Buongiorno a tutti.

Vorrei risolvere un dubbio in materia di Irap.
Una ditta edile con 5 dipendenti che opera su due regioni risulta essere iscritta alla cassa edile di una soltanto.
Ora dovendo ripartire l'irap su base regionale in relazione alle retribuzioni corrisposte nelle diverse regioni mi viene il dubbio di come operare.
Premesso che la ditta ha iniziato a lavorare a settembre 2010 e non avendo alcun dato sulla ripartizione del costo del lavoro in relazione alle due regioni, ma vedendo dal fatturato che il lavoro è stato maggiore nlla regione in cui la ditta versa la cassa edile; secondo voi è corretto imputare l'irap soltanto nella regione in cui la ditta versa la cassa edile, che però non è la regione in cui la ditta risulta essere domiciliata?

Ho letto che: "occorre ripartire la base imponibile in proporzione alle retribuzioni spettanti al personale addetto con continuità a stabilimenti, cantieri, uffici o basi fisse (magazzini, rappresentanze, …) operanti per un periodo di almeno 3 mesi nel territorio di ciascuna regione o provincia autonoma (i 3 mesi si computano sommando i periodi, anche non continuativi, di svolgimento dell’attività all’interno del periodo d’imposta)."

Come faccio a sapere si i lavori nell'altra regione si sono protratti per almeno tre mesi? Sono dati che mi deve fornire il consulente del lavoro?

Grazie mille.