Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Gse aiuti di stato

  1. #1
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    546

    Predefinito Gse aiuti di stato

    "Gentile operatore



    Al fine di garantire il rispetto dei divieti di cumulo e degli obblighi di trasparenza e di pubblicità previsti dalla normativa europea e nazionale in materia di aiuti di Stato, i soggetti pubblici o privati che concedono ovvero gestiscono i predetti aiuti trasmettono le relative informazioni al “Registro nazionale degli aiuti di Stato”. Le informazioni inerenti agli aiuti di Stato autorizzati dalla Commissione Europea o concessi in base ad un regolamento di esenzione nonché agli aiuti de minimis vanno, dunque, ricercate nel Registro Nazionale degli aiuti di Stato. Le informazioni sulle Misure di aiuto e sugli Aiuti individuali concessi e registrati, infatti, sono rese pubbliche e accessibili a tutti nella sezione Trasparenza del Registro. L’obbligo di registrazione all’interno del Registro nazionale degli aiuti di Stato grava sulle Autorità responsabili e sui Soggetti concedenti gli aiuti.



    Saluti"



    Questa la risposta del Gse fornitami a proposito degli incentivi ricevuti in conto energia e in conto scambio sul posto....secondo voi che vuol dire?...secondo me che chi mi ha risposto alla mia domanda se vadano o no nel quadro aiuti di stato o non ha capito la domanda o non ha capito che c'è un quadro apposito nella dichiarazione dei redditi in cui la legge richiede l'indicazione degli aiuti di stato...MIIIIIIIIIIII!

  2. #2
    La matta è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Imperia
    Messaggi
    3,351

    Predefinito

    Io ho chiesto lumi alla Filse per un contributo e sto ancora aspettando adesso.

    Pensiamo anche che io non al GSE, ma al servizio informazioni via mail dell'ADE ho chiesto lumi in merito alle deduzioni irap dei costi del personale... devo indicarle negli aiuti di stato in dichiarazione irap? E non è che per caso le devo indicare anche nel quadro S della dichiarazione dei redditi? Ma mi hanno risposto che il quesito richiede una "specifica interpretazione normativa o coinvolge problematiche particolarmente complesse", per cui mi consigliano di rivolgermi agli uffici locali (per una norma nazionale su cui gli uffici nazionali si rifiutano di commentare?) o addirittura di fare un interpello. Con tante scuse.

    Non vi dico cosa me ne faccio delle loro scuse, perché mi bannereste a vita e oltre.
    Sayonara aoki hibi yo!
    Sarò pure un Senior Member, ma seppur con tanti anni di anzianità, sono solo un'impiegata: quello che dico è da prendersi con le molle e ben più di un grano di sale. Sempre!

  3. #3
    orion38 è offline Member
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    79

    Predefinito

    Da Il Sole 24 ore di oggi:

    Resta fitta la nebbia sulla compilazione del prospetto “Aiuti di Stato” nei modelli
    Redditi 2019 (righi RS401 e RS402) e Irap 2019 (righi IS201 e IS202).

    Nonostante il termine per la trasmissione telematica si avvicini, nessuno risponde
    alle tante perplessità delle imprese. Va ricordato (si veda «Il Sole-24 Ore» del 15
    maggio e del 23 luglio 2019) che la previsione del prospetto si deve all’istituzione
    del Registro nazionale degli aiuti di Stato (Rna), articolo 52 della legge 234/12, e al
    regolamento approvato con decreto dello Sviluppo economico 115/17.

    Quest’ultimo distingue due tipologie di aiuti:
    quelli soggetti a un procedimento di concessione (disciplinati dagli articoli 8 e 9);
    quelli non subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione o di
    autorizzazione alla fruizione, la cui disciplina è contenuta nell’articolo 10.
    Per questi ultimi (e per quelli con provvedimenti concessori a importo non
    determinato), gli obblighi di consultazione del Registro e di registrazione dell’aiuto
    individuale sono assolti dall’Amministrazione competente preposta alla fase di
    fruizione in un momento successivo alla fruizione stessa; in particolare, gli aiuti
    fiscali “automatici” (si pensi al credito d’imposta “formazione 4.0”) si intendono
    concessi e sono inseriti nel Registro nazionale dalle Entrate nell’esercizio
    finanziario successivo a quello di presentazione della dichiarazione fiscale nella
    quale sono dichiarati dal beneficiario. In base alle istruzioni, il prospetto va
    compilato anche dai soggetti che hanno beneficiato nel periodo d’imposta di aiuti
    fiscali nei settori dell’agricoltura e della pesca e acquacoltura, da registrare nei
    registri Sian (Sistema integratico agricolo nazionale) e Sipa (Sistema italiano della
    pesca e dell’acquacoltura). Per cui, per rispondere ad un quesito frequente, le
    imprese non devono inserire nel prospetto dichiarativo gli aiuti già presenti nei
    Registri (come, ad esempio, la contribuzione della legge Sabatini), in quanto il dato
    verrebbe duplicato.
    Il prospetto inserito nella dichiarazione serve a completare il Rna degli importi che
    gli enti preposti non possono inserire, per mancanza di informazioni

    E, sempre per rispondere a un altro dubbio diffuso, non si deve replicare esattamente quanto già
    inserito nella nota integrativa in adempimento di quanto previsto dall’articolo 1,
    commi 125 e seguenti, della legge 124/17, se non altro perché per il prospetto dei
    modelli Redditi e Irap non vige alcuna soglia minima di indicazione di 10mila euro
    annui (come è previsto, invece, per i bilanci) e inoltre il principio non è quella di
    “cassa” ma quello di “competenza”, nel senso che occorre indicare gli aiuti i cui
    presupposti per la fruizione si sono verificati nel periodo d’imposta di riferimento
    della dichiarazione.

    Anche qui è opportuno fare un esempio. Le imprese che hanno fruito nel 2014 della
    “Tremonti quater” (articolo 18 del decreto legge 91/14) hanno utilizzato in
    compensazione nel modello F24 nel corso del 2018 la terza quota
    dell’agevolazione, che va indicata nel quadro RU (precisamente nella sezione I, con
    codice A9 a rigo RU1) ma non nei righi RS401 e 402, perché il diritto alla fruizione
    del credito è maturato all’atto dell’effettuazione dell’investimento, generalmente nel 2014.
    La tabella allegata alle istruzioni al quadro RS cita, invece, il bonus per gli
    investimenti nel Mezzogiorno (articolo 1, comma 98, legge 208/15), i cui
    presupposti potevano sorgere nel 2018.
    Inoltre, poiché le istruzioni sono chiare nel limitare l’indicazione alle agevolazioni
    di natura fiscale, si ritiene che non vada riportata alcuna forma di sgravio
    contributivo o altri benefici di natura previdenziale o assistenziale.

    Così come non va indicato ciò che non è aiuto di Stato o de minimis (come l’Ace, il
    super o iper-ammortamento, il patent box e il credito d’imposta ricerca e sviluppo).

    A nostro avviso (ma un chiarimento sarebbe opportuno) sfuggono all’indicazione
    anche il contributo Gse e il credito d’imposta per il cosiddetto “caro petrolio”
    (articolo 61 del decreto legge 1/12), mentre vanno inseriti il “bonus alberghi”
    (decreto legge 83/14 – codice 999) e i tanti aiuti de minimis, come ad esempio il
    credito d’imposta per gli esercenti impianti distribuzione carburante (articolo 1,
    comma 924, legge 205/17) e quello per il recupero dei contributi Ssn (articolo 1,
    comma 103, legge 266/05).

  4. #4
    La matta è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Imperia
    Messaggi
    3,351

    Predefinito

    Chissà. Magari arriva una circolare la sera prima della scadenza. Meglio prima che dopo, no?

  5. #5
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    546

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da orion38 Visualizza Messaggio
    Da Il Sole 24 ore di oggi:

    Resta fitta la nebbia sulla compilazione del prospetto “Aiuti di Stato” nei modelli
    Redditi 2019 (righi RS401 e RS402) e Irap 2019 (righi IS201 e IS202).

    Nonostante il termine per la trasmissione telematica si avvicini, nessuno risponde
    alle tante perplessità delle imprese. Va ricordato (si veda «Il Sole-24 Ore» del 15
    maggio e del 23 luglio 2019) che la previsione del prospetto si deve all’istituzione
    del Registro nazionale degli aiuti di Stato (Rna), articolo 52 della legge 234/12, e al
    regolamento approvato con decreto dello Sviluppo economico 115/17.

    Quest’ultimo distingue due tipologie di aiuti:
    quelli soggetti a un procedimento di concessione (disciplinati dagli articoli 8 e 9);
    quelli non subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione o di
    autorizzazione alla fruizione, la cui disciplina è contenuta nell’articolo 10.
    Per questi ultimi (e per quelli con provvedimenti concessori a importo non
    determinato), gli obblighi di consultazione del Registro e di registrazione dell’aiuto
    individuale sono assolti dall’Amministrazione competente preposta alla fase di
    fruizione in un momento successivo alla fruizione stessa; in particolare, gli aiuti
    fiscali “automatici” (si pensi al credito d’imposta “formazione 4.0”) si intendono
    concessi e sono inseriti nel Registro nazionale dalle Entrate nell’esercizio
    finanziario successivo a quello di presentazione della dichiarazione fiscale nella
    quale sono dichiarati dal beneficiario. In base alle istruzioni, il prospetto va
    compilato anche dai soggetti che hanno beneficiato nel periodo d’imposta di aiuti
    fiscali nei settori dell’agricoltura e della pesca e acquacoltura, da registrare nei
    registri Sian (Sistema integratico agricolo nazionale) e Sipa (Sistema italiano della
    pesca e dell’acquacoltura). Per cui, per rispondere ad un quesito frequente, le
    imprese non devono inserire nel prospetto dichiarativo gli aiuti già presenti nei
    Registri (come, ad esempio, la contribuzione della legge Sabatini), in quanto il dato
    verrebbe duplicato.
    Il prospetto inserito nella dichiarazione serve a completare il Rna degli importi che
    gli enti preposti non possono inserire, per mancanza di informazioni

    E, sempre per rispondere a un altro dubbio diffuso, non si deve replicare esattamente quanto già
    inserito nella nota integrativa in adempimento di quanto previsto dall’articolo 1,
    commi 125 e seguenti, della legge 124/17, se non altro perché per il prospetto dei
    modelli Redditi e Irap non vige alcuna soglia minima di indicazione di 10mila euro
    annui (come è previsto, invece, per i bilanci) e inoltre il principio non è quella di
    “cassa” ma quello di “competenza”, nel senso che occorre indicare gli aiuti i cui
    presupposti per la fruizione si sono verificati nel periodo d’imposta di riferimento
    della dichiarazione.

    Anche qui è opportuno fare un esempio. Le imprese che hanno fruito nel 2014 della
    “Tremonti quater” (articolo 18 del decreto legge 91/14) hanno utilizzato in
    compensazione nel modello F24 nel corso del 2018 la terza quota
    dell’agevolazione, che va indicata nel quadro RU (precisamente nella sezione I, con
    codice A9 a rigo RU1) ma non nei righi RS401 e 402, perché il diritto alla fruizione
    del credito è maturato all’atto dell’effettuazione dell’investimento, generalmente nel 2014.
    La tabella allegata alle istruzioni al quadro RS cita, invece, il bonus per gli
    investimenti nel Mezzogiorno (articolo 1, comma 98, legge 208/15), i cui
    presupposti potevano sorgere nel 2018.
    Inoltre, poiché le istruzioni sono chiare nel limitare l’indicazione alle agevolazioni
    di natura fiscale, si ritiene che non vada riportata alcuna forma di sgravio
    contributivo o altri benefici di natura previdenziale o assistenziale.

    Così come non va indicato ciò che non è aiuto di Stato o de minimis (come l’Ace, il
    super o iper-ammortamento, il patent box e il credito d’imposta ricerca e sviluppo).

    A nostro avviso (ma un chiarimento sarebbe opportuno) sfuggono all’indicazione
    anche il contributo Gse e il credito d’imposta per il cosiddetto “caro petrolio”
    (articolo 61 del decreto legge 1/12), mentre vanno inseriti il “bonus alberghi”
    (decreto legge 83/14 – codice 999) e i tanti aiuti de minimis, come ad esempio il
    credito d’imposta per gli esercenti impianti distribuzione carburante (articolo 1,
    comma 924, legge 205/17) e quello per il recupero dei contributi Ssn (articolo 1,
    comma 103, legge 266/05).
    Intanto ti ringrazio tantissimo perché ho un miliardo di articoli ma questo mi è sfuggito, poi sulla sabatini giusto appunto è l'unico contributo che risulta a registro, io l'avevo indicato credendo di far bene leggendo i tanti articoli precedenti, mah vatti a fidare....

  6. #6
    CATIA71 è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    546

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da CATIA71 Visualizza Messaggio
    Intanto ti ringrazio tantissimo perché ho un miliardo di articoli ma questo mi è sfuggito, poi sulla sabatini giusto appunto è l'unico contributo che risulta a registro, io l'avevo indicato credendo di far bene leggendo i tanti articoli precedenti, mah vatti a fidare....
    E ringrazio tantissimo anche il Dr.Dulcamare per i preziosi articoli pubblicati... effettivamente a me hanno tolto tanti dubbi cioè alla fine in una situazione normale non è che c'è poi molto da indicare.

  7. #7
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,329

    Predefinito

    Ci sono novità su questo tema?

    Rimangono grossissimi dubbi:
    - GSE
    - Sabatini
    - accise caro petrolio
    - bonus librerie
    - credito invio Lipe
    - credito registratori di cassa
    - credito IRAP per assenza dipendenti
    ecc.
    Ultima modifica di dott.mamo; 11-11-19 alle 04:00 PM
    « Il capitalismo non è intelligente, non è bello, non è giusto, non è virtuoso e non mantiene le promesse. In breve, non ci piace e stiamo cominciando a disprezzarlo. Ma quando ci chiediamo cosa mettere al suo posto, restiamo estremamente perplessi. »
    (John Maynard Keynes, Autosufficienza nazionale, 1933)

  8. #8
    dott.mamo è offline Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    2,329

    Predefinito

    In merito al credito "spesometro e invio Lipe" del 2018 di 100 euro, leggendo come era stato introdotto, mi pare che sarebbe da indicare come aiuto di stato, confermate?

    Si ricorda, da ultimo, che ai sensi dell’articolo 21 ter, comma 3 bis, D.L. 78/2010, tutte le
    richiamate agevolazioni sono concesse nei limiti e alle condizioni previsti dal regolamento
    (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013, relativo all'applicazione degli
    articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti "de minimis".
    Tuttavia, essendo relativo a spese sostenute nel 2017 e quindi di competenza nel 2018, pur con compensazione nel 2018, non va indicato, giusto?

    La fruizione (compensazione) è nel 2018 ma il presupposto è del 2017.
    Ultima modifica di dott.mamo; 12-11-19 alle 04:23 PM
    « Il capitalismo non è intelligente, non è bello, non è giusto, non è virtuoso e non mantiene le promesse. In breve, non ci piace e stiamo cominciando a disprezzarlo. Ma quando ci chiediamo cosa mettere al suo posto, restiamo estremamente perplessi. »
    (John Maynard Keynes, Autosufficienza nazionale, 1933)

  9. #9
    Manu è offline Member
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    57

    Predefinito

    ma quando ci decideremo a scioperare seriamente? negli ultimi anni siamo diventati schiavi dell'agenzia delle entrate e sempre peggio retribuiti

  10. #10
    PAOLA CA è offline Member
    Data Registrazione
    Feb 2010
    Messaggi
    225

    Predefinito

    Il contributo agea ricevuto dalle cooperative agricole per la coltivazione dei terreni, è considerato aiuto di stato? va dichiarato in RS? e il contributo GSE ricevuto per pannelli fotovoltaici?

Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Aiuti di stato cooperative
    Di pamela77 nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-10-19, 04:20 PM
  2. aiuti di stato
    Di parisiremigio nel forum UNICO/730 dichiarazione dei redditi
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-10-19, 01:35 PM
  3. Aiuti di stato incompatibili ....
    Di studiogranata nel forum Manovre fiscali, legge stabilità e Finanziarie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-12-10, 12:05 PM
  4. Aiuti di Stato
    Di massimo6000 nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-08-10, 04:11 PM
  5. Aiuti Di Stato Che Confusione
    Di gaeconta nel forum Altri argomenti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-12-07, 11:44 AM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15