Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Recupero credito Iva

  1. #1
    studiodefino è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    193

    Predefinito Recupero credito Iva

    Salve,
    ho un grosso problema con l'ADE (e quando mai)
    fallimento di snc. Nel 2005 (causa incomprensioni tra consulenti e relativo passaggio di carte) viene omessa la dichiarazione iva 2005/periodo 2004 del fallimento che chiudeva con un credito iva di 3.500 rinveniente gia dalla precedente dichiarazone iva 2004 per il periodo 2003.
    nel 2006 nella dichiarazione iva presentata per il 2005 viene riportato il credito (rinvenuto dall'ultima dichiarazione iva 2004 per il periodo 2003 - non sapendo che quella del periodo 2004 era stata omessa) oltre a quello maturato nel corso d'anno per un totale di 5000 euro.
    ora l'ade manda una cartella per il recupero del minor credito di 3500 oltre sanzioni ed interessi.
    Chi mi aiuta?
    Premesso il credito di 3500 non è mai stato usato in nessuna compensazione e per giunta nella successiva dichiarazione iva 2007 per il periodo 2006 sono stati omessi tutti i 5000 cioè presentata a zero, quindi di fatto l'ade avrebbe in mano 5000 di credito iva perche dovrebbe richiederne 3500 indietro?
    Per altro il fallimento è chiuso da dicembre 2006.
    Grazie a tutti per l'evenutale aiuto

  2. #2
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,154

    Predefinito

    Il curatore era a conoscenza dell'avviso di irregolarità riguardante il credito I.V.A. 2005 ?

    Se si, avrebbe dovuto convocare l'AdE, per il rendiconto finale ex art. 116, affinchè l'AdE, potesse esercitare l'eventuale opposizione.

    Se il fallimento è chiuso e il rendiconto finale del curatore fallimentare, redatto ai sensi del 116 della L.F. non è stato opposto nei 15 gg. dal deposito credo che l'Agenzia possa chiedere ben poco al curatore, considerato che ai sensi del successivo 120 L.F. gli organi decadono dalle loro funzioni (chiusura ufficio fallimentare).

    Però la "palla" passa al fallito rientrato in bonis.

    C'è anche da dire che se il credito è sorto durante il periodo in cui è in corso il fallimento, era irrilevante rispetto alla massa dei creditori ammessi al fallimento, almeno che il credito non fosse sorto già in epoca anteriore al fallimento. Nel qual caso, in difetto di comunicazione di apertura del fallimento ex art. 16 L.F., si è impedito all'AdE di accedere ad un'insinuazione tardiva.

    Saluti



    Saluti
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 05-12-09 alle 10:03 AM
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  3. #3
    studiodefino è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    193

    Predefinito

    [QUOTE=Enrico Larocca;127403]Il curatore era a conoscenza dell'avviso di irregolarità riguardante il credito I.V.A. 2005 ?

    Se si, avrebbe dovuto convocare l'AdE, per il rendiconto finale ex art. 116, affinchè l'AdE, potesse esercitare l'eventuale opposizione.
    gent.mo dott. Larocca
    l'avviso di irregolarità, pur predisposto nel 2008 dall'ADE - secondo quanto riportato dalla cartella - non è mai arrivato al curatore nè - secondo quanto dichiarato- al fallito.
    Peraltro la cartella è arrivata al fallito.

    Se il fallimento è chiuso e il rendiconto finale del curatore fallimentare, redatto ai sensi del 116 della L.F. non è stato opposto nei 15 gg. dal deposito credo che l'Agenzia possa chiedere ben poco al curatore, considerato che ai sensi del successivo 120 L.F. gli organi decadono dalle loro funzioni (chiusura ufficio fallimentare).

    Però la "palla" passa al fallito rientrato in bonis.

    Infatti la cartella è arrivata al fallito

    C'è anche da dire che se il credito è sorto durante il periodo in cui è in corso il fallimento, era irrilevante rispetto alla massa dei creditori ammessi al fallimento, almeno che il credito non fosse sorto già in epoca anteriore al fallimento.
    Il credito iva è sorto durante il fallimento - si trattava infatti di compensi pagati ad avvocati nel corso della procedura.
    Nel qual caso, in difetto di comunicazione di apertura del fallimento ex art. 16 L.F., si è impedito all'AdE di accedere ad un'insinuazione tardiva.

    Saluti

    ma perche l'ADE dovrebbe richiedere un credito (mio ovvero del fallito) che difatto non è mai stato utilizzato ne in compensazione ne in altro?

    grazie mille per il supporto

  4. #4
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,154

    Predefinito

    Il credito intanto esiste se è stata prodotta la dichiarazione annuale e lei ha detto che quel credito di 3.500 Euro era riferito ad una annualità non dichiarata. E' così ?

    Il recupero di un credito fiscale (anche ai fini delle imposte dirette) che non è stato oggetto di dichiarazione annuale, è ammesso in una annualità successiva, solo se per quell'anno non esisteva obbligo dichiarativo.

    Il riporto di un credito non dichiarato determina, in via ordinaria, la decadenza dal credito stesso e quindi la restituzione e questo indipendentemente dall'utilizzo o meno del credito stesso.

    Ritengo, però, che il recupero è stato operato proprio per riallineare i flussi contabili degli esercizi successivi al 2005, che riportano un dato nei progressivi non spettante, che con il pagamento della cartella consentono al contribuente ritornato in bonis il recupero.

    Saluti
    Ultima modifica di Enrico Larocca; 05-12-09 alle 02:13 PM
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

  5. #5
    winners è offline Member
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    105

    Predefinito Compensazione credito iva 2009

    Chiedo gentilemente se qualcuno mi può rispondere alla domanda

    - Ho un credito iva dell'anno 2009 di euro 25.000.- che ho chiesto in compensazione senza apporre il visto, con dichiarazione presentata in febbraio 2010.

    - in data 18.01.2010 ho compensato in F24 euro 10.000.-
    - in data 16.05.2010 compenserò in F24 ulteriori 5.000.-

    E' stata corretta la compensazione in data 18.01.2010 prima della presentazione della dichiarazione iva annuale ?

    Posso ripresentare la dichiarazione iva annuale con il visto per poter compensare gli ulteriori euro 10.000.- ed evitare di rinviarli al prossimo anno ?

    Grazie molte a chi vorrà rispondermi

Discussioni Simili

  1. Meglio cessione del credito o recupero del credito?
    Di BRICIOLA nel forum Altri argomenti
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-02-12, 07:48 PM
  2. Recupero credito Iva
    Di Pachiderma nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-04-10, 05:19 PM
  3. recupero credito iva
    Di SILALE nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-03-09, 03:00 PM
  4. Recupero di credito
    Di shend nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-02-09, 12:16 PM
  5. Recupero credito
    Di StefanoPadova nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-11-08, 09:48 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15