Un contribuente minimo ha un regolare contratto di locazione stipulato con un privato. Visto che il locale è molto grande ha sublocato parte dello studio ad una associazione titolare di partita iva stipulando un regolare contratto di sub locazione. Nel contratto è stato previsto dettagliatamente che un importo è dovuto per la sublocazione dell'immobile e un altro importo come riaddebito di spese comuni(luce, pulizia Etc.).
Il quesito che vi pongo è questo:
-è corretto se tratto il reddito percepito per la sublocazione come reddito diverso ex art.67?
-è necessario che il sublocatore emetta fattura per la parte relativa alla sublocazione, visto che c'è un contratto e che non è possibile(anche semmai fosse necessario) addebitare l'iva poichè il sublocatore è un contribuente minimo?
-è corretto, quindi, emettere solo fattura per il riaddebitob delle spese?
Sarei veramente grato a chi volesse aiutarmi a dipanare questa matassa.