Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Acconti irpef da non versare

  1. #1
    Hraw è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    27

    Predefinito Acconti irpef da non versare

    Salve a tutti, vi faccio questa domanda che mi serve come chiarimento.

    Parliamo di acconti irpef su una dichiarazione presentata come modello unico di un contribuente che nel corso del 2010 ha percepito due cud: uno dal proprio sostituto d'imposta come contratto a tempo determinato e uno dall'inps come assegno di disoccupazione.
    Ho deciso di escludere il calcolo degli acconti per il 2011 innanzitutto per far versare di meno ma anche perché credo che l'anno prossimo riceverà solo un cud dal sostituto d'imposta e quindi la sua posizione dovrebbe essere a 0.
    In tal caso gli acconti non sarebbero dovuti?

    Grazie

  2. #2
    robil è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,270

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hraw Visualizza Messaggio
    Salve a tutti, vi faccio questa domanda che mi serve come chiarimento.

    Parliamo di acconti irpef su una dichiarazione presentata come modello unico di un contribuente che nel corso del 2010 ha percepito due cud: uno dal proprio sostituto d'imposta come contratto a tempo determinato e uno dall'inps come assegno di disoccupazione.
    Ho deciso di escludere il calcolo degli acconti per il 2011 innanzitutto per far versare di meno ma anche perché credo che l'anno prossimo riceverà solo un cud dal sostituto d'imposta e quindi la sua posizione dovrebbe essere a 0.
    In tal caso gli acconti non sarebbero dovuti?

    Grazie
    Esatto. Gli acconti possono non essere versati sulla base della stima delle imposte dovute per l'anno in corso. Qualora l'anno successivo emerge che gli acconti erano dovuti si è soggetti alle ordinarie sanzioni. Tuttavia, salvo che intervenga un controllo sulla posizione fiscale, ma è davvero raro che ci siano controlli entro il primo anno, è possibile versare gli acconti con ravvedimento e quindi con sanzioni limitate.

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  3. #3
    Hraw è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    27

    Predefinito

    Qualora gli acconti fossero dovuti provvederò a farli versare tramite ravvedimento anche se come ripeto non credo che questa persona l'anno prossimo per i redditi del 2011 dovrà presentare una dichiarazione quindi nessun acconto dovuto quest'anno.
    Potrebbe però accadere che arrivi un avviso bonario con solo l'importo degli interessi e sanzioni sugli acconti non versati ma senza l'importo dell'acconto stesso giusto?

  4. #4
    robil è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,270

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hraw Visualizza Messaggio
    Qualora gli acconti fossero dovuti provvederò a farli versare tramite ravvedimento anche se come ripeto non credo che questa persona l'anno prossimo per i redditi del 2011 dovrà presentare una dichiarazione quindi nessun acconto dovuto quest'anno.
    Potrebbe però accadere che arrivi un avviso bonario con solo l'importo degli interessi e sanzioni sugli acconti non versati ma senza l'importo dell'acconto stesso giusto?
    No. La comunicazione di richiesta di sanzione e interessi senza l'importo delle imposte è possibile riceverla ma solo nel caso in cui gli acconti siano stati versati ma in ritardo. Di fatto quindi si richiederebbero sanzioni e interessi per tardivo versamento non per omesso versamento. L'omesso versamento vedrebbe sempre la richiesta di sanzioni + interessi + imposte.

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  5. #5
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Proprio poco fa parlavo con l'amico Enrico Larocca, il quale mi ricordava una circolare del 2008 nella quale si affermava

    "Ravvedimento operoso – Acconti insufficienti: se il contribuente decide di
    regolarizzare le violazioni inerenti alla dichiarazione attraverso il ravvedimento operoso, è tenuto ad effettuare tale ravvedimento anche per gli insufficienti versamenti degli acconti calcolati con il metodo storico."


    Di tale posizione dell'erario, ancorchè priva di alcuna valenza, è bene informare il cliente che vuole ravvedere gli omessi acconti sulla base del consuntivo e non dello storico.
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  6. #6
    robil è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,270

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Proprio poco fa parlavo con l'amico Enrico Larocca, il quale mi ricordava una circolare del 2008 nella quale si affermava

    "Ravvedimento operoso – Acconti insufficienti: se il contribuente decide di
    regolarizzare le violazioni inerenti alla dichiarazione attraverso il ravvedimento operoso, è tenuto ad effettuare tale ravvedimento anche per gli insufficienti versamenti degli acconti calcolati con il metodo storico."


    Di tale posizione dell'erario, ancorchè priva di alcuna valenza, è bene informare il cliente che vuole ravvedere gli omessi acconti sulla base del consuntivo e non dello storico.
    Non ho capito bene quale sia il punto. Si intende dire che la regolarizzazione della dichiarazione mediante ravvedimento per essere efficace deve sempre predere il ravvedimento anche degli acconti?? Es. ravvedo il saldo e non gli acconti quindi il ravvedimento del solo saldo non è efficace

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  7. #7
    L'avatar di danilo sciuto
    danilo sciuto è offline Administrator
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Catania
    Messaggi
    34,024

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da robil Visualizza Messaggio
    Non ho capito bene quale sia il punto. Si intende dire che la regolarizzazione della dichiarazione mediante ravvedimento per essere efficace deve sempre predere il ravvedimento anche degli acconti?? Es. ravvedo il saldo e non gli acconti quindi il ravvedimento del solo saldo non è efficace
    No no, la questione è un'altra.

    Un contribuente avrebbe dovuto pagare nel 2010 degli acconti irpef pari a 100, sulla base delle risultanze di Unico10.
    Non li paga, per qualunque motivo.
    A luglio ha un debito irpef di 80, e ovviamente gli conviene ravvedere gli acconti.
    Domanda: cosa devo ravvedere? 100 o 80?
    Il fisco nella circolare del 2008 risponde 100.

    Giusto o sbagliato che sia, è bene renderne edotto il cliente.

    ciao
    Non discutere con un idiota; ti porta al suo livello e poi ti batte con l'esperienza. SANTE PAROLE !

  8. #8
    robil è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    1,270

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    No no, la questione è un'altra.

    Un contribuente avrebbe dovuto pagare nel 2010 degli acconti irpef pari a 100, sulla base delle risultanze di Unico10.
    Non li paga, per qualunque motivo.
    A luglio ha un debito irpef di 80, e ovviamente gli conviene ravvedere gli acconti.
    Domanda: cosa devo ravvedere? 100 o 80?
    Il fisco nella circolare del 2008 risponde 100.

    Giusto o sbagliato che sia, è bene renderne edotto il cliente.

    ciao
    Condivido con te dell'infomativa da dare al cliente ma qui l'ADE è fuori strada. Un DM ossia le istruzioni consentono la rideterminazione degli acconti; un D lgs consente il ravvedimento; una pronuncia di prassi contrasta con le norme. Gli acconti in quanto tali sono dovuti e divengono obbligo di legge solo ed esclusivamente nel momento in cui si percepisca il reddito per il periodo d'imposta in cui gli acconti devono essere versati. Il ragionamento della circolare che richiamate non vedo su cosa possa fondarsi.

    Roberto Loddo

    Dottore commercialista
    Revisore legale
    Soggetto incaricato CAF.Do.C Spa

    Sassari (SS)-Ortueri (NU)

  9. #9
    Bomber è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,361

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da danilo sciuto Visualizza Messaggio
    Proprio poco fa parlavo con l'amico Enrico Larocca, il quale mi ricordava una circolare del 2008 nella quale si affermava

    "Ravvedimento operoso – Acconti insufficienti: se il contribuente decide di
    regolarizzare le violazioni inerenti alla dichiarazione attraverso il ravvedimento operoso, è tenuto ad effettuare tale ravvedimento anche per gli insufficienti versamenti degli acconti calcolati con il metodo storico."


    Di tale posizione dell'erario, ancorchè priva di alcuna valenza, è bene informare il cliente che vuole ravvedere gli omessi acconti sulla base del consuntivo e non dello storico.
    Dovrebbe esssere la circolare 47 del 18 giugno 2008 (par. 4.2): è una posizione quantomeno criticabile, per non dire che mi sfugge proprio la ratio su cui si fonda...

  10. #10
    Enrico Larocca è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Matera, Italy
    Messaggi
    8,325

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bomber Visualizza Messaggio
    Dovrebbe esssere la circolare 47 del 18 giugno 2008 (par. 4.2): è una posizione quantomeno criticabile, per non dire che mi sfugge proprio la ratio su cui si fonda...
    Si, la dottrina l'ha fortemente criticata ma le procedure di controllo automatizzato partono dal presupposto che se fai un ravvedimento devi pagare sanzioni ed interessi non sul complemento al debito d'imposta per l'anno corrente come tra l'altro stabilisce la normativa (art. 4 D.L. 69/1989) ma sul debito per acconto calcolato con "metodo storico".

    Pur consapevole che la circolare afferma un principio non condivisibile, bisogna fare i conti con i possibili avvisi di irregolarità che ne conseguirebbero non applicando la circolare per vedere se il costo di gestione della pratica correttiva in termini di tempo è superiore a quello che il cliente pagherebbe regolarizzando secondo le indicazioni dell'AdE.

    Saluti
    Unusquisque faber fortunae suae
    (Traduzione: Ognuno è artefice della propria fortuna)
    di Appio Claudio

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Compensazione in F24 fra Acconto Irpef (già versata) e Imu (da versare)
    Di Emmeaeffe nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-06-13, 04:58 PM
  2. Acconti già versati e acconti da versare cedolare secca
    Di basupa nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-10-11, 09:37 AM
  3. 730 e non versare acconto IRPEF
    Di Fabiana nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-09-11, 08:48 AM
  4. Unico11... e acconti da versare??
    Di nuvola nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 24-05-11, 05:56 PM
  5. Irpef da versare
    Di giuliano1955 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-04-09, 11:25 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15