Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Attività di co-working . Aspetti Fiscali.

  1. #1
    sunred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    4

    Predefinito Attività di co-working . Aspetti Fiscali.

    Buongiorno,
    vorrei approfittare di questo utilissimo forum per porre un piccolo quesito.

    Mio figlio è proprietario di una struttura nella quale vorrebbe realizzare un centro di co-working.
    Come nella fattispecie dell’attività, affitterebbe delle stanze ad uso ufficio arredate e complete degli strumenti necessari (PC e quant’altro), linea telefonica, rete ADSL, fotocopiatrice condivisa in rete, sala d’aspetto, sala riunioni, in autogestione, senza erogare alcun servizio specifico. Sarebbe un po’ come affittare a degli universitari, ma per tempi molto brevi, 3 mesi, una settimana e forse anche solo per un giorno.
    Di volta in volta verrebbe compilato un piccolo contratto che servirebbe anche da quietanza del canone temporaneo.
    Il problema quindi sarebbe quello di come configurare tale attività dal punto di vista civilistico e fiscale e che tipo di soggetto giuridico dovrebbe essere il proprietario dell’immobile.
    Ho considerato il regime dei minimi, ma ritengo che l’immobile potrebbe essere considerato come “strumentale” e quindi non ci rientrerebbe per il valore intrinseco.
    La soluzione che mi si prospetterebbe sarebbe quella di un privato che affitta un immobile, semplicemente, con l’intenzione di rivalutare la situazione nel caso il volume d’affari dovesse raggiungere importi “elevati”-
    Ultimo elemento da considerare è che, all’interno della struttura, dovrebbe essere presente il proprietario (o chi per lui) per gestire gli appuntamenti e la disponibilità dei locali.
    Chiedo quindi quale potrebbe essere, secondo voi, la migliore soluzione per entrambe le figure (attività e titolare) onde non andare incontro ad “imprevisti”.
    Nel ringraziare per la disponibilità, competenza e professionalità, saluto cordialmente.

    Alessandro.

  2. #2
    paolab è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    3,874

    Predefinito

    considerata tutta l'organizzazione che c'e' dietro a tale attività ritengo assolutamente necessario aprire un'attività d'impresa, da valutare sul posto se ditta individuale o società, ad esempio SRL unipersonale (il che risolverebbe anche la domanda in merito all'inquadramento del titolare).
    Non ritengo corretto gestire tutto questo ambaradan come privato.

  3. #3
    shailendra è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    3,417

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da paolab Visualizza Messaggio
    considerata tutta l'organizzazione che c'e' dietro a tale attività ritengo assolutamente necessario aprire un'attività d'impresa, da valutare sul posto se ditta individuale o società, ad esempio SRL unipersonale (il che risolverebbe anche la domanda in merito all'inquadramento del titolare).
    Non ritengo corretto gestire tutto questo ambaradan come privato.
    Quoto Paolab, non ci si può esimere dall'aprire un'attività di impresa. Il fisco pretende la partita iva per molto meno!!!
    "Come spieghereste a un bambino che cos'è la felicità?" "Non glielo spiegherei. Gli darei un pallone per farlo giocare" D. Solle

  4. #4
    sunred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Grazie mille per la sollecita risposta. Sintetici e convincenti !
    Mi mancherebbero però un paio di tasselli :
    1) si può usufruire del regime dei minimi ? L'immobile verrebbe considerato come strumentale ? Oppure i "beni strumentali" sono solo le apparecchiature all'interno della struttura ?
    2) Nel caso della ditta individuale (meno onerosa), in caso di sua assenza, a che titolo potrei sostituirlo io, da pensionato ?
    e poi, scusate se approfitto della vostra disponibilità ...
    3) Mio figlio ha già una partita iva (siret) francese: può tranquillamente aprirne una anche in Italia ? O addirittura può usare quella "comunitaria"?
    Vi ringrazio veramente dell'aiuto e vi saluto.
    Alessandro.

  5. #5
    bepizomon è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Treviglio (BG)
    Messaggi
    1,356

    Predefinito

    aprendo la partita iva avrebbe il vantaggio di poter recuperare i costi per l'arredo degli uffici, costo che come privato sarebbe perso.
    ritengo che gli investimenti da fare (pc, arredo, fotocopiatrici, stampanti, etc) siano tali da non farti accedere al regime dei minimi, o di essere molto al limite, comunque da valutare (anche perché col regime dei minimi i costi li recuperi senza ammortamento).

    il mio consiglio è che potresti aprire tu l'attività, che è giustificabile dato che tuo figlio ha già una sua attività e non seguirebbe la gestione (dato che lavora in francia). lui rimarrebbe proprietario degli immobili e riscuoterebbe da te l'affitto dei locali (tassati in italia).
    si evitano un po' di complicazioni.

  6. #6
    sunred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bepizomon Visualizza Messaggio
    aprendo la partita iva avrebbe il vantaggio di poter recuperare i costi per l'arredo degli uffici, costo che come privato sarebbe perso.
    ritengo che gli investimenti da fare (pc, arredo, fotocopiatrici, stampanti, etc) siano tali da non farti accedere al regime dei minimi, o di essere molto al limite, comunque da valutare (anche perché col regime dei minimi i costi li recuperi senza ammortamento).

    il mio consiglio è che potresti aprire tu l'attività, che è giustificabile dato che tuo figlio ha già una sua attività e non seguirebbe la gestione (dato che lavora in francia). lui rimarrebbe proprietario degli immobili e riscuoterebbe da te l'affitto dei locali (tassati in italia).
    si evitano un po' di complicazioni.
    Buongiorno,
    man mano che si avvicina il momento di concretizzare sorgono sempre maggiori dubbi.
    Avrei deciso quindi di aprire io l’attività e queste sarebbero le premesse:
    - Pensionato (ex quadro direttivo bancario)
    - Apertura partita IVA.
    - Iscrizione alla gestione separata INPS con versamento del 50% dei contributi (in qualità di pensionato)
    - La pensione non verrebbe decurtata per il divieto di cumulo.
    - Pagamento affitto dell’immobile a mio figlio.
    Adesso le domande:
    1) Nel rispetto dei previsti requisiti di reddito ed acquisti, pur essendo “anziano”, posso accedere al regime dei minimi ?
    2) L’immobile rientrerebbe fa i beni strumentali ? (Mi sembra di aver letto che il limite dei 15.000 riguarda beni acquistati ma anche “concessi in locazione”.
    3) In attesa che l’attività inizi a produrre reddito, diciamo sei mesi, l’immobile può essermi concesso in comodato gratuito anziché con un contratto di affitto ?
    Infine:
    4) Contemporaneamente, con la stessa partita IVA potrei svolgere come autonomo una attività di intermediario creditizio ?
    5) Come abilitazione all’esercizio dell’attività è sufficiente l’iscrizione (tuttora attiva) all’albo dei promotori finanziari).

    Vi sarei grato voleste confermare o rettificare quanto in premessa e fornire indicazioni e/o suggerimenti per i quesiti.
    Nell’attesa ringrazio e rinnovo la mia gratitudine.

  7. #7
    sunred è offline Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    4

    Predefinito

    Salve, nessuno che possa aiutarmi a completare il quadro della situazione ? Grazie 1000.

Discussioni Simili

  1. Srl commerciale: aspetti previdenziali e fiscali
    Di Bustrofedico nel forum Diritto Societario
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-09-13, 03:01 PM
  2. Derivati Speculativi: Aspetti fiscali
    Di Dab nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-12-12, 10:31 AM
  3. aspetti fiscali associazione culturale
    Di consulentefabius nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-01-12, 12:17 PM
  4. Aspetti fiscali e contabili del dropshipping
    Di lebowski78 nel forum Contabilità, bilancio e operazioni straordinarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-05-11, 01:37 PM
  5. aspetti fiscali del preventivo
    Di leges nel forum Altri argomenti
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-05-09, 11:07 AM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15