Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26

Discussione: cessione del credito di imposta

  1. #1
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito cessione del credito di imposta

    Buongiorno a tutti.

    Avrei bisogno di sapere chi di voi ha esperienza in merito alla cessione di un credito di imposta; avrei alcuni dubbi di carattere "pratico".

    grazie
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  2. #2
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    95

    Predefinito

    Io non direttamente. Ma la locuzione "credito di imposta" è troppo generica. Se specifichi forse è meglio.

  3. #3
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Serrao Visualizza Messaggio
    Io non direttamente. Ma la locuzione "credito di imposta" è troppo generica. Se specifichi forse è meglio.
    Un professionista ha un elevato credito irpef, che sa che non utilizzerà mai in compensazione.
    Allora ha pensato di trasferire tale credito alla associazione tra professionisti di cui fa parte (lui non ha p.i. autonoma), che invece ha una montagna di tributi da pagare, che dunque potrebbe compensare con il credito "acquistato".

    ok?
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  4. #4
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    95

    Predefinito

    Ma dalla ripartizione all'associato per lo stesso non scaturiscono debiti di imposta?

  5. #5
    kismet è offline Member
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    78

    Predefinito

    Non so se ti possono interessare, ho delle bozze di acquisto dei crediti fallimentari (pre e post procedura) fatte dalla finanziaria che poi li ha acquistati (con atto notarile), fammi sapere, te li invio, ciao!

  6. #6
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giuseppe Serrao Visualizza Messaggio
    Ma dalla ripartizione all'associato per lo stesso non scaturiscono debiti di imposta?
    Scaturiscono ovviamente redditi (non straordiari, eh?) e ritenute; e lui, tra contributi alla cassa previdenza, e altre spese, sistematicamente viene a credito.

    Citazione Originariamente Scritto da kismet Visualizza Messaggio
    Non so se ti possono interessare, ho delle bozze di acquisto dei crediti fallimentari (pre e post procedura) fatte dalla finanziaria che poi li ha acquistati (con atto notarile), fammi sapere, te li invio, ciao!
    Grazie, ma non cercavo conforto in termini di fac simile. Lo cercavo in termini di riscontro dell'operazione da parte del'AdE.

    ciao
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  7. #7
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    854

    Predefinito

    Temi problemi da 37 bis?Purtroppo sono operazioni che possono rivelarsi problematiche viste le lettere c) e d) del predetto articolo...

  8. #8
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    33,845

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da valeria.nicoletti@libero.it Visualizza Messaggio
    Temi problemi da 37 bis?Purtroppo sono operazioni che possono rivelarsi problematiche viste le lettere c) e d) del predetto articolo...
    Beh, certo è che se io cedo un credito di imposta, lo faccio per anticiparne la riscossione; poi se il Fiusco pensa che io l'abbia fatto solo perchè voglio dare dei soldi ad un notaio con poco lavoro, il problema non è mio .....

    Io volevo solo sapere qual è l'atto con cui si rende noto al fisco dell'avvenuta cessione del credito.

    ciao
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  9. #9
    Contabile è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,899

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Io volevo solo sapere qual è l'atto con cui si rende noto al fisco dell'avvenuta cessione del credito.
    ciao
    Il credito d'imposta chiesto a rimborso tramite la dichiarazione dei redditi può essere ceduto a terzi tramite la seguente procedura (c.d. procedura ordinaria):
    • la cessione deve essere effettuata con atto pubblico o con scrittura privata autenticata da un notaio e deve riguardare l'intero ammontare del credito chiesto a rimborso per ciascuna delle imposte sui redditi, ivi compreso quello derivante da imposte sostitutive;
    • gli interessi per ritardato rimborso di imposte non possono formare oggetto di autonomo atto di cessione e spettano comunque al cessionario. È nullo ogni patto contrario;
    • l'atto di cessione è efficace se è notificato all'ufficio presso il quale è stata presentata la dichiarazione dei redditi del cedente, nonché al concessionario del servizio della riscossione competente in ragione del domicilio fiscale del cedente alla data di cessione del credito.
    Si considerano inefficaci nei confronti dell'Amministrazione finanziaria i successivi atti di cessione a terzi del credito ceduto;
    • anche a seguito della cessione restano impregiudicati i poteri dell'Amministrazione finanziaria relativi al controllo delle dichiarazioni dei redditi, all'accertamento e all'irrogazione delle sanzioni nei confronti del contribuente che ha ceduto il credito d'imposta;
    • per i crediti rimborsati al cessionario di cui risulta l'insussistenza, l'Amministrazione finanziaria può procedere al recupero anche nei confronti di quest'ultimo, previa notificazione degli atti. Sia il cedente che il cessionario hanno l'obbligo di dare tempestiva comunicazione all'Amministrazione finanziaria delle variazioni del domicilio fiscale; in caso di inosservanza non può opporsi il difetto di notifica.

    L'atto di cessione dei crediti è inefficace nei confronti dell'Amministrazione finanziaria se:

    1. al momento della notifica l'Amministrazione ha già proceduto all'emissione dell'ordinativo di pagamento;

    2. è stata presentata richiesta per il rimborso mediante titoli di Stato e, al momento della notifica, il Ministero delle finanze ha già proceduto alla trasmissione dell'elenco degli aventi diritto al rimborso al Ministero del tesoro;

    3. al momento della notifica, risultano a carico del cedente iscrizioni a ruolo relative a tributi erariali, notificate in data anteriore a quella della notifica dell'atto di cessione. In tal caso la cessione ha effetto solo per gli importi eccedenti quelli oggetto delle iscrizioni a ruolo (D.M. n. 384/1997).

    Il cessionario risponde in solido con il contribuente fino a concorrenza delle somme indebitamente rimborsate, a condizione che gli siano notificati gli atti con i quali l'Ufficio delle entrate procede al recupero.

    Cessione nell'ambito del gruppo - Le eccedenze IRES risultanti dalla dichiarazione dei redditi delle società o enti appartenenti a un gruppo non chieste a rimborso, possono essere cedute, in tutto o in parte, a una o più società o ente dello stesso gruppo, senza l'osservanza delle predette formalità.

    Nei confronti dell'Amministrazione finanziaria la cessione è efficace a condizione che l'ente o società cedente indichi nella dichiarazione (Quadro RK):
    • gli estremi dei soggetti cessionari;
    • gli importi ceduti a ciascuno di essi.

    Si considerano appartenenti al gruppo, l'ente o società controllante e le società da questo controllate: si considerano controllate le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata le cui azioni o quote sono possedute dall'ente o società controllante o tramite altra società controllata da questo, per una percentuale superiore al 50 per cento del capitale, fin dall'inizio del periodo di imposta precedente a quello cui si riferiscono i crediti di imposta ceduti.

    Le disposizioni si applicano in ogni caso alle società ed agli enti tenuti alla presentazione del bilancio consolidato.

    La cessione dei crediti di imposta è ammessa anche se il controllante è un ente non commerciale.

    Le cessionarie devono essere società di capitali (ris. 23.10.1996 n. 237/E).

    La cessione può avere ad oggetto anche solo una parte delle eccedenze d'imposta; la quota non ceduta può essere portata in diminuzione dei versamenti d'imposta relativi agli esercizi successivi o chiesta a rimborso.

    Il cessionario può utilizzare le eccedenze ricevute per i versamenti dell'IRES (anche in acconto), i cui termini scadono contestualmente o successivamente alla data in cui il cedente ha presentato la dichiarazione da cui le eccedenze stesse emergono; la parte non utilizzata può essere chiesta a rimborso in sede di dichiarazione dei redditi.

    Il cessionario è responsabile in solido con il cedente a prescindere dall'effettivo utilizzo delle eccedenze stesse.

    Fonti - Artt.. 43-bis e ter, D.P.R. n. 602/1973; D.M. n. 384/1997; R.D. 18.11.1923, n. 2440 -Il Manuale Fiscale 2007
    “Commercialista Telematico. Né SKY, né RAI. Abbonarsi conviene. ”.

    Lavora facile con qualità e risparmio. Lavora CONTABILE TELEMATICO

  10. #10
    Patty76 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Monterotondo (Rm)
    Messaggi
    4,528

    Predefinito

    Io ho trovato questo...se può essere utile...

    La cessione a terzi deve essere effettuata con atto pubblico o scrittura privata autenticata da un notaio e deve riguardare l'intero ammontare del credito chiesto a rimborso. L'atto di cessione va notificato all'ufficio locale dell'agenzia delle Entrate e al concessionario presso cui è aperto il conto fiscale. Il percorso è quello previsto dagli articoli 69 e 70 del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440.
    Servizio 730 anche compilazione conto terzi. Solo invio: servizio gratuito. Mandare messaggi privati

Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. credito imposta, Imu 730 sostituto imposta f24
    Di vincenzo.mina nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-02-12, 06:57 PM
  2. Meglio cessione del credito o recupero del credito?
    Di BRICIOLA nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-02-12, 07:48 PM
  3. Cessione crediti imposta
    Di Maverik nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-10-10, 09:40 AM
  4. Cessione quote - Imposta registro
    Di Aggiornamenti nel forum Contenzioso tributario
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-10-09, 10:56 AM
  5. Imposta su cessione azienda.
    Di gicchia72 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-07-09, 02:38 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15