Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Redditi di lavoro subordinato prodotti in Spagna da residente italiano.

  1. #1
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito Redditi di lavoro subordinato prodotti in Spagna da residente italiano.

    Buonasera a tutti.
    Mi trovo dinanzi ad un caso quale quello prospettato nel titolo del post: soggetto residente fiscalmente in Italia (e già questa condizione non è stata di immediata definizione, poiché tale soggetto, pur essendo rientrato in Italia, dopo diversi anni trascorsi in Spagna, intorno agli inizi Maggio dell'anno 2015, ha mantenuto l'iscrizione all'AIRE sino ad inizio 2016, e dunque la sua condizione di residente in Italia ai fini di Unico/2016 risulta più che altro da fatti concludenti, quali l'inizio di un nuovo rapporto di lavoro dipendente di tipo indeterminato proprio qui in Italia a fine Maggio 2015), il quale ha prodotto redditi di lavoro dipendente in Spagna dal 01/01/2016 al 30/04/2016.
    Letta la convenzione contro le doppie imposizioni tra i due Paesi, la quale, all'art. 15, stabilisce che tale tipologia reddituale è imponibile nel paese di produzione, mi chiedo, in concreto, in che modo dover operare ai fini dell'elaborazione del dichiarativo.
    Mi sono fatto la seguente idea, studiando un po' la problematica:
    1) il contribuente presenta dichiarazione in Spagna, nella quale liquida l'imposta definitiva sul reddito ivi prodotto;
    2) il reddito estero viene dichiarato in Unico/2016, portando in detrazione, ai sensi dell'art. 165 del Tuir, l'imposta definitivamente versata nel Paese estero;
    3) il reddito da assoggettare a tassazione in Italia è esattamente quello risultante dalla certificazione spagnola, dal momento che il lavoratore non ha soggiornato più di 183 giorni in Spagna e dunque non mi pare applicabile il comma 8-bis dell'art. 51 del Tuir relativo alle retribuzioni convenzionali (ma di questo non sono sicurissimo!);
    4) per le detrazioni, non so sinceramente come comportarmi: il soggetto ha una figlia piccola e mi chiedo se può godere delle detrazioni per familiari a carico relativamente all'intero anno 2015.
    Grazie a chiunque voglia contribuire a rendere più chiara la questione.
    Saluti.

  2. #2
    GaiaMichela è offline Senior Member
    Data Registrazione
    May 2016
    Messaggi
    726

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gianlu81 Visualizza Messaggio
    Buonasera a tutti.
    Mi trovo dinanzi ad un caso quale quello prospettato nel titolo del post: soggetto residente fiscalmente in Italia (e già questa condizione non è stata di immediata definizione, poiché tale soggetto, pur essendo rientrato in Italia, dopo diversi anni trascorsi in Spagna, intorno agli inizi Maggio dell'anno 2015, ha mantenuto l'iscrizione all'AIRE sino ad inizio 2016, e dunque la sua condizione di residente in Italia ai fini di Unico/2016 risulta più che altro da fatti concludenti, quali l'inizio di un nuovo rapporto di lavoro dipendente di tipo indeterminato proprio qui in Italia a fine Maggio 2015), il quale ha prodotto redditi di lavoro dipendente in Spagna dal 01/01/2016 al 30/04/2016.
    Letta la convenzione contro le doppie imposizioni tra i due Paesi, la quale, all'art. 15, stabilisce che tale tipologia reddituale è imponibile nel paese di produzione, mi chiedo, in concreto, in che modo dover operare ai fini dell'elaborazione del dichiarativo.
    Mi sono fatto la seguente idea, studiando un po' la problematica:
    1) il contribuente presenta dichiarazione in Spagna, nella quale liquida l'imposta definitiva sul reddito ivi prodotto;
    2) il reddito estero viene dichiarato in Unico/2016, portando in detrazione, ai sensi dell'art. 165 del Tuir, l'imposta definitivamente versata nel Paese estero;
    3) il reddito da assoggettare a tassazione in Italia è esattamente quello risultante dalla certificazione spagnola, dal momento che il lavoratore non ha soggiornato più di 183 giorni in Spagna e dunque non mi pare applicabile il comma 8-bis dell'art. 51 del Tuir relativo alle retribuzioni convenzionali (ma di questo non sono sicurissimo!);
    4) per le detrazioni, non so sinceramente come comportarmi: il soggetto ha una figlia piccola e mi chiedo se può godere delle detrazioni per familiari a carico relativamente all'intero anno 2015.
    Grazie a chiunque voglia contribuire a rendere più chiara la questione.
    Saluti.
    ciao Gianluca
    per quanto riguarda la 1 parte del tuo caso
    il soggetto in questione ha mantenuto la doppia residenza (pur essendo iscritto all'Aire ha mantenuto la residenza fiscale in Italia e li é tornato a lavorare)
    Mi trovi d'accordo sui punti 1 , 2 e 3
    Quindi il reddito sara tassato all'estero con ritenuta alla fonte
    In Italia dovra presentare l'unico 2016 usufruendo del credito di imposta ex art 165 per le imposte pagate all'estero
    Anche il punto 3 va bene : 2 sono i requisiti che devono sussistere per l'applicazione della retribuzione convenzionale tra i quali c'é il soggiornare all'estero per piu di 183 gg cosa che non si é verificata quindi ok
    Quanto all'ultimo punto ho verificato l'art 24 TUIR, infatti, mentre consente ai soggetti residenti in Italia di detrarre, dal reddito ivi prodotto, tutti i carichi familiari corrispondenti alle tipologie elencate agli articoli precedenti, prevede che nei confronti dei non residenti “le detrazioni per carichi di famiglia non competono”; la norma, inoltre, prevede limitazioni alla detrazione di altri oneri.
    La nuova disposizione - la cui entrata in vigore è prevista già a partire dal periodo d’imposta 2014 - introduce il comma 3-bis nell’ambito dell’art. 24 TUIR, disponendo che nei confronti dei soggetti residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni, “l’imposta dovuta è determinata sulla base delle disposizioni contenute negli articoli da 1 a 23, a condizione che il reddito prodotto dal soggetto nel territorio dello Stato italiano sia pari almeno al 75 per cento del reddito dallo stesso complessivamente prodotto e che il soggetto non goda di agevolazioni fiscali analoghe nello Stato di residenza”.
    Il riferimento agli articoli da 1 a 23 TUIR comporterà, tra l’altro, la equiparazione completa tra residenti e "non-residenti Schumacker" ai fini delle deduzioni e detrazioni fiscali.
    La condizione imposta dalla disposizione in esame è che il soggetto non goda di agevolazioni fiscali analoghe nello Stato di residenza, e che tale Stato assicuri un adeguato scambio di informazioni.
    Quindi potra portarsi in detrazione la figlia alle condizioni supra indicate
    resto a disposizione
    gaia
    Ultima modifica di GaiaMichela; 12-06-16 alle 07:26 PM

  3. #3
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito

    Grazie GaiaMichela!
    In merito alle detrazioni, in effetti il soggetto è qualificabile residente in Italia (ha avuto, infatti, domicilio e dimora abituale in Italia per più di metà anno, benchè iscritto all'Aire per tutto il 2015, come da pag. 40, par. 2, delle istruzioni di Unico/2016), ragion per cui dovrebbe poter usufruire di tutte le detrazioni previste negli artt. 1-23 del TUIR.
    Non so perchè, però, ma ho qualche timore a fargliele prendere...

  4. #4
    gianlu81 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    245

    Predefinito

    Altri pareri?

Discussioni Simili

  1. Residente italiano con un solo reddito da lavoro dipendente estero. Come dichiararlo?
    Di SALVA71 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-05-16, 05:39 PM
  2. Lavoro Subordinato Polonia - Dichiarazione dei redditi
    Di Giollino Pomicino nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-07-15, 08:16 PM
  3. Redditi prodotti all'estero da un residente
    Di frenci71 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-09-09, 07:20 PM
  4. redditi di lavoro prodotti all'estero
    Di URBE74 nel forum Consulenza del lavoro
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-05-09, 05:15 PM
  5. redditi da lavoro dipendente prodotti all'estero
    Di PurpleMike nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-04-08, 02:38 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15