Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Interessi passivi mutuo

  1. #1
    gabri412 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    2

    Predefinito Interessi passivi mutuo

    Salve, sono nuovo del forum e mi rivolgo a chi è sicuramente più esperto di me.
    Chiedo scusa in anticipo se per caso avessi sbagliato ad inserire questo quesito in questa categoria del forum, ma mi sembrava la più adatta.
    Domanda:
    Acquisto prima casa per studente maggiorenne, con genitori già beneficiari agevolazioni prima casa, in queste percentuali:98% studente, 2% i genitori.
    Valore dichiarato 70000 euro.
    Mutuo 70000 euro chiesto al 50% da un genitore, con l'altro garante, ed al 50% dallo studente (non c'è quindi donazione indiretta).
    Studente affitta una stanza della casa ad altro studente per meno di 2840 euro annuali, restando così a carico genitori.
    Il genitore mutuatario può scaricare interessi mutuo e spese notarili e mediazione del figlio?
    Spero di essere stato chiaro. Grazie in anticipo per le vostre risposte
    Gabri

  2. #2
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    708

    Predefinito

    Innanzitutto, conditio sine qua non per fruire della detrazione per interessi passivi relativi ad un mutuo per abitazione principale è la proprietà/nuda proprietà dell'immobile; in assenza di tale requisito, la detrazione non è ammessa.

    Ciò posto, se ho ben capito, la proprietà è in capo allo studente per il 98%, mentre il restante 2% risulta di proprietà dei genitori, per i quali non è stato possibile chiedere le agevolazioni prima casa, in quanto già fruite in passato.

    Il genitore "garante" non può in alcun modo fruire della detrazione, non essendo parte mutuataria e nemmeno l'altro, in quanto l'immobile non è stato da questi adibito ad abitazione principale.

    Solo lo studente può detrarre la spesa (per il 50%), ivi incluse le spese notarili per il contratto di mutuo, l'imposta sostitutiva, le spese d'istruttoria, etc..., in quanto l'immobile è stato da lui adibito ad abitazione principale e contestualmente locato (una stanza).

    Nel caso in cui fosse totalmente locato, la detrazione verrebbe meno.

    Non è in ogni caso possibile per il genitore detrarre gli interessi passivi del figlio a carico, in quanto tale possibilità è prevista soltanto per il coniuge a carico.

    Lo studente, in sede di dichiarazione, dovrà dichiarare il canone di locazione percepito e la relativa percentuale di proprietà dell'immobile: ai fini del calcolo delle imposte, la citata detrazione verrà utilizzata in diminuzione dell'imposta lorda, semprechè non siano stati adottati regimi sostitutivi (cedolare secca).

    Interessante il rinvio all'ipotetica donazione indiretta... sto affrontando un contenzioso civile proprio in questo periodo.

  3. #3
    gabri412 è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MrDike Visualizza Messaggio
    Innanzitutto, conditio sine qua non per fruire della detrazione per interessi passivi relativi ad un mutuo per abitazione principale è la proprietà/nuda proprietà dell'immobile; in assenza di tale requisito, la detrazione non è ammessa.

    Ciò posto, se ho ben capito, la proprietà è in capo allo studente per il 98%, mentre il restante 2% risulta di proprietà dei genitori, per i quali non è stato possibile chiedere le agevolazioni prima casa, in quanto già fruite in passato.

    Il genitore "garante" non può in alcun modo fruire della detrazione, non essendo parte mutuataria e nemmeno l'altro, in quanto l'immobile non è stato da questi adibito ad abitazione principale.

    Solo lo studente può detrarre la spesa (per il 50%), ivi incluse le spese notarili per il contratto di mutuo, l'imposta sostitutiva, le spese d'istruttoria, etc..., in quanto l'immobile è stato da lui adibito ad abitazione principale e contestualmente locato (una stanza).

    Nel caso in cui fosse totalmente locato, la detrazione verrebbe meno.

    Non è in ogni caso possibile per il genitore detrarre gli interessi passivi del figlio a carico, in quanto tale possibilità è prevista soltanto per il coniuge a carico.

    Lo studente, in sede di dichiarazione, dovrà dichiarare il canone di locazione percepito e la relativa percentuale di proprietà dell'immobile: ai fini del calcolo delle imposte, la citata detrazione verrà utilizzata in diminuzione dell'imposta lorda, semprechè non siano stati adottati regimi sostitutivi (cedolare secca).

    Interessante il rinvio all'ipotetica donazione indiretta... sto affrontando un contenzioso civile proprio in questo periodo.
    Grazie per il tuo chiarimento. Quindi, se ho ben capito, solo la ragazza può detrarre. Se usasse la cedolare secca, non dovrebbe dichiarare il canone nella dichiarazione dei redditi? cioè, inserirebbe solo la rendita catastale e le spese da detrarre? Scusa ma ho un pò di dubbi...

    p.s. scusa, ma sono "de coccio": il mio caso non rientra in questo?
    "nel rigo E7 vanno indicati gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. Pertanto, la detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l'immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare(coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado)." Ovvero, essendo cointestato il mutuo, non si può detrarre addirittura al 100%, cioè 50% per il genitore che dà uso al figlio e 50% per il figlio? non può detrarre tutto il genitore che ha figlio a carico???
    Ultima modifica di gabri412; 27-08-11 alle 08:59 AM

  4. #4
    MrDike è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    708

    Predefinito

    Ancora non sappiamo come verrà modificato il modello di dichiarazione dell'anno prossimo, tuttavia è probabile che il canone di locazione, anche se tassato col regime sostitutivo della cedolare, debba essere comunque indicato.

    In tal senso, mi hanno comunicato che il saldo dell'imposta sostitutiva si verserà, oltre che col modello F24 e relativo codice tributo 1842, proprio con la dichiarazione dei redditi.

    Ciò posto, vero è che la detrazione de qua rientra nella normativa da te descritta, ma la stessa deve essere suddivisa tra i contitolari del mutuo (dal 2001 può essere cumulata nel caso di coniuge a carico in capo all'altro coniuge).

    Tuttavia, se mi confermi la proprietà dell'immobile in capo al genitore parte mutuataria, questi può detrarre la spesa al 50% (in quanto adibita da un suo familiare ad abitazione principale, anche se non convivente), mentre il figlio (o figlia) detrarrà l'altra metà.

Discussioni Simili

  1. 730/13 - interessi passivi mutuo
    Di giovanni.tufano nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-05-13, 05:59 PM
  2. interessi passivi mutuo
    Di antnik78 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-02-11, 07:29 PM
  3. interessi passivi mutuo
    Di elisabetta nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-04-08, 09:14 AM
  4. Interessi passivi su mutuo
    Di Emanuela nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 15-05-07, 06:27 PM
  5. Interessi passivi su mutuo
    Di Emanuela nel forum Le utilità del Commercialista telematico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 15-05-07, 06:27 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15