Gentili Colleghi,

Mi si Ŕ presentato il seguente caso: professionista aderente al regime fiscale di vantaggio ex DL 98/2011, che, in corso d'anno 2016, supera i 30.000 euro di ricavi incassati, rimanendo per pochissimo sotto i 45.000, soglia rilevante ai fini della fuoriuscita dal regime in corso d'anno. La cliente in questione questa mattina si presenta a studio con la certificazione della propria cassa ordinistica riguardante la corresponsione, nel 2016, di una indennitÓ di maternitÓ che, se sommata ai ricavi giÓ conseguiti, la farebbe fuoriuscire sin dal 2016. Spulciando un po' di articoli e risalendo infine alla Circolare n. 17E del 2012 sul regime fiscale di vantaggio, mi imbatto, fortunatamente, nel paragrafo 6.1.1 (pag. 35), il quale specifica che la suddetta indennitÓ va ovviamente tassata nel quadro LM (in quanto costituente reddito della stessa natura di quello che va a sostituire) ma che la stessa non va computata ai fini della verifica superamento della soglia dei 30.000 (per similitudine, credo anche per quella dei 45.000).
A vostro parere ho ben interpretato? Avete avuto casi simili?
Grazie per l'aiuto!