Una ditta in contabilitā ordinaria ha optato per la determinaione del valore della produzione secondo le regole dettate per le societā di capitali e gli enti commerciali. Ha giā chiuso il bilancio 2008 e stampato in definitivo sia il libro giornale che il registro dei cespiti ammortizzabili. Adesso si accorge di non aver tenuto conto della disposizione della Legge 24/12/2007 N.244 che all'art. 1 comma 34 prevede che per i beni nuovi acquistati ed entrati in funzione nel 2008 non si deve ridurre l'aliquota di ammortamento a metā .
La ditta, che invece ha ammortizzato tali beni riducendo l'aliquota tabellare a metā, per quanto riguarda l'Irpef, iscrive nel rigo RF38 (variazioni in diminuzione) il mancato ammortamento, ma non sa come comportarsi ai fini Irap, tenendo presente che, al fine di sistemare il fondo ammortamento, ha dovuto effettuare nel 2009 la scrittura di prima nota "Ammortamento indeducibile a Fondo ammortamento".

Gli scenari che sembrano possibili sono i seguenti:

1) Dichiarazione Irap 2009: il mancato ammortamento č indeducibile ai fini Irap in quanto non iscritto in bilancio;
Dichiarazione Irap 2010 : l' ammortamento indeducibile iscritto in bilancio diventa deducibile ai fini Irap. ( ma come la mettiamo con la corretta imputazione temporale? )

2) Dichiarazione Irap 2009: mancato ammortamento in rigo IQ37 colonna 2 (variazioni in diminuzione)
Dichiarazione Irap 2010: ammortamento indeducibile in rigo IQ33 colonna 2 (variazioni in aumento ) in quanto giā imponibile nel 2009.

Voi che fareste?

Grazie