Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: omessa presentazione unico - CONTESTAZIONE

  1. #1
    studiovacca è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    19

    Predefinito omessa presentazione unico - CONTESTAZIONE

    Gent.mi Colleghi,

    Vi chiedo un parere in merito alla seguente questione.

    Contribuente che per l'anno 2001 presenta in data 16/07/2002 in banca in modello UNICO.

    L'AdE di Verona contesta la mancata presentazione della dichiarazione motivando che:

    1) dal sistema risulta presentata dalla banca in data 23/02/2003 e pertanto oltre i termini
    2) comunque sia....... il modello presentato o meglio ricevuto dal sistema è mancante della parte IVA.

    A mio avviso comunque la dichiarazione è tempestiva. La banca ha tempo 5 mesi per la presentazione telematica del modello, 5 mesi che a mio avviso decorrono dal 31/10/2002, termine ordinario per la presentazione.

    Specifico che il modello presentato in banca era completo di tutto (redditi, IRAP e IVA)

    Il caso e particolarmente grave perchè l'accertatore imputando l'omessa dichiarazione ricostruisce induttivamente i redditi conteggiando maggiori imponibili che determinano,comprese le sanzioni, una somma di circa 28.000,00 Euro da pagare.

    Ho ripetutamente contestato, nell'istanza di autotutela, la correttezza della presentazione, chiedendo l'annullamento dell'accertamento in quanto, essendo regolare la presentazione, l'accertamento per l'anno 2001 risulta PRESCRITTO.

    Ammesso e non concesso che nella presentazione manchi la parte IVA, ritengo comunque che il problema sia imputabile alla BANCA oppure al sistema dell'ADE che non l'ha recepita, trattandosi di "REGOLARE PRESENTAZIONE", da parte del contribuente, la prescrizione operi in maniera assoluta, nonpotendo quindi l'ADE contestarmi la incompletezza della dichiarazione.
    Preciso che il modello UNICO cartaceo presenta le famose X sui quadri complilati compreso i vari quadri VA, VE ecc..

    La mia preoccupazione è che il funzionario è SORDO alle mie ragioni e per ora ho dovuto presentare una istanza di accertamento con adesione per recuperare altro tempo in attesa di ulteriori esami da parte del funzionario.

    Detto cio' chiedo se concordate con me e con le mie motivazioni e se eventualmente avete dei suggerimenti su cosa altro potrei eccepire.

    Grazie a chi potrà e vorrà rispondere.

  2. #2
    maxrobby è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    347

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da studiovacca Visualizza Messaggio
    Gent.mi Colleghi,

    Vi chiedo un parere in merito alla seguente questione.


    Detto cio' chiedo se concordate con me e con le mie motivazioni e se eventualmente avete dei suggerimenti su cosa altro potrei eccepire.

    Grazie a chi potrà e vorrà rispondere.
    Se la memoria non mi inganna, il modello UNICO 2002 persone fisiche con partita Iva, quindi soggette a presentare il modello unificato per redditi, iva, irap, ecc. ecc., poteva essere trasmesso esclusivamente in via telematica tramite intermediario abilitato.
    In sostanza, il modello dichiarativo doveva essere trasmesso da un commercialista abilitato al servizio Entratel e non poteva essere presentato in banca.

    Detto ciò, probabilmente è accaduto che al momento di tramettere il modello, l'operatore incaricato (dalla banca) di effettuare la digitalizzazione di UNICO abbia omesso di inviare la parte Iva (ritengo quindi pure l'Irap) per impossibilità e non per noncuranza.
    Piuttosto, atteso che il modello non poteva essere integralmente trasmesso da tale intermediario, questi avrebbe dovuto in qualche modo contattare il contribuente per comunicargli che quel tipo di dichiarazione poteva essere presentato solo rivolgendosi ad un professionista e non di certo ad una banca.
    Ma questa è un'altra storia.

    Tornando ai fatti, in primo luogo chiederei alla banca copia del modello UNICO presentato, giusto per dimostrare che, pur avendo commesso un errore nella scelta dell'intermediario, la dichiarazione è stata presentata nei termini ed è proprio quella che risulta dall'elaborazione delle scritture contabili.
    Perchè il punto focale è proprio questo: dai registri Iva, beni ammortizzabili, eventuale giornale, ecc. ecc., l'Ufficio può effettuare dei riscontri e rivedere la propria posizione per quanto concerne l'induttivo.
    Peraltro, dalle deleghe di versamento dei tributi (Irpef, Iva, Irap, ritenute e quant'altro), puoi fornire ulteriore elemento di convincimento dell'Ufficio.

    Insomma, è un bel casino: sicuramente puoi far annullare l'induttivo ma non di certo in sede di adesione ... e comunque, il tuo cliente resta soggetto a pesanti sanzioni (dal 120% al 240% dell'imposta dovuta) in quanto la dichiarazione continueranno a considerarla omessa.

Discussioni Simili

  1. Omessa presentazione unico 2009
    Di FRANCESCO1977 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-03-11, 06:22 PM
  2. omessa presentazione UNICO 2009
    Di Laodice nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 15-01-10, 08:00 AM
  3. omessa presentazione UNICO
    Di studiodefino nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 31-03-09, 03:07 PM
  4. Omessa Presentazione Unico 2007
    Di LUCA4107 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-08-07, 05:25 PM
  5. Omessa Presentazione Unico 2007
    Di LUCA4107 nel forum Le utilità del Commercialista telematico
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-08-07, 05:25 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15