Buon pomeriggio, sono uno studente a carico dei genitori e proprietario di un immobile. Attualmente convivo con i miei genitori in un'altro immobile situato nello stesso comune di quello di mia proprietà e più nello specifico esattamente a fianco.

Se i miei genitori dovessero sostenere le spese di ristrutturazione dell'immobile di mia proprietà, sarebbero loro in grado di portare in detrazione le spese in qualità di familiari conviventi?

Ho letto molte risoluzioni e circolari dell'agenzia delle entrate, compresa la sentenza del 2009 di reggio emilia (convivenza che si può esplicare anche in senso astratto e futuro).

Personalmente ritengo che essendo l'immobile di mia proprietà a disposizione (in quanto non affittato o dato in comodato) la convivenza si possa esplicare in tale immobile e pertanto i miei genitori potrebbero fruire delle detrazioni inerenti a Superbonus/Ecobonus. Potrei essere più titubante riguardo alle detrazioni per recupero del patrimonio edilizio in quanto richiedono che la ristrutturazione sia fatta su immobili in cui "di fatto" si esplica la convivenza.

Nonostante ciò ho ricevuto pareri parecchio contrastanti (Con due chiamate con operatori dell'agenzia delle entrate ho ricevuto una risposta positiva e una negativa, un commercialista mi ha risposto potrebbe essere di si, un altro rigorosamente no) e domani mi recherò al CAF per provare a chiedere cosa ne pensano loro.

Qualcuno ha esperienze dirette in materia? Casi in cui sono state concesse/negate le detrazioni (e le motivazioni della negazione)?

Grazie in anticipo, buona giornata.