamente, il costo del venduto non dovrebbe correttamente tener conto anche della manodopera diretta?


    grazie

  2. #2
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Sembra proprio di sì.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  3. #3
    alex81x è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    53

    Predefinito

    Buongiorno a tutti,

    Mi riaggancio a questa discussione in quanto avrei una perplessità relativamente al costo del venduto nel contesto dell'indice di rotazione delle scorte di magazzino...

    Indice di rotazione =
    Costo del venduto nel periodo x /scorta media nel periodo x

    Tecnicamente il costo del venduto è un valore "flusso" mentre invece la scorta media (consistenza media) è un valore "stock"?
    Se la risposta è affermativa potreste farmi capire che ragionamento c'è alla base?

    Mi sembra di capire che il costo del venduto siano scarichi di magazzino ossia "vendite valutate al costo di magazzino" accadute in un certo arco temporale; mentre il livello di scorta del magazzino viene supposto "costante" in relazione allo stesso arco temporale, quindi se ne calcola un valore medio che si ipotizza stabile in ogni istante sempre e comunque.

    Francamente non so se sto inquadrando bene la questione e attenderei una vostra gentile conferma o aiuto.

    Grazie mille a tutti
    Alex

  4. #4
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    7,761

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da alex81x Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti,

    Mi riaggancio a questa discussione in quanto avrei una perplessità relativamente al costo del venduto nel contesto dell'indice di rotazione delle scorte di magazzino...

    Indice di rotazione =
    Costo del venduto nel periodo x /scorta media nel periodo x

    Tecnicamente il costo del venduto è un valore "flusso" mentre invece la scorta media (consistenza media) è un valore "stock"?
    Se la risposta è affermativa potreste farmi capire che ragionamento c'è alla base?

    Mi sembra di capire che il costo del venduto siano scarichi di magazzino ossia "vendite valutate al costo di magazzino" accadute in un certo arco temporale; mentre il livello di scorta del magazzino viene supposto "costante" in relazione allo stesso arco temporale, quindi se ne calcola un valore medio che si ipotizza stabile in ogni istante sempre e comunque.

    Francamente non so se sto inquadrando bene la questione e attenderei una vostra gentile conferma o aiuto.

    Grazie mille a tutti
    Alex
    L’indice di rotazione delle scorte è lo strumento che misura la capacità di rinnovo delle scorte, espressa in termini di numero dei cicli di rinnovo. Ad ogni rinnovo, l’impresa recupera la liquidità investita nelle scorte. Lo studio confronta il numero dei cicli di rinnovo del cluster di imprese ad esso appartenenti con quello dell’impresa oggetto del SdS riscontrando eventuali anomalie rispetto al dato standard.

    L’indice “a valore” esprime il rapporto tra il costo del venduto e la giacenza media del periodo considerato.
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 23-09-18 alle 03:07 PM
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  5. #5
    alex81x è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    53

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    L’indice di rotazione delle scorte è lo strumento che misura la capacità di rinnovo delle scorte, espressa in termini di numero dei cicli di rinnovo. Ad ogni rinnovo, l’impresa recupera la liquidità investita nelle scorte. Lo studio confronta il numero dei cicli di rinnovo del cluster di imprese ad esso appartenenti con quello dell’impresa oggetto del SdS riscontrando eventuali anomalie rispetto al dato standard.

    L’indice “a valore” esprime il rapporto tra il costo del venduto e la giacenza media del periodo considerato.
    Grazie Enrico,

    Ma il mio ragionamento sopra è corretto relativamente alla questione flussi vs stock?

    Mi daresti gentilmente conferma

    Grazie

  6. #6
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    7,761

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da alex81x Visualizza Messaggio
    Grazie Enrico,

    Ma il mio ragionamento sopra è corretto relativamente alla questione flussi vs stock?

    Mi daresti gentilmente conferma

    Grazie

    Sul Costo del venduto quale valore di flusso condivido. Sulla scorta media come valore di stock penso sia corretto se riferito ad un determinato istante.
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  7. #7
    alex81x è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    53

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Larocca Visualizza Messaggio
    Sul Costo del venduto quale valore di flusso condivido. Sulla scorta media come valore di stock penso sia corretto se riferito ad un determinato istante.
    Grazie Enrico, certo io intendevo che la scorta media, in quanto è calcolato come valore di media, vada intesa in valore uguale "ogni istante" ma in riferimento a tutto l'arco temporale preso come riferimento. Quindi, in questo caso, non solo legato ad un istante in senso stretto (come ad esempio al 31/12), altrimenti penso non avrebbe senso matematicamente proprio il rapporto tra le due grandezze...
    Immagino che solo così il rapporto tra costo del venduto e scorta media, entrambi relativi ad un identico periodo, abbia una logica.

    Non so se sono riuscito a spiegarmi un po' meglio Enrico

    Grazie, attendo tue
    Saluti

Discussioni Simili

  1. costo del venduto
    Di alessio72 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-10-17, 07:55 AM
  2. Costo del venduto
    Di melinda nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-02-14, 11:58 PM
  3. durata delle scorte non normale e non coerente
    Di crisy nel forum Studi di settore
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-06-12, 12:07 PM
  4. valore "durata delle scorte"
    Di fausto nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-07-09, 05:23 PM
  5. Durata delle scorte.
    Di solar nel forum Studi di settore
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-06-09, 07:22 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15